IVG.it - Notizie Savona e Provincia

Tirreno Power, fotomontaggio Auschwitz: un figlio di un partigiano scrive all’Anpi

Salve e buona giornata, come sono tutte le giornate dopo il 25 Aprile 1945.

Vi scrivo in quanto da poco tempo ho scoperto della possibilità di potersi iscrivere all’Anpi pur non essendo stati partigiani. Sono figlio di un partigiano decorato ed avendo da pochi mesi scoperto che c’e la possibilità di versare il 5 per mille delle proprie tasse per sostenere l’Anpi, stavo per richiedervi l’iscrizione, quando mi è venuto un dubbio leggendo delle iniziative prese dall’Anpi di Savona che mi hanno fatto dubitare che si trattasse dell’associazione a cui era stato iscritto come partigiano mio Padre fino alla sua Morte. Mi è sorto allora il dubbio che il marchio Anpi Savona fosse stato ceduto ai cinesi così come molti altri brand Italiani. Vi domanderete perchè affermo ciò, ve lo spiego subito. Mi sono chiesto come può l’Anpi Savonese appoggiare una iniziativa come quella adottata dalla associazione uniti per la salute che intende avversare e far chiudere la centrale di Vado ligure. Come può non dire nulla quando membri della associazione suddetta postano foto modificate come quella che raffigura il cartello che era posto all’ingresso del Lager di Auschwitz con sul retro la centrale di Vado ed i suoi camini. Ed ancora, come può schierarsi l’Anpi Savonese contro dei lavoratori.

Mi sono dato una risposta: questa non è certo l’Anpi che ho conosciuto quando con mio padre partecipavo alle iniziative di commemorazione dei caduti e dei deportati, alle feste per la liberazione dai Nazifascisti, alle manifestazioni per combattere chi penalizzava il mondo del lavoro ed i lavoratori, contro i governi che avversavano loro e le loro Famiglie. La storia dell’Anpi, quella vera, quella dei partigiani, quella che ha fatto attribuire a Savona la medaglia d´oro per la resistenza, è la storia di chi anche a Savona andò nelle fabbriche a reclutare partigiani; è la Storia di coloro che difesero le fabbriche dai Nazifascisti; è la storia di chi dalle fabbriche fu deportato nei lager perchè difendeva il lavoro e si opponeva alla tirannide Nazifascista, ed in quelle fabbriche a Savona, a Vado Ligure, a Cairo, a Bragno c’e ne era e tanto di carbone. Forse questo voi non lo sapete né lo ricordate perchè avete ceduto ad altri il vostro marchio, altrimenti non avreste appoggiato coloro che Avversano la ristrutturazione della centrale di Vado Ligure.

Non mi risulta che abbiate mai preso contatti con i lavoratori che operano dentro la Centrale stessa né con i loro Rappresentanti sindacali: da essi avreste appreso che si può utilizzare il carbone per produrre energia elettrica, di cui anche voi fate largo uso, inquinando molto meno rispetto ad oggi. Se aveste ascoltato costoro, non appoggereste certo quelle associazioni destrorse come quelle dei grillini o di uniti per la salute o delle altre associazioni per lo più formate da chi avversa il mondo del lavoro; basta guardare coloro che sempre in minor numero, per fortuna, manifestano di fronte alla centrale di Vado.

Per questi motivi, così come la penserebbe un partigiano come fu mio padre, non aderirò all’Anpi Savonese fino a che non vedrò con i fatti la netta presa di distanza da parte vostra rispetto a chi vuole far chiudere le fabbriche; solo allora tornerò a pensare che l´Anpi sarà tornato a rappresentare di nuovo i valori con cui io sono cresciuto e mi sono formato come uomo e come lavoratore.

In merito al fotomontaggio mi sono anche chiesto come mai dalle istituzioni e dai partiti non sia venuta una levata di scudi contro questa iniziativa ignobile che per altro è stata fatta nel giorno della memoria: la medaglia d´oro alla resistenza, oltre che conservarla in bacheca, bisogna difenderla quotidianamente.

Luigi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Iosif

    @ Carlo questi che strepitano come cornacchie, sono quelli che girano con il SUV, e l’Iphone senza saperli usare.
    Ma il loro SUV non inquina perchè è il loro.
    Ipocriti!

  2. Scritto da Carlo M.

    Ecco che ci ricadono. Persone che paragonano l’Eternit alla Centrale di Vado che produce energia rispettando tutti i limiti di legge richiesti dalla comunità europea. Però…però…è evidente oramai che si è creato un gruppo d’interesse molto potente che non si sa a chi risponde ma che persegue interessi ben precisi per danneggiare la centrale e Tirreno power. La gente ha buon senso e lo ha capito e sta alla larga da chi urla e strepita tanto perchè sa che c’è sotto qualcosa. C’è puza di bruciato. Non è un caso che all’ultima manifestazione indetta da 33 associazioni c’erano 100 persone (3 per associazione).
    Basta non se ne può .

  3. Scritto da Bandito

    Luigi, da nipote di partigiana fucilata non posso che approvarti, BRAVO.

  4. Scritto da Ragazzi del Manfrei

    Bravo Luigi

  5. Autore del commento
    Scritto da Resist

    Caro Luigi,
    son sicuro che tuo papà avrebbe voluto veder chiuse in tempo l’Eternit di Casale, l’Acna di Cengio ed altre fabbriche che hanno prodotto morte e infinite sofferenze a tanti lavoratori e alle loro famiglie.
    La tecnologia del “carbone” produce morte, lo hanno già capito in tutto il mondo. Di fatti chi può chiude e negli USA non se ne aprono più.
    Vogliamo fabbriche che rispettino la salute e la vita di chi ci lavora e son certo che le vuoi anche tu.