IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vado Ligure, incendio provocato da un petardo presso l’area camper sull’Aurelia foto

Vado Ligure. Mentre non cessa l’emergenza sulle linee del fuoco che vanno avanti dalla notte di Natale, le energie dei vigili del fuoco sono assimilate anche da altri episodi. Stamane intorno alle 10,30 un rogo con molto fumo è divampato presso l’area camper sull’Aurelia, di fronte al pontile Enel, sempre a Vado.

Sul posto sono giunti, insieme alla squadra dei pompieri di Savona, polizia, vigili urbani e Croce Rossa. La presenza di fumo denso che ha invaso l’Aurelia ha costretto a chiudere al traffico la strada per la durata della bonifica. L’incendio è stato innescato dall’esplosione di botti o petardi, percepita nella zona. Testimoni hanno riferito di aver visto un’auto scura transitare nella zona e una mano gettare dal finestrino qualcosa sull’area.

E sempre sull’ipotesi dei petardi stanno lavorando gli investigatori e specialisti del Nipaf della Forestale che indagano sul rogo di Segno, ora spostatosi verso San Genesio. Potrebbe essere infatti l’imperizia di alcuni ragazzini ad aver provocato il primo incendio, quello pomeridiano, dal quale sono partite le fiamme (moltiplicate in più focolai) che hanno preso a riardere durante la serata della vigilia natalizia.

Non si escludono però altre ipotesi, compresa quella dolosa, anche se si ritiene che un piromane avrebbe agito in piena macchia, mentre sembra assodato che il disastro sia partito in prossimità dell’abitato di Segno.

Preoccupa invece, ora, l’eventualità di gesti di emulazione o di veri e propri maniaci incendiari, cui potrebbe essere riferibile il fatto dell’area camper. Si tratta soltanto di una possibilità, ma comunque valutata seriamente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Johnny99

    Compitino a casa
    Prendete una scatola di petardi
    foglie secche, rami, pigne… e mettete tutto in un secchio.
    Tirate tutti i petardi nel secchio e vedrete che NON prende fuoco

    Altro compitino a casa
    Fate lo stesso con mozziconi di sigaretta, sigaro, pipa, quello che volete.

    Far partire un incendio non è tanto facile, solo la mano dell’uomo, dolosamente o colposamente, può riuscirci.

    Ed in Liguria tutti sanno che col tempo secco e soprattutto col vento NON si bruciano sterpaglie, si aspetta la pioggia così come tutti dovrebbero far caso a come gli incendi partano sempre SEMPRE nei fine settimana o nei giorni festivi. Questo dovrebbe far pensare, soprattutto i magistrati.

  2. Belan
    Scritto da Belan

    Io sti cavolo di “petardi” li abolirei di partenza.
    Soprattutto perchè sono sempre in mani sbagliate; almeno ce le lasciassero le mani!
    Guarda che danno per 2 dementi a fare dei botti che rompono solo le scatole!