IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vaccarezza su manovra: “Diventerò il podestà della Provincia? Ringrazio Monti per la fiducia”

Provincia. “Ho solo una perplessità: ma se il governo eliminerà le giunte provinciali, il presidente diventerà un organo monocratico? Cioè, io sarò il podestà della provincia di Savona? Ringrazio il neo senatore a vita Monti per la fiducia che mi concede”. E’ il sarcastico commento di Angelo Vaccarezza, numero uno di Palazzo Nervi, alla manovra “Salva Italia” che va a colpire gli enti intermedi tra Comuni e Regioni.

“E poi – continua ad interrogarsi Vaccarezza – se aboliamo le Province, a chi verranno assegnati i compiti che esse svolgono? Ho sempre sostenuto che, in un momento straordinario, vadano prese decisioni straordinarie e che la poltica non può sottrarsi ad una razionalizzazione, però le modalità devono essere chiare e, soprattutto, utili allo scopo di abbattere i costi che gravano sui cittadini”.

“Ricordo che gli enti provinciali rappresentano l’1,8% dei costi della politica: ecco, vorrei veder metter mano anche al restante 98,2% – sottolinea il rappresentante di Palazzo Nervi – Oggi partirò per Roma per partecipare all’assemblea dell’Upi che, tra l’altro, ha espresso perplessità sulla costituzionalità di questo provvedimento. Sarà un’occasione non solo per parlare del futuro delle Province ma anche per farci qualche domanda su altri enti che costano ancora di più come le Regioni”.

“Ricordo che le Province sono rette da amministratori, mentre le Regioni da politici che hanno stipendi 10 volte superiori e i privilegi dei parlamentari; il numero di questi ultimi, fra l’altro andrebbe ridotto drasticamente – incalza Vaccarezza – Io ho sempre fatto l’amministratore e, rispetto agli onorevoli, ho il vantaggio di essere stato eletto dai cittadini, al contrario loro. Rispetto ai consiglieri regionali e agli onorevoli, inoltre, sono responsabile dei miei atti: per tutti gli altri vige invece, per legge, un tacito riconoscimento di incapacità di intendere e di volere”.

“Se Monti vuole tagliare i costi della politica che lo faccia davvero e con serietà: così è come pretendere di sfilare i pantaloni agli italiani dalla testa: il che è doloroso. Mi dispiace molto ma la partenza del Governo Monti a mio avviso non è proprio delle migliori, se la sua intenzione è solo quella di “far cassa” senza avere un’idea e dei progetti reali che permettano il rilancio del nostro Paese e della sua economia era molto meglio il Governo Berlusconi.” conclude Vaccarezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    “le Regioni da politici che hanno stipendi 10 volte superiori e i privilegi dei parlamentari; il numero di questi ultimi, fra l’altro andrebbe ridotto drasticamente – incalza Vaccarezza ”
    .
    Anche su questa necessita’ …. concordo pienamente ……

  2. IronMan
    Scritto da IronMan

    @Resist . . . pensa che Monti ha scontentato tutti ! i tuoi amici sindacati, il PD, e ovviamente PDL e Lega . . . solo il Terzo Polo non ha la forza di dire NO, si attacca all’ossigeno e continua a difendere questa manovra ! Visto che pensi, pensa un po’ se PDL e Lega non votassero il decreto Monti . . . si fa presto a fare il buliccio con il cu7o degli altri ! ciao Castell . . . azzi!

  3. Scritto da Droppy

    Speriamo sia la volta buona. Le provincie sono inutili forse solo meno del Cnel.

  4. Scritto da marcoz

    forse non gli è chiaro una cosa ma la giunta è fatta dal sindaco più gli assesori. L’Upi dice delle cavolate in quanto per modificare l’organizzazione non è necessaria nessuna legge costituzionale basta un decreto legge che modifica il testo unico sugli Enti locali che li disciplina. Sono d’accordo con lei il costo della Provincia è irrisorio rispetto a quello dalla Regione ma intanto l’abolizione delle Province era già previsto e poi obiettivamente per ora si parla solo di eliminare il costo della parta politica e non di eliminare la provincia (quella si che va fatta con legge costituzionale) 10 consiglieri mi sembrano più che sufficienti per interagire tra comune e regione e visto che la Provincia è solo un organo intermedio non vedo il ruolo di decisore che ha assunto

  5. B.O.S.S.
    Scritto da B.O.S.S.

    Intanto scenderete già in piazza a manifestare.
    Niente lacrime e sangue, ah ah ah ah.
    Ma quanto brucia ancora a voi? visto che Berlusconi è il vostro incubo anche fuori dal governo.