IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Una telefonata da Albisola ha incastrato gli assassini di Rosa Vivalda Bellino foto

Savona. Due ladri albanesi già autori di furti e tentati furti nella zona del Basso Piemonte, con precedenti specifici e già conosciuti alle forze dell’ordine. Questi i due assassini di Rosa Vivalda Bellino, la pensionata di 88 anni che nella notte fra il 14 ed il 15 dicembre scorso è stata uccisa nel suo appartamento in via De Rege ad Albisola Capo durante un tentativo di furto.

Viktor Markja, 21 anni, era già stato arrestato ad Acqui Terme assieme al connazionale Merita Murra, per furto, oltre ad essere stato fermato a Nizza Monferrato dopo il tentativo di colpo in un bar del centro cittadino. Anche Eugen Dervishi, 25 anni, era già finito nei guai per il medesimo reato.

I due albanesi fermati erano sospettati di altri furti in villa avvenuti negli ultimi tempi nell’alessandrino, per questo “seguiti” nei movimenti dagli investigatori. Gli arresti di oggi confermano la pista investigativa seguita fin dall’inizio dagli inquirenti, ovvero di una banda di malviventi arrivata da fuori Provincia e specializzata in colpi a ville o abitazioni.

Ad incastrare i due una telefonata “affannosa” fatta proprio a Celle Ligure poco dopo l’ora del delitto. Da lì gli ulteriori accertamenti che hanno portato ai due fermi. Gli albanesi si trovano ora rinchiusi nel carcere Sant’Agostino di Savona con l’accusa di omicidio volontario e tentata rapina.

Secondo quanto riferito gli investigatori, nell’ambito dell’operazione, avrebbero sequestrato ad uno degli arrestati anche un’arma da fuoco, una carabina calibro 22 con munizioni, e sembra anche l’arma del delitto: un piede di porco utilizzato per colpire l’anziana albisolese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da freeholly9

    Basta non ne possiamo piu per certa gente ci vorrebbero le leggi razziali e delle squadriglie per farle rispettare

  2. Scritto da MarioCicciu

    Non posso dire cosa gli farei io… mi autocensuro.

    PS: attendo con ansia i commenti di chi, ad oggi, ha ancora il coraggio di difenderli.
    Comunitari e non, al primo reato, espulsione e pena nel paese d’origine. Se a seguito dell’espulsione rientrano clandestinamente in Italia, ergastolo al loro paese…anche se per alcuni ci vorrebbe ben altra pena…

  3. Belan
    Scritto da Belan

    Ma con tutti i delinquenti italiani che ci sono , bisogna farne arrivare altri dall’Albania ed anche peggiori e senza scrupoli?
    Sono d’accordo…occhio per occhio …in Albania avrebbero fatto cosi’!

    Comunque hanno rotto!

  4. Scritto da marchini

    belin leggi di prostituzione …sono loro …leggi di droga …sono loro …leggi di stupri e di risse ….sono sempre loro ..
    io sono sempre stata di sinistra , ma mi sono rotta !!! dobbiamo dare il permesso alla marina italiana di sparare sui gommoni carichi di delinquenti !!! fuoco a volonta’ !!! affondiamoli tutti !!! mettiamoli in galera per tutta la vita sti bastardi!!!

  5. Scritto da giasone

    forse la comunità albanese potrebbe suggerire qualche trattamento tradizionale