IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Un drone sorvola Borgio Verezzi: dimostrazione dell’occhio volante che scova gli abusi foto

Borgio Verezzi. Tecnologia militare e film di fantascienza: non sono solo questi gli ambiti popolati dai droni, cioè quei velivoli in grado di operare senza pilota. Considerati i progressi della robotica e della microelettronica, i droni possono anche essere impiegati nell’uso civile per le esigenze aerofotogrammetriche e di rilievo topografico.

Ne ha dato una dimostrazioone oggi Valerio Zunino, amministratore dello Studio Sit di Savona, specializzato in cartografia per la pubblica amministrazione, davanti al municipio di Borgio Verezzi. Un piccolo drone ha rivelato le sue potenzialità alla presenza del sindaco Renato Dacquino. “Può avere il fiuto del territorio ed evidenziare abusi ambientali – ha sottolineato il primo cittadino – E’ un apparecchietto di soltanto un chilo che può avere molteplici funzioni sorvolando le aree geografiche”.

“Si tratta di un quadricottero di un metro massimo di diametro – spiega Zunino – In gergo si chiama Uav, acronimo di ‘unmanned aerial vehicle’, ovvero veicolo aereo senza pilota umano. E’ in grado di effettuare riprese su un’area precedentemente mappata, infatti è guidato dal segnale Gps. Uniche condizioni per la sua operatività sono, appunto, la presenza di copertura Gps e vento sotto i cinque nodi. Autonomamente realizza il piano di volo che è stato programmato in ufficio”.

Il drone è in grado, con il suo occhio elettronico, di immortalare sino a cinque ettari di territorio. “E’ molto piccolo, decolla e atterra verticalmente, ha costi ridotti. Il suo impiego è davvero trasversale – aggiunge Zunino – dal rilievo di discariche abusive o di illeciti edilizi sino alla topografia pura”.

Il mini-velivolo può anche essere utilizzato nel rilievo delle frane e, non a caso, diversi geologi sono interessati ad esplorarne le possibilità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Droppy

    I primi che non vogliono scoprir gli abusi sopratutto edilizi sono gli amministratori comunali. Per scoprire li abusi non c’e bisogno di droni ma basta volerli vedere.

  2. Scritto da Resist

    Se è vero che in Italia ci sono 2 milioni di case sconosciute al catasto, questo occhio volante potrebbe aiutare a scovarle.
    Si potrebbero incassare 2 miliardi di euro subito ed un gettito annuale di 700 milioni di euro.

  3. IronMan
    Scritto da IronMan

    Bisogna che il drone sorvoli anche i bar di Borgio, dove i dipendenti (in orario d’ufficio) sono soliti far colazione tutti i giorni (eccetto che nei giorni di chiusura dei bar, ovviamente) . . .e sono in buona compagnia di altri dipendenti pubblici che arrivano a Borgio per le ottime brioches di pasticceria . . che dire, un drone in missione scova sempre tante persone !