IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power, in Regione la delibera che autorizza la ristrutturazione della centrale

Vado Ligure. La giunta regionale ligure approverà domani, martedì, la delibera che autorizza la ristrutturazione della centrale termoelettrica di Vado Ligure. Il progetto prevede un nuovo gruppo da 460 MW e la ricostruzione integrale delle unità ormai obsolete per adeguarle alle moderne tecnologie. Un investimento complessivo 1,4 milioni di euro, una parte dei quali, circa 200 milioni, destinati al settore delle fonti rinnovabili.

“Se approvi un’opera del genere emerge un problema enorme, ma se non la fai salta l’investimento e saltano le ricadute occupazionali sul territorio ligure come per l’Ansaldo. Questa pratica la approviamo dopo un lungo e difficilissimo dibattito” ha sottolineato il governatore Burlando.

Il sindaco di Quiliano, Alberto Ferrando, impegnato a proseguire la battaglia anti-ampliamento, sottolinea: “Si susseguono i passaggi ambigui. L’ennesimo è il silenzio del Ministero della Salute sulla perizia che insieme al Comune di Vado abbiamo fatto realizzare dalla società ‘Terra’ sulla documentazione tecnica della Tirreno Power.

E’ solo l’ultima delle situazioni paradossali: il Ministero dà un parere sulla base delle prescrizioni del decreto di compatibilità di Via, mentre lo studio del dottor Stevanin che abbiamo commissionato demolisce le prescrizioni ministeriali. E il Ministero cosa fa? Anziché confutare la perizia della società ‘Terra’, rimane in silenzio”.

In occasione del ministro all’istruzione, oggi a Savona, Uniti per la Salute, comitati e associazioni anti-carbone hanno consegnato a Francesco Profumo una lettera-appello per fermare l’ampliamento.

Per domani, inoltre, è prevista la firma dell’Intesa per il Lavoro che intende massimizzare le ricadute sull’economia savonese e ligure dell’intervento sulla centrale vadese. In Camera di Commercio saranno presenti, oltre all’ad di TP Giovanni Gosio, l’assessore regionale Renzo Guccinelli, il presidente provinciale Angelo Vaccarezza ed il presidente dell’ente camerale Luciano Pasquale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marchini

    finalmente …un po di lavoro e lasciamo perdere finalmente i pseudoambientalisti che usano le macchine anche per fare 100 metri epoi urlano contro lo sviluppo e i posti di lavoro di cui a loro non frega niente… ma ….fatemi il favore….andate a lavorare!!!