IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power, Costagli (Pd Vado Ligure): “Non bisogna chiudersi in un angolo, ma trattare per altri passi avanti”

Più informazioni su

Vado Ligure. Dal circolo del Pd di Vado arriva la conferma di una linea comune con la segreteria provinciale sulla questione spinosa dell’ampliamento della centrale termoelettrica. Così Roberto Costagli, responsabile del circolo cittadino: “Rivendichiamo il grande lavoro svolto dal Partito Democratico per arrivare al risultato sin qui raggiunto. Siamo partiti da posizioni molto lontane, con momenti difficili: con il circolo di Quiliano abbiamo portato in primo piano le nostre posizioni ed abbiamo avuto il nostro spazio di discussione in Regione. Il presidente Burlando e gli assessori sono stati interessati alle opinioni del territorio”.

“Riteniamo – prosegue Costagli – che la delibera regionale contemperi le ragioni ambientali e di salvaguardia del territorio con i temi dello sviluppo e la creazione di posti di lavoro, ma anche l’esigenza del nostro paese sull’energia elettrica. Ora si tratta di capire se lo spiraglio, per ottenere maggiori garanzie rivendicate dai territori, sia praticabile. Come nella migliore tradizione del centrosinistra e di Vado, saremo protagonisti in modo determinanti in queste vicende, per avere il riconoscimento di tutele e ricompense. La Regione si proporrà ancora come interlocutore per rivedere alcuni aspetti”.

Il segretario provinciale Di Tullio e il governatore Burlando hanno espresso “amarezza” per l’assenza dei sindaci Ferrando e Caviglia al tavolo delle trattative, auspicando un maggiore coinvolgimento d’ora in poi, anche se i termini dell’accordo sulla ristrutturazione dell’impianto e la convenzione per le compensazioni sono ormai inquadrati. Dello stesso avviso Costagli, che però sottolinea: “Inutile le polemiche interne, perché il Pd è unito e forte e così evita che i territorio paghino i costi delle non scelte. Non bisogna certo chiudersi in un angolo. Il Pd provinciale è stato coerente con il percorso, pur difficile, che però ha portato passi in avanti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Socrate

    Ma lo sanno Costagli, la regione ecc. che abbiamo un esubero di energia elettrica e che si inquina qui per rivenderla all’estero? che se proprio la vogliamo produrre ci sono tecnologie molto meno inquinanti e molto redditizie ugualmente? CHe i mille e più posti di lavoro sono una balla galattica perchè contemplano anche le ditte che costruiscono l’impianto che spesso non sono nemmeno locali e che per fare andare un impianto nuovo servono pochissime persone?
    E poi il PD non è unito una bella pippa! Come minimo è diviso tra chi ha una coscienza e chi non ce l’ha, tra chi è coerente e chi non lo è, tra chi è rigoroso e chi invece è oppportunista. E mi spiace anche notare come la parte dei privii di coscienza, incoerenti e opportunisti sia in maggioranza, ma non me ne stupisco più di tanto….

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Un tale che si era impelagato in una vicenda sottoposta a referendum …
    e si e’ iinguaiato assumendo una posizione contraria al voto popolare …
    (e fin qui puo’ anche andare)
    ma con espedienti ha tentato di boicottarlo ….
    (sommando panzane a panzane in una battaglia che avrebbe certamente vinto se avesse avuto “onesta” verso gli elettori chiedendo nuovamente a loro …
    unici a poter riconsiderare una decisione presa …
    una conferma o una prova di fiducia nelle sue intuizioni)
    ecco
    quel pasticcione ora e’ fuori ….
    .
    Chi “sara’ presto fuori” in questa vicenda … in questo ignorare il voto popolare?
    .
    Io dico che spariranno le regioni … che appaiono ormai fonti di spesa non necessaria … in un periodo in cui i quattrini tendono a diminuire.
    .