IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Striscione “Giù le mani dall’ospedale di Albenga”, Melgrati: “La pioggia ha impedito l’istallazione, torneremo domani”

Albenga. “Oggi un gruppo di stoici si è riunito davanti all’ospedale di Albenga per innalzare lo striscione ‘Giù le mani dall’Ospedale di Albenga’, ma la pioggia battente ne ha impedito l’installazione. Torneremo domani per piazzare lo striscione e lasciarlo a monito per tutti quelli che passano” riferisce il consigliere regionale Pdl Marco Melgrati che ha realizzato l’iniziativa.

Presenti oggi anche Anna Borrella, pasionaria del Centro-destra albenganese, che sta raccogliendo per conto del Pdl le firme contro la dismissione di servizi dell’Ospedale di Albenga; il neo-assessore provinciale Roberto Schneck, il consigliere di maggioranza di Alassio del Pdl Fabio Lucchini, il sindacalista dell’Ugl Alfio Contarino e alcuni altri volenterosi, tra cui Stefano Comparato, Tiziano Bonfai.

“Mi fa piacere” dichiara Marco Melgrati “la partecipazione dell’amico Roberto Schneck e il conforto di altri politici del ponente, tra cui il Sindaco di Albenga Rosy Guarnirei, da sempre impegnata sul fronte della difesa del nosocomio di Albenga, a volte mi sento solo a condurre questa battaglia…mi sento come Don Chisciotte contro i mulini a vento della Regione, rappresentati dall’assessore Montaldo e dal presidente Burlando. Proprio oggi leggiamo che Burlando vuole aumentare le tasse dei liguri per sanare il buco di bilancio della Sanità, stupisce il silenzio dell’amministrazione di Alassio e del Sindaco Avogadro, che non ha aperto bocca sulla dismissione dell’Ospedale di Alassio, con la chiusura e lo spostamento ad Albenga di R.s.a., Fisioterapia, Radiologia e Dialisi, nonché la chiusura dell’Asilo del nonno; non hanno fiatato sul cambio di destinazione d’uso in alloggi che la Regione vuol fare ad Alassio per fare cassa, quando ha ancora da vendere i negozi sulla via Aurelia, lascito dei munifici donatori, dell’A.s.l. nella transazione con il Comune; e soprattutto “non si sentono” in merito al declassamento e all’impoverimento dell’Ospedale di Albenga; capisco essere funzionali ai “padroni” del Partito Democratico, ma così è troppo”.

“Noi continueremo la battaglia domani alle 15, tempo permettendo, innalzeremo lo striscione, e se necessario promuoveremo una grande manifestazione, prima ad Albenga e poi sotto i prestigiosi uffici della Regione di Piazza de Ferrari, e interromperemo il consiglio regionale, come ormai è consuetudine” conclude Melgrati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Alcune cose non vanno in questa struttura, per molti versi da encomiare …
    e’ una delle poche che mettono a disposizione i servizi in tempi brevi …
    magari nel pomeriggio o nella sera.
    .
    Pur apprezzandone le caratteristiche non la frequento piu’ … e’ come non esistesse ….
    e se viene chiusa … per me’ …. poco male.
    .
    Il problema e’ nel personale inadeguato ….
    .
    la scortesia di chi svolge quel lavoro inutile della raccolta dei ticket …
    non tutti … ma basta incappare una volta nella persona sbagliata e via ….
    meglio andare altrove,
    .
    la scortesia e’ un “must” di questa struttura e la si ritrova anche altrove …..
    in chi non capisce che un po’ di elasticita’ e’ indispensabile …:
    .
    mi e’ capitato di cercare una visita … difficile trovare posto in tempi accettabili …
    (alla faccia del sistema di prenotazione unico ….
    provo a chiamare direttamente i vari ospedali ….)
    .
    finalmente “qui in questa struttura” mi viene offerta la visita per il tardo pomeriggio …
    parto da Milano e raggiungo per tempo Albenga …
    ovviamente non ho ancora pagato il “maledetto” ticket …
    ma gli uffici sono chiusi e non si puo’ pagare ….
    allora ….
    basterebbe avere un po’ di materia grigia per trovare una soluzione adeguata ….
    ma questa e’ completamente assente …
    .
    niente ticket pagato … uguale ….niente visita
    .
    (e’ ora di smetterla con questa “partecipazione alle spese sanitarie”
    nata per far pagare “qualcosa” a chi abitualmente non paga nulla ……
    chi gia’ paga le tasse dovrebbe esserne esentato ….
    o potrebbe trovarsi da gestire una gabella aggiuntiva nella denunzia dei redditi successiva …..
    chi non paga mai nulla
    “pur girando spesso con auto che io posso solo ammirare ….
    che vediamo spesso con anelli e bracciali d’oro ……”
    .
    potrebbe essere tenuto a pagare la “partecipazione alle spese sanitarie…”
    se vuole essere visitato ….
    .
    esclusi ovviamente i “bollini rossi”)
    .
    Tornando alla struttura …… per non far “scappare” l’utenza …
    .
    sarebbe sufficiente fare un test attitudinale ai dipendenti
    .
    (dirigenza compreso ovviamente ….
    e’ da li’ che partono le direttive piu’ assurde …
    cui persone incapaci di prendere decisioni si adeguano)
    .
    e “licenziare” …… non spaventiamoci per questa parola …
    indispensabile ….. se si vuole salvare una ottima struttura …
    rovinata da pochi personaggi.
    .
    Ovviamente magari oggi le cose sono cambiate ….. ed il sistema ha “forse” espulso autonomamente questi personaggi …..
    io ormai da un paio di anni evito ……
    ma se ora si parla di chiusura …… beh ….
    e’ il logico sviluppo di una pessima gestione “umana”.