IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, Roberto Nicolick attacca il Comune: “La sepoltura pomeridiana è ammessa solo agli ex partigiani”

Più informazioni su

Savona. Roberto Nicolick, ex consigliere di Savona, mette in luce una questione relativa alla sepoltura di un partigiano nel cimitero di Zinola, evidenziando, a suo modo di vedere, una diversità di trattamento rispetto ad altri cittadini.

“Una signora – spiega Nicolick -, moglie di un savonese defunto, qualche anno fa si vede rifiutare la sepoltura al cimitero di Savona perché da effettuarsi nel pomeriggio, e nel pomeriggio le inumazioni non si fanno. Rassegnata e addolorata la donna accetta la dura legge, sed lex”. 

“Qualche tempo dopo – prosegue -, la stessa signora assiste stupita ad una sepoltura pomeridiana di una salma, con tanto di cerimonia e canti della resistenza. Il morto era un ex partigiano neppure savonese e quindi senza un regolare diritto di sepoltura presso il campo di Zinola”.

“Leggo una fortissima ed ingiusta difformità di atteggiamento – sottolinea Nicolick -, tenuta dalla amministrazione comunale di Savona, a fronte di due sepolture pomeridiane di due persone diverse, appunto diverse, forse troppo diverse”.

“Ma la diversità – afferma – e quindi la non eguaglianza davanti alla legge, l’ha creata proprio chi doveva fare rispettare questa legge e cioè il sindaco Federico Berruti, il quale ha dato il nulla osta alla sepoltura pomeridiana in base a motivi ‘umanitari’. Inoltre, sempre il suddetto sindaco, esprime una forte irritazione nei confronti della divulgazione della notizia di questa sua palese difformità di atteggiamento”.

“In effetti, di fronte all’opinione pubblica – spiega Nicolick -, abbiamo due salme, una di serie A e l’altra di serie B, con trattamenti decisamente disuguali, anche se di fronte alla morte siamo o meglio dovremmo essere tutti identici, quindi né ricchi e né poveri, né istruiti e né ignoranti, né belli e né brutti, e il fatto di essere stato in passato un partigiano non dovrebbe essere un titolo preferenziale che permetta di bypassare la legge”.

“A meno che – prosegue -, e qui mi sorge il dubbio, proprio il fatto di essere stato un partigiano, in una città come Savona, con una amministrazione come questa e di un certo colore politico, non sia realmente un titolo di merito e quindi dia luogo a privilegi di dubbia legittimità, e all’opposto sia un demerito non esserlo stato”.

“Alimentare questi dubbi non è bello – dichiara Nicolick – e soprattutto fare figli e figliastri in base a certe qualifiche non fa onore ad un Sindaco che dovrebbe essere il sindaco di tutti, ex partigiani e non, altrimenti molti troverebbero da ridire. Forse il signor sindaco invece di irritarsi per la pentola senza il coperchio, dovrebbe chiedere scusa alla vedova del cittadino discriminato e quindi di serie B e fare ammenda per un comportamento un po troppo discordante su due casi umani e normativi troppo simili”.

“Inoltre mi sorge un altro dubbio non da poco: se nel pomeriggio non sono ammesse le sepolture chi ha pagato gli eventuali straordinari al personale cimiteriale? Il Comune e quindi noi tutti – conclude -, oppure il sindaco di tasca sua?”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.