IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, nuova caserma dei vigili del fuoco: il no della Uil, “è la casetta dei puffi…”

Savona. Si è svolto un incontro tra le organizzazioni sindacali di categoria ed il dirigente locale del comando provinciale dei vigili del fuoco, Arturo Antonelli. Al tavolo il comandante ha prospettato il progetto del Ministero dell’Interno sul futuro della Caserma dei vigili del fuoco di Via Nizza.

“Ad una proposta dove si ridurranno gli spazi ed i volumi, la Uil-VVF di Savona è stata l’unica ad opporsi ad un progetto che sa di compromessi sottobanco che prevede di destinare i pompieri nella casetta dei puffi” si legge in una nota sindacale.

“Non siamo d’accordo su una sistemazione che non risolverà i problemi per i quali siamo stati mandati via dalla vecchia caserma. Tutti soldi buttati via. Ci chiediamo: chi pagherà tutto questo? Perché tutti i sindacati sono impazienti di tornare in una sede più piccola di prima?”.

“I pompieri hanno bisogno di stare tutti insieme in spazi grandi dove il ricovero di tutti i mezzi, l’addestramento e la formazione siano garantiti e possibili. La Uil di Savona si batterà senza sotterfugi per una sistemazione dignitosa dei pompieri di Savona” conclude la nota.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. IronMan
    Scritto da IronMan

    @Mr.Ivo . . . il problema non è PROTESTARE ma trovare una soluzione, condivisa da tutti i Vigili del Fuoco. . . spero che però Santa Barbara non venga tirata in mezzo, ma che rimanga solo una “festa” per il glorioso corpo dei Vigili del Fuoco. Forse sarebbe meglio che i sindacati si mettessero da parte, e lasciassero libera scelta . . . anche qui infatti son riusciti a strumentalizzare la questione per il solo loro apparire primi attori sulla scena . . . così va l’Italia nel pubblico impiego !

  2. mugugnolibero
    Scritto da mugugnolibero

    La mia domanda invece è:per il progetto originale che era sbagliato..il progettista ha pagato i danni arrecati alla collettività??

  3. .
    Scritto da mr.ivo

    Ironman hai centrato in pieno il problema. Purtroppo quando era il momento di protestare ed in modo unito questo non si è fatto. Penso che domani (S. Barabara), vari Vigili del Fuoco coglieranno l’occasione per dimostrare il loro disappunto

  4. IronMan
    Scritto da IronMan

    @Mr.Ivo . . . l’Italgas ha tutto l’interesse di dismettere l’area o almeno di ridurre drasticamente lo spazio occupato. Ergo sarebbe una buona occasione da cogliere al volo: trasferire a Legino uffici e Comando, e cedere l’immobile di Via Nizza e lo scheletro della nuova struttura. Il Ministero è stato molto risoluto: ha dato alle organizzazioni sindacali la possibilità di scegliere se rimanere in Via Nizza o trasferirsi a Legino . . . adesso però qualcuno deve decidere ! se non sbaglio tra i Vigili del Fuoco non si è trovato un accordo comune e condiviso . . . iniziamo bene !

  5. .
    Scritto da mr.ivo

    Ciao ironman, sarebbe una buona idea, ma nell’area attuale i termini stanno per scadere e si deve prendere al volo quello che c’è.