IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona calcio, Martino: “Gravi inadempienze sulla gestione dello stadio comunale, revoca immediata della concessione”

Savona. “La società sportiva Savona 1907 FBC S.p.A. mostra gravi inadempienze dal punto di vista formale, attinenti soprattutto la gestione dell’impianto comunale Stadio Bacigalupo, e informale, per quanto attiene i rapporti con l’amministrazione, rendendo chiaro l’impossibilità di ricondurre i rapporti con il Savona Calcio ai termini di una corretta relazione tra ente proprietario di un impianto pubblico e società sportiva utilizzatrice”. A dirlo è l’ assessore allo sport Luca Martino che stamane ha presentato alla giunta comunale di Savona una relazione sulla situazione società sportiva Savona 1907 FBC S.p.A. ed i rapporti con l’amministrazione comunale.

“Alla luce di quanto emerso si è stabilito di procedere all’immediata revoca della concessione. La gestione dell’impianto torna momentaneamente al Comune e speriamo di poter procedere nel più breve tempo possibile ad assegnare nuova concessione, solamente però a soggetti che godranno della più ampia fiducia da parte dell’Amministrazione” ha concluso Martino.

Nella relazione si legge che “la società sportiva Savona 1907 FBC S.p.A. risulta debitrice nei confronti del Comune relativamente al mancato versamento della cauzione provvisoria di 500 euro relativa all’utilizzo del tappeto verde di proprietà del Comune, concesso in utilizzo al Savona Calcio per il Bacigalupo Village e al canone annuale dovuto per convenzione e relativo alla stagione sportiva 2011/12 ammontante a 121 euro”.

“Inoltre – prosegue la relazione – è inadempiente in merito al mancato rinnovo della fidejussione scaduta il 30 giugno scorso; mancata comunicazione relativamente al nominativo della ditta specializzata che deve effettuare la manutenzione del manto erboso ed il nominativo degli addetti che eseguono tale lavorazione ivi compreso l’utilizzo del trattorino in dotazione allo Stadio; mancato adempimento a quanto previsto dalle norme di sicurezza in merito ai presidi antincendio; mancato pagamento a saldo della ditta Arcadia (che ha realizzato i lavori di trasformazione del campetto denominato Avanstadio), i cui lavori sono stati finanziati con un mutuo di 145 mila euro contratto con l’Istituto del Credito Sportivo e di cui il Comune si è reso garante; mancato pagamento della prima rata, del mutuo 16.012,46 euro scaduta il 31 ottobre scorso; mancato pagamento di una fattura alla Ditta Germano di Savona per lavori di ripristino di pavimentazione stradale e costruzione di condotte in aree di proprietà comunale, disposti direttamente dal Savona Calcio ma mai né richiesti né autorizzati da parte del Comune”

“La situazione così sinteticamente illustrata genera forti preoccupazioni, non soltanto per l’entità del credito, ma anche per la totale assenza di riscontri da parte della Società e per le ripetute notizie che appaiono sulla stampa quotidiana, tali da non indurre ottimismo circa la soluzione positiva delle problematiche. A ciò si aggiungono le difficoltà di carattere generale che incontra il Comune per rapportarsi con la Società Sportiva”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da dan

    Manca un a relazione nel quale si spieghi a tutt’oggi il Sig. Martino in qualità di Assessore allo Sport nonchè alle Finanze del Comune cos’abbia vigilato, considerato che anche i non addetti ai lavori conoscono questa situazione ormai dal marzo 2011!
    Giusta la revoca al Savona calcio ma sarebbe stata altrettanto giusta una revoca all’incarico dell’illustre Assessore che peraltro risulta notoriamente vicino all’altra Società di calcio della città.