IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona calcio, Martino: “Soluzione positiva che arriva da una compagine di imprenditori savonesi, come sperato”

Più informazioni su

Savona. L’assessore allo sport, Luca Martino, esprime soddisfazione per il via libera da parte del giudice Davide Atzeni all’esercizio provvisorio del Savona Calcio, con l’ingresso della cordata guidata da Aldo Dellepiane.

“Si è arrivati ad una soluzione positiva che arriva da una compagine di imprenditori savonesi, noi lo abbiamo sempre auspicato proprio perchè offre maggiori garanzie per lo sviluppo della città e di investimento serio in termini di risorse verso la società del Savona calcio” riferisce Martino.

“Ho apprezzato – dice l’assessore comunale – l’impegno di queste persone, ora ci sarà il tempo in questi due mesi per la programmazione dell’attività degli anni a venire. Con Delle Piane non ci siamo ancora incontrati, ma credo che qualunque gestione come questa, imperniata al territorio, non possa prescindere dalla partecipazione dell’amministrazione comunale che in questi anni ha sempre dimostrato la sua disponibilità a mettersi in gioco e aiutare tutte le realtà sportive in difficoltà sia piccole e grandi”.

“Far rimanere il Savona calcio in Lega pro è l’altro grande obiettivo da portare avanti. L’andamento sportivo è importante. L’allenatore e i calciatori che nei momenti difficili hanno tenuto in piedi la baracca in questi mesi, lo hanno fatto con grande passione. Credo che dalla nuova situazione avranno maggiore impulso a farsi valere anche in campo nelle prossime partite” conclude Martino.

La cordata imprenditoriale con Aldo Dellepiane e Fabrizio Barbano ha offerto le garanzie economiche per consentire l’esercizio provvisorio: un’ancora di salvezza per il Savona Calcio. Il giudice Davide Atzeni, accogliendo l’istanza del curatore fallimentare Alberto Marchese, ha autorizzato il provvedimento sino al 29 febbraio 2012. Entro la stessa data il curatore dovrà bandire l’asta per il titolo sportivo.

La cordata ha già depositato le garanzie economiche, dai 90 ai 120 mila euro al mese per sostenere la gestione ordinaria della società (stipendi, partite casalinghe e trasferte).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.