IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, “Bella Ciao” per il partigiano defunto. Pcl: “Vergogna a cinque stelle, dimissioni della De Benedetti e di Delfino”

Savona. “I grillini mostrano il loro vero volto. Populisti e soprattutto non antifascisti. L’aver dato voce tramite il loro sito alle proteste di una cittadina che si indignava per aver sentito cantare “Bella ciao” al cimitero di Zinola per ricordare un partigiano mancato nei giorni scorsi, è semplicemente una vergogna indecente”. Lo afferma in una nota Simone Anselmo, coordinatore provinciale Pcl Savona.

“Una vergogna a cinque stelle parlare di favoritismi solo perchè il defunto era partigiano. Il Comune ha ben spiegato che non vi è stato nessun favoritismo, ma anche se ci fosse stato, per una persona che ha lottato per la libertà di noi tutti, un eroe liberatore che ha rischiato la propria vita per il bene comune non sarebbe stato un favore ingiustificato”.

“Sarebbe stato un giusto onore per chi, ha meno di 20 anni, ha deciso di “salire in montagna” per difendere la nostra nazione, per dare un futuro migliore a noi tutti e battere il mostro del nazifascismo. Savona è una citta medaglia d’oro alla resistenza nessuno se ne dimentichi. Chiediamo le immediate dimissioni dei consiglieri comunali De Benedetti e Delfino. Savona è e sempre sarà fieramente atifascista, chi non si rispecchia in tali valori non è degno di stare in consiglio comunale” conclude Anselmo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. folgore
    Scritto da folgore

    @antonio gianetto, quindi ora si scopre che i Tedeschi non si sono arresi perchè stavan arrivando milioni di uomini con atrettanti aerei carri armati e navi che ben prima della Liguria hanno cacciato i suddetti da Italia meridionale e centrale, raso al suolo Cassino e l’Hinterland romano, bensì si sono arresi alle brigate partigiane che non avevano nemmeno il 5% della dotazione e del numero degli alleati?!?!?! Interessante versione.
    Un pò come vedere la scena del film, da un lato il nemico armato fin ai denti e numeroso, dall’altro 1 solo poliziotto con una pistola mezza scarica che pensa di aver fatto arrendere il nemico senza rendersi conto che alle sue spalle c’è un’intero battaglione di ranger armato di mezzi blindati….
    Io ritengo che l’opera dei partigiani sia stata fondamentale riguardo la logistica e lo spionaggio sul territorio e che abbia agevolato molto gli alleati, ma da qui a dire che SOLO grazie a loro i Tedeschi si sono arresi ce ne passa, mi pare la solita esagerazione da osteria.
    Un pò come dire a nord l’intero esercito anglo-americano, ad est l’intera armata rossa tutti con realative dotazioni a sud, i partigiani con qualche fucile eddai!!!
    Da ultimo invece non ho mai gradito la strategia partigiana, di colpire piccoli obiettivi e fuggire, mettendo a rischio la vita di migliaai di civili inermi a fronte di pochi tedeschi uccisi ogni volta, vorrei ricordare il battaglione Folgore ad El-Alamein (uomini in divisa che senza nascondersi per i boschi hanno affrontato de visu i nemici!) citando testualmente:”rapporti di forza erano di 1 a 13 per gli uomini, 1 a 5 per le artiglierie, 1 a 70 per i carri, Gli ultimi a cedere furono quelli della Folgore, resistettero per 13 giorni senza perdere un metro, 304 uomini ebbero l’onore delle armi, la BBC scrisse i resti della divisione hanno resistito oltre ogni limite umano”!

  2. peppeskywalker
    Scritto da peppeskywalker

    Polemica sterile perchè la musica è di tutti e non ha partiti.
    Io che odio l’ANPI sono il primo a rispettare un funerale di un defunto in cui si canta bella ciao…

    Bello il comportamento antidemocratico del PCL per cui se uno non si rispecchia nell’antifascismo non è degno di essere savonese…. cosa volete creare i gulag a Savona per rinchiudere chi non la pensa come voi???

  3. Scritto da antonio gianetto

    Forse molti saranno stati ben nascosti, ma altri, per ottenere questo risultato, contro un esercito che si apprestava ad attaccare gli americani che si erano fermati a La Spezia, si saranno, anche, preparati:

    TESTO DELLA RESA

    In Genova il giorno 25 aprile 1945 alle ore 19:30;

    tra il sig. Generale Meinhold,quale Comandante delle Forze Armate Germaniche del settore Meinhold, assistito dal Cap. Asmus, Capo di Stato Maggiore, da una parte;

    il Presidente del Comitato di Liberazione Nazionale per la Liguria, sig. Remo Scappini, assistito dall’avv. Errico Martino e dott. Giovanni Savoretti, membri del Comitato di Liberazione Nazionale per la Liguria e dal Magg. Mauro Aloni, Comandante della Piazza di Genova, dall’altra; è stato convenuto:

    1) Tutte le Forze Armate Germaniche di terra e di mare alle dipendenze del sig. Generale Meinhold si arrendono alle Forze Armate del Corpo Volontari della Libertà alle dipendenze del Comando Militare per la Liguria;

    2) la resa avviene mediante presentazione ai reparti partigiani più vicini con le consuete modalità e in primo luogo con la consegna delle armi;

    3) il Comitato di Liberazione Nazionale per la Liguria si impegna ad usare ai prigionieri il trattamento secondo le leggi internazionali, con particolare riguardo alla loro proprietà personale e alle condizioni di internamento;

    4) il Comitato di Liberazione Nazionale per la Liguria si riserva di consegnare i prigionieri al Comando Alleato anglo-Americano operante in Italia.

    Fatto in quattro esemplari di cui due in italiano e due in tedesco.

    Scappini Remo

    Meinhold

    avv. Errico Martino

    Giovanni Savoretti

    Asmus

    Maggiore Mauro Aloni

  4. folgore
    Scritto da folgore

    @Simone Anselmo “Oltretutto come sempre, non sono ignoranti ma anche codardi, se commentate almeno firmatevi” a parte gli errori nelle frasi (presumo volesse dire SOLO e non SONO!)ma lasciamo stare, diciamo che ha una bella faccia di bronzo(direi altro ma poi mi censurerebbero il commento) a parlare di CODARDIA, le ricordo che PARTE (NON TUTTE) le persone che lei sta difendendo erano famose per non avere un inquadramento, non avere una divisa, nascondersi nei boschi colpire e SCAPPARE ben consapevoli delle rappresaglie e come nel caso delle fosse ardeatine lasciare che venissero trucidati 335 innocenti (ben consapevoli della legge marziale in atto) a seguito dell’uccisione con bombe di 33 tedeschi (pensavano di risolvere la guerra ammazzandone 33?)senza muovere un dito per impedirlo!E come quell’occasione decine di altre!E poi viene a parlare a noi di codardia perchè non scriviamo il nostro nome? SI VERGOGNI!!!!
    P.S. Per certe idee malsane come le sue sarebbe meglio non mettesse nemmeno lei il nome ci farebbe una migliore figura e manterrebbe un minimo di dignità!

  5. Scritto da Enrique

    Il Sig. Anselmo prima di dare fiato alla bocca dovrebbe cercare di capire quello che legge.
    La signora in questione non era indignata per la canzone sentita al cimitero, ma solo perchè aveva visto svolgere le esequie, pardon funerale, di pomeriggio quando a lei era stato detto che per un regolamento comunale questa cosa era vietata. Poi recatasi in comune gli era stato detto che il defunto non era nemmeno di Savona e che il sindaco aveva commesso un abuso di ufficio. A quel punto la signora si è sentita discriminata e ha scritto ai giornali. Direi che non è tanto difficile capire la causa e l’effetto. Ma la superficialità e il livore di certi personaggi possono annebbiare la vista e l’intelletto.