IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanità, a gennaio il documento sull’ospedale di Cairo: in arrivo due sale operatorie per la day surgery foto

Savona. Entro la fine del mese di gennaio un documento messo nero su bianco sull’ospedale di Cairo Montenotte e delle sue specialità, in particolare il polo della day surgery. E’ la promessa strappata dai sindaci valbormidesi durante l’incontro, terminato poco fa, con l’assessore regionale Claudio Montaldo sul futuro del nosocomio cairese, che si è svolto all’ospedale San Paolo di Savona alla presenza del direttore generale della Asl 2 Flavio Neirotti e del direttore dell’agenzia sanitaria regionale Franco Bonanni.

Intanto dal mese di gennaio partirà il bando per la realizzazione di due nuove sale operatorie: l’assessore Montaldo ha confermato che il finanziamento c’è ed è pronto.

“Altre risorse per l’ospedale di Cairo non ci sono – ha ribadito Montaldo -. L’obiettivo è mantenere quello che esiste già. Un incontro molto utile per approfondire i problemi e si è messo bene in evidenza il ruolo che avrà la day surgery, un centro di rilievo sia per i casi trattati quanto la qualità degli interventi. Un ospedale molto legato al territorio e che viene qualificato per rispondere alle esigenze della Val Bormida, oltre alla possibilità di portare pazienti che hanno magari tempi di attesa lunghi al San Paolo o al Santa Corona”.

“Rimane l’impegno sul fronte del contenimento dei costi della sanità per arrivare ad essere una regione virtuosa, allineandoci con le realtà regionali migliori e sui loro livelli, in base ai quali verranno assegnati i finanziamenti nei prossimi anni e per questo è necessario intervenire ora” ha concluso Montaldo.

“Io continuo ad avere le mie perplessità, l’incontro è durato due ore e siamo riusciti ad entrare nel merito delle questioni…Certamente la possibilità di arrivare ad un documento sulla day surgery e l’emergenza è un passo in avanti, perchè solo da lì si potrà giudicare il futuro del pronto soccorso e della chirurgia. Il vero problema resta Albenga, di cui non si parla mai, in particolare in un periodo in cui mancano risorse per la sanità: non ho nulla contro l’ospedale ingauno, tuttavia c’è una struttura ospedaliera ed un pronto soccorso a dieci chilometri dal Santa Corona e dal un Dea di II livello, questa è la realtà…” ha commentato il sindaco di Cairo Fulvio Briano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.