IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rene asportato a paziente durante operazione, il prof. Piccardo rompe il silenzio: “Posizione ed aspetto anomali”

Più informazioni su

Savona. Finora aveva preferito, rispettando la richiesta del Direttore Generale dell’Asl 2, di non rilasciare alcune dichiarazione sulla vicenda del paziente al quale secondo l’ipotesi della Procura è stato asportato un rene per errore. Il dottor Andrea Piccardo, primario di chirurgia di Cairo, adesso ha però deciso di fornire alcuni chiarimenti attraverso il suo legale, l’avvocato Elena Castagneto.

“Visto il clamore mediatico che la vicenda ha assunto, a mio giudizio ingiustificatamente, ritengo tuttavia doveroso intervenire a difesa del mio assistito esprimendo alcune semplici considerazioni. Il Prof. Piccardo, che gode di una chiara fama nazionale ed internazionale, ha salvato nel corso della sua carriera centinaia di vite, e svolto operazioni chirurgiche di altissima complessità con esito perfetto, ma di ciò nessuno ovviamente mai ha dato né darà alcuna notizia. Nello specifico caso in esame sarà il Giudice a stabilire se a carico del mio assistito vi sia o meno una responsabilità penale” si legge nella nota dell’avvocato.

“Posso tuttavia precisare – prosegue l’avvocato Castagneto – che si è manifestato un insieme di concause sfavorevoli (fra cui la dimensione della massa asportata, la sua anomala posizione, il suo anomalo aspetto ed il sovvertimento della normale anatomia) per cui il rene non era riconoscibile come tale, neanche da un chirurgo esperto come il mio assistito. Se il mio assistito abbia o meno ben agito, o se non potesse diversamente agire, sarà solo il giudizio del Tribunale a chiarirlo, unico organo competente ad emettere un giudizio di tale natura”.

“Ritengo gravissime ed inaccettabili le ripetute diffamazioni che il Prof. Piccardo ha dovuto tollerare da parte di persone che in varie forme e modalità ed in diverse occasioni lo hanno pesantemente e pubblicamente attaccato, e che si sono rese altresì responsabili di comunicazioni agli organi di stampa per ragioni di astio personale, violando la riservatezza che deve contraddistinguere chi opera in questo delicato settore e causando un grave danno non solo al mio assistito ma anche all’Asl stessa. La reazione nei confronti di tali azioni diffamatorie sarà durissima, perché incalcolabile è il danno professionale e personale derivato al mio assistito dalla ingiustificata esagerazione del caso e dal clamore che ne è conseguito” conclude la nota del difensore del medico.

La vicenda era “esplosa” in seguito alla denuncia dei familiari di un operaio albanese di 45 anni al quale era appunto stato asportato un rene nel corso di un intervento. Dalle verifiche sulle carte e dall’audizione di alcuni testimoni sarebbe emerso che il dottor Piccardo non aveva intenzione di asportare il rene, ma una “cisti da echinococco”, la cui presenza era stata rilevata sulla milza. Nessuna volontà (o decisione presa senza il consenso del paziente) quindi di intervenire sul rene, ma solo quella di rimuovere la cisti. I medici avrebbero quindi agito nella convinzione di aver operato sulla cisti (anche perché – secondo quanto riferito dai sanitari – quel rene presentava delle caratteristiche anomale che ne impedivano un chiaro riconoscimento). Con queste premesse ecco che le perizie che saranno effettuate durante l’incidente probatorio saranno fondamentali per fare chiarezza sull’operato dei medici.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    Un rene è un rene anche per uno studente di medicina. Per un primario potrebbe essere un adenoide immagino….No comment.

  2. Scritto da freeholly9

    Aspetta non sto dicendo che non bisogna punire i medici che sbagliano, ma nemmeno non fargli nulla.
    mi sarò espresso male,ma volevo dire che secondo me è vergognoso che un medico debba inventarsi delle scuse e prendere per il sedere la famiglia del paziente per coprire un errore.

  3. corsaronero
    Scritto da corsaronero

    Freeholly, guarda che la tua affermazione contrasta totalmente con i punti di vista degli altri tuoi interventi.
    I giudici, fortunatamente non devono tener conto di quello che hai fatto bene, ma di quello per cui ti devono giudicare.

  4. Scritto da freeholly9

    sarebbe un mondo migliore se i medici avessero la possibilità di ammettere senza conseguenze (a meno che un medico non sbagli sempre o non sia un incompetente,sia chiaro) di aver sbagliato, anzichè inventarsi scuse del tipo “non potevo riconoscere il rene”..
    Sbagliare è umano,su una cosa concordo con l’avvocato: tutti i casi in cui il dottore ha salvato la vita ad un paziente non vengono mai ricordati.
    Tutti sbagliano, chirurghi compresi.Se ogni medico dovesse essere punito per ogni errore commesso nella sua carriera nessuno farebbe il medico Non trovo giusto però prendere per il culo tutto il mondo con scuse allucinanti quanto ridicole.
    Fossi nel giudice mi porrei due domande…
    Quante altre volte piccardo ha sbagliato?
    Quante vite umane ha salvato?

  5. Scritto da Resist

    Con tutti i mezzi diagnostici che esistono(TAC,Risonanza magnetica, ecografie ecc.)non si riesce a distinguere una cisti da un rene?
    Tenuto conto che il paziente ne aveva già perso uno?
    Nessuna condanna preventiva, ma aspettiamo con fiducia il parere dei periti nominati dal Magistrato.