IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, arriva lo sconto fiscale natalizio: per i redditi bassi niente addizionale Irpef

Regione. “E’ una notizia che aspettavamo da molti mesi: possiamo confermare lo sconto fiscale per il 2012 a tutte le famiglie liguri, centinaia di migliaia, che può essere confermato anche per il prossimo anno”. L’annuncio arriva dal governatore ligure Claudio Burlando, intervenuto questa mattina a margine del consiglio regionale.

La notizia arriva dopo un tavolo di monitoraggio che si è svolto questa mattina. “I conti sono difficili: questa fascia però, che già paga lo 0,3 di aumento nazionale – non pagherà anche lo 0,50 in più dalla Regione: la nostra pressione fiscale rimane dunque la stessa, tra le più basse d’Italia”.

“Non sappiamo per quanto tempo riusciremo a mantenere questa situazione – conclude il governatore ligure – dipende dalla cartolarizzazione e dalla capacità di ridurre le spese. La gente non ha più soldi per pagare tasse in più, è meglio agire sul contenimento dei costi”.

“Fino ai 30 mila euro di reddito imponibile all’anno– ha confermato l’assessore regionale alla salute, Claudio Montaldo – i cittadini non pagheranno la maggiorazione dell’addizionale IRPEF di competenza della Regione che resterà invece in vigore per i redditi al di sopra i 30 mila euro che pagheranno l’1,73%”.

“Il tavolo di monitoraggio, l’organo tecnico paritetico che verifica e monitora l’andamento e la spesa sanitaria per tutte le regioni – ha detto Montaldo – ha confermato che, per quanto riguarda il disavanzo 2011 di circa 150 milioni di euro, si potrà procedere con la cartolarizzazione dei beni delle ASL, entro il 31 dicembre 2011”. E a proposito della vendita degli immobili delle ASL passerà domani in consiglio l’emendamento realizzato sugli attuali valori di utilizzo e destinazione dei beni delle ASL.

“Per quanto riguarda la valorizzazione di tali immobili – ha detto Montaldo, cioè il surplus, tutto dipenderà dalla presenza di una norma nazionale che ci consenta di vendere entro il prossimo anno. Se la norma non venisse cambiata, come Regione Liguria possiamo vendere ad Arte, l’agenzia regionale territoriale per l’edilizia, al valore attuale e il surplus andrebbe solo sugli investimenti e non sui ripiani”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.