IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Raffiche di vento sull’A10: furgone si ribalta e rischia di precipitare dal viadotto

Più informazioni su

Varazze. Una raffica di vento sull’autostrada A10 tra i caselli di Arenzano e Varazze, in direzione Genova, ha ribaltato un furgone, che ha sfondato la recinzione di un cavalcavia rischiando di precipitare nel vuoto.

Il mezzo e stato bloccato dal pronto intervento dei vigili del fuoco che hanno anche messo in salvo il conducente che ha riportato solo lievi contusioni. Per poter operare in sicurezza i pompieri hanno chiuso la strada provinciale sottostante il cavalcavia e la linea ferroviaria per quasi due ore.

Sull’incidente sta indagando la polizia stradale che potrebbe anche multare lo autista del mezzo che ha percorso l’autostrada ignorando il divieto di transito per i mezzi telonati e furgonati esteso oggi pomeriggio a causa del forte vento.

Sempre a causa delle violente raffiche di tramontana, a quasi 100 chilometri all’ora, il volo in arrivo da Roma dell’Alitalia alle 14.35 è stato dirottato a Pisa. Attualmente la polizia stradale ha chiuso ai mezzi telonati e furgonati i tratti dell’A10 (Voltri-Savona), dell’A26 (Voltri-Masone) e dell’A12 (Genova Ovest-Recco).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. folgore
    Scritto da folgore

    @fabryd, sul mancato rispetto del divieto nulla da eccepire!
    Sul resto molto, prenidamo il passante di mestre, TUTTO IN PIANURA, inaugurato in pompa magna, nemmeno un mese dopo vi erano già 4 (QUATTRO!) cantieri, segno che la manutenzione c’è perchè si fanno le cose male!
    E’ vero qui ci sono i viadotti e le gallerie ma nei paesi che ti ho citato ci sono -30/-40° ghiaccio e neve 6/8 mesi l’anno eppure sono degne di un biliardo come autostrade!
    Il fatto che ci sia un viadotto mi spieghi come influisce sulle riasfaltature eseguite pochi mesi fa e SENZA asfalto drenante?Mi spieghi come sia possibile manutenere un viadotto per poi dopo neanche una settimana dalla fine lavori avere i giunti sconnessi?Mi spieghi come si fa dopo 30anni a non aver MAI messo a norma i guard Rail pur essendo l’autostrada a pedaggio PIU’ CARO d’Italia?Mi spieghi come sia possibile essere tra gli unici al mondo ad avere tratti a 2 corsie SENZA quella di emergenza?Mi spieghi perchè in NESSUN paese del nord, nemmeno a Capo Nord dove ci saranno ben condizioni peggiori di un pò di vento, gallerie e viadotti l’autostrada è aperta anche in pieno inverno mentre a millesimo alla prima neve si chiude?
    Pensa se tutti facessimo così, non mettessimo a norma i nostri impianti di sicurezza in casa, se le case automobiliste vendessero macchine non a norma come la prenderesti?Eppure dale auto tutti pretendono massima sicurezza così come dalle abitazioni ma le strade quelle no, siccome è difficile fare i lavori bene accettiamo in silenzio le chiusure e va bene così!
    “non si può rifare un’autostrada con la stessa velocità con cui scrivi i bei propositi” è vero ma certamente si possono fare i lavori molto meglio di come li facciamo a tutt’oggi perchè è impensabile che annualmente ci siano mediamente 10-11 cantieri in una tratta da 70 km!!!
    Cosa ne penseresti se un’impresa ti costruisce casa e mediamente ogni anno a partire da quello di fine costruzione avessi 10 volte i muratori in casa?E se appena venisse una nevicata ti dicessero mi spiace ma devi rimanere fuori, evento eccezionale non ti posso garantire la sicurezza della tua abitazione!
    Ogni tanto riflettiamo sulle cose anche se non ci colpiscono in prima persona!

  2. fabryd
    Scritto da fabryd

    mi dispiace, folgore, la manutenzione di un’autostrada fatta tutta di viadotti e gallerie non è neanche minimamente paragonabile alla manutenzione di un’autostrada in pianura…
    pertanto non vedo il problema se in caso di un evento eccezionale venga imposto un divieto… non si può rifare un’autostrada con la stessa velocità con cui scrivi i bei propositi…
    Qui il fatto era un altro: c’era un divieto e andava rispettato. PUNTO.

  3. folgore
    Scritto da folgore

    @fabryd, mi dispiace ma la priorità è dare un servizio degno di questo nome, solo in Italia succede questo, solo in Italia le ferrovie si bloccano con il ghiaccio, le autostrade nonostante le allerte neve rimangono senza sale e devono approntare forniture in tutta fretta dalla Sicilia e dalla Puglia, solo in Italia succede che ogni volta che piove un pò di più a Pegli prima delle gallerie “artificiali” si allaga la sede autostradale, solo in Italia alla prima neve la A26, la A6 e la A7 vengono chiuse e si dirotta il traffico sulle statali!!!
    Nota bene il traffico non viene bloccato semplicemente viene CHIUSA l’Autostrada, e i mezzi vanno sulle statali che secondo te sono meno pericolose in caso di neve ad esempio?Hai mai percosrso la statale Ceva-Montezemolo-Millesimo con la neve con 2 sensi di marcia e con davanti a te una fila di autoarticolati che devono fare tornanti in salita?!
    E vuoi dirmi che è meno pericoloso che farli viaggiare in autostrada tenendola sgombra?!
    La verità è che l’importante per loeo è manlevarsi dalle responsabilità e basta, perchè se a causa del clima si dovessero chiudere le autostrade dalla Germania alla Norvegia, dalla Danimarca alla Svezia e Finlandia non si circolerebbe più da settembre ad Aprile!!!
    Personalmente ho viaggiato con neve e pioggia battente non solo nella “tecnologica” Germania, ma anche in Russia, da Mosca a S. Pietroburgo, e vuoi farmi credere che lì sono più tecnologici di noi?Dai non sta in piedi!
    Posso dirti che però là c’erano centinaia di spazzaneve e spargisale, c’era l’equivalente dell’Anas, della polizia e del personale delle autostrade, con la differenza che lì NON PAGHI, qui paghi salato e per evitare di doverti risarcire per non aver saputo provvedere adeguatamente chiudono l’autostrada e via!
    Per il vento basterebbero dei semplici pannelli fragivento sui viadotti, e viste le numerose gallerie gran parte del tragitto è già a posto, invece abbiamo ancora guard rail degli anni ’80 asfalto non drenante, pendenze pessime, giunti separatori che fungono da tagliole!
    se basta un pò di vento o un pò di neve a paralizare un sistema viario in un paese dove si è scelto di far viaggiare il 90% di persone e merci su gomma fossi in te mi farei delle domande anzichè dare delle giustificazioni a chi non sa garantire un SALATO (DIS)servizio!

  4. fabryd
    Scritto da fabryd

    @folgore
    il fatto che si paghi mica deve per forza dare diritto a viaggiare in qualsiasi condizione?!?
    se c’è una particolare situazione di pericolo mi sembra il minimo che ci siano degli avvisi o dei divieti… la nostra autostrada è piena di viadotti che attraversano gole e quando c’è la tramontana c’è poco da fare… viaggiando mi è capitato a volte di vedere avvisi tipo “transito sconsigliato a furgonati e telonati” e già lì, su certi viadotti, mi c@g@avo sotto io con la macchina dalle raffiche… a maggior ragione se ieri c’era il divieto!!! … e gli aerei dirottati a Pisa perchè a Genova non potevano atterrare, allora?
    Per la pioggia non ricordo che sia stata chiusa l’autostrada tranne quando è venuta l’alluvione a genova… e cmq se si allaga la sede stradale c’è poco da fare…
    Per quanto riguarda la neve, beh… magari in Germania non ci sarà pieno di pirla come qui che è già tanto se sanno che la macchina ha 4 ruote, altro che parlare di gomme termiche o catene…
    Mi spiace per gli autotrasportatori ma di fronte ad eventi particolari, le priorità sono quelle dell’incolumità delle persone, non certo quelle di lasciare loro la strada aperta…

  5. franzdea
    Scritto da franzdea

    quoto gigi e anche fabryd ..riordando he per colpa del divieto ignorato sono stati fermati i treni ..ora il costo dei ritardi treni al minuto è notevole! chi lo paga quel costo?la sua assicurazione spero. anche se no penso basti il massimale per 2 ore di fermo treni