IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Provincia: oltre 20 mila savonesi in cerca di lavoro, in aumento i 40enni e gli stranieri

Savona. Secondo l’analisi dei dati dell’Osservatorio Mercato del Lavoro della Provincia di Savona, peggiorano i principali indicatori relativi alla congiuntura occupazionale. I dati rilevati alla fine di ottobre evidenziano un aumento del numero degli iscritti in cerca di lavoro che supera la quota di 20 mila e 300 unità, con flussi mensili in ingresso nello stato di disoccupazione che raggiungono il loro massimo valore negli ultimi quattro anni. In cifre, lo stock degli iscritti alla fine del mese si attesta a 20.383 unità, in crescita del 6,63% rispetto a settembre 2011 e del 9,78% rispetto allo stesso mese del 2010. In valori assoluti l’incremento si attesta a poco meno di 1.00 persone che diventano 1.570 se si considerano i flussi in ingresso nello stato di disoccupazione, uno dei valori più elevati rilevati dal 2008 ad oggi.

E’ il centro per l’impiego di Albenga che fa rilevare il maggior flusso in ingresso (863, con Savona a 584 e Carcare 123) ma è il centro per l’impiego di Savona a evidenziare il maggior stock di iscritti (8.702), superando di poco Albenga (8.682), con Carcare a 2.999. Trentenni e quarantenni sono i soggetti che “popolano” maggiormente le liste di chi cerca occupazione, anche se, in termini di flussi congiunturali, sono i ventenni ed i quarantenni a far rilevare le variazioni più rilevanti.

Gli stranieri si attestano a quota 17,3%, valore che risulta in crescita rispetto a quanto rilevato a settembre (17%). In lieve aumento gli iscritti alle liste di mobilità in ottobre (1.772) rispetto al mese precedente (1769 unità): Le iscrizioni riguardano per 524 unità soggetti iscritti in base alla legge 223/91. Rispetto allo stesso mese dell’anno precedente si assiste ad un numero degli iscritti di 353 unità. In leggera crescita anche il numero degli iscritti diversamente abili (1.730 unità rispetto a 1.688 di settembre). La crescita rispetto a ottobre 2010 è di 121 unità.

La contrazione congiunturale mensile coinvolge quasi tutte le forme contrattuali, con particolare riferimento a quelle di tipo flessibile: così il tempo determinato vede cessare 1.409 contratti in un solo mese, l’apprendistato 94 contratti, l’intermittente 124 contratti. Rispetto allo stesso mese del 2010 si registra la presenza di un maggior numero di contratti a tempo indeterminato e di una minore presenza di quelli a tempo determinato.

In ottobre è diminuita la domanda di lavoro (da 6.414 unità di settembre si è passati alle 5.367 richieste di ottobre). Rispetto allo stesso mese dell’anno precedente c’è stata una diminuzione complessiva della domanda pari al 9,34%. La diminuzione è generalizzata, riguardando sia l’industria manifatturiera, sia le costruzioni, sia, in modo più marcato, l’agricoltura e il terziario.
In aumento le ore concesse di cassa integrazione (+21,64%) per effetto di un forte aumento di quella straordinaria (da 3.072 ore concesse a 129.436) a fronte di una diminuzione di quelle in deroga (-59,12%).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.