IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piattaforma Maersk: siglato l’accordo sull’occupazione, ecco i numeri

Vado L. E’ stato siglato questa mattina dalle segreterie provinciali Cgil, Cisl e Uil e dalle federazioni di categoria Filt, Fit, Uilt Trasporti l’accordo quadro sull’occupazione unitamente alla Culp, all’Autorità Portuale di Savona ed a Apm Terminals.

L’accordo definisce i numeri sia all’avvio dell’attività del terminal che a regime: 431 nel primo periodo, 645 con il raggiungimento della piena operatività.

L’intesa prevede un tavolo di monitoraggio tra tutti i soggetti firmatari riunito ogni quattro mesi con il compito di verificare l’attuazione del piano di assunzioni, il tipo di mansioni richieste, i percorsi formativi necessari e le modalità dell’inserimento lavorativo.

Nel mese di gennaio 2012 l’Autorità Portuale attiverà sul proprio sito (www.porto.sv.it) un portale dedicato alla ricerca dei soggetti che attraverso questo mezzo potranno manifestare l’interesse per le attività svolte nell’ambito dell’operatività della piattaforma.

Verrà data per i primi 90 giorni precedenza alle domande pervenute da parte dei cittadini del comprensorio vadese, come peraltro stabilito in uno dei punti dell’Accordo di Programma del 2008.

“L’accordo è un tassello fondamentale e atteso da tempo – hanno sottolineato unitariamente le organizzazioni sindacali sedute al tavolo. – E’ l’unico accordo che i sindacati hanno firmato nel 2011 per nuove assunzioni e non per cassa integrazione e mobilità e mai come oggi il nostro territorio ha bisogno di risposte occupazionali. A noi preme il lavoro, ma anche la sua qualità. In questo senso, il tavolo di monitoraggio ci darà modo di verificare modalità di selezione, di inserimento al lavoro e i percorsi formativi”.

La Compagnia Portuale ha invece evidenziato come l’intesa ribadisca il suo ruolo “cardine” per le attività portuali anche nello sviluppo futuro previsto con la piattaforma: “Siamo soddisfatti perché è stata ribadita la centralità dell’art. 17 per quanto riguarda il lavoro in porto che ci da la possibilità di essere anche accreditati a svolgere un ruolo formativo nel momento della crescita occupazionale prevista con l’avvio del nuovo terminal di Vado”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marchini

    caro juan , tutti questi “urlatori” sponsorizzano il porto di genova e’ questa la verita’!!!! altrimenti non vi e’ altra spiegazione …a meno che non sia “CRAPFEN DA CESARE” di spotorno …ahahahahahahaah come dici tu MA FATEMI IL PIACERE!!!..

  2. Scritto da juan

    CARO RESIST … il tuo modello di “sviluppo sostenibile ” e’ lapalissiano : NON FARE NIENTE E MORIRE DI FAME!! va gia’ bene che non tutti la pensano come te!!e come tanti altri personaggi in cerca dautore per i quali vado ligure doveva diventare un porto pescherecciI almeno cosi’ sbandierava il sindaco caviglia (progetto mai visto e mai presentato) FATEMI VERAMENTE IL PIACERE!!! beh…quest anno non potrete lamentarvi sotto lalbero avete trovato dei bei regali….lampliamento della centrale e la costruzione della piattaforma …ahahahahahah veramente un BUON NATALE E BUON ANNO DA PARTE MIA!!!AHAHAHAHAH

  3. folgore
    Scritto da folgore

    @Resist le solite parole vuote da parte tua non mancano mai, cominciamo dal fondo delle castronerie “i danni per il settore turistico” peraltro sviluppatissimo a Vado Ligure vero?Ad oggi c’è la fila di gente che si mena per andare a fare il bagno sui lembi di spiaggia vicino al porto!!!MA FAMMI IL PIACERE, non sai proprio più che dire vero?Propaganda populista spinta ai massimi livelli! Ti ricordo che Barcellona possiede uno dei porti più grandi del Mediterraneo, nemmeno lontanamente paragonabile a quello che verrà fuori a Vado Ligure, eppure ha una delle più belle coste del Mediterraneo, ed un fatturato del turismo in quelle zone altissimo, informati prima di sparare fesserie!
    “l’enorme quantità di finanziamenti pubblici (cioè nostri) …venissero utilizzati per aiutare tutte le piccole aziende dell’area ora in crisi,” tolto il fatto che se per quello ci sarebbe da scandalizzarsi sui soldi pubblici spesi per ristrutturare e tenere aperti GRATUITAMENTE 4 centri sociali a Genova ecc ecc, ma non voglio divagare, spiegami il termine AIUTARE le piccole imprese cosa significa nel tuo mondo fiabesco?Aiutare significa tutto e niente!Cosa dovremmo fare, prestiti a fondo perso?regali?comprargli le materie prime?elemosina?spiegati perchè per aiutare quelle imprese l’unica via è quella di dargli sgravi sui carburanti, sulle tasse dargli INFRASTRUTTURE DEGNE, e fare in modo che la merce arrivi e parta VELOCEMENTE!Ma per far questo servono strade ferrovie e porti, tutte cose che non vuoi fare, quindi come vedi sei il primo tu a NON AIUTARE!!!

  4. Scritto da Resist

    Non capisco tutto questo entusiasmo.
    I sindacati accettano il carbone per la centrale di Vado e la piattaforma (210.000 metri qudrati) che distruggerà la rada.
    Inquinamento per l’enorme traffico via mare e via terra. Questo è sviluppo sostenibile?
    Se l’enorme quantità di finanziamenti pubblici (cioè nostri) che sono impegnati in questa operazione venissero utilizzati per aiutare tutte le piccole aziende dell’area ora in crisi, di posti di lavoro ce ne sarebbero molti di più.
    Senza contare i danni per il settore turistico che farà perdere altri posti di lavoro.

  5. IronMan
    Scritto da IronMan

    Ah ah ah . . . 645 personaggi in cerca d’autore ! i vadesi hanno perso la faccia (di bronzo) se adesso si presentato in fila indiana a far domanda alla Maersk . . . sarebbe da prendere tutta gente residente in altri comuni, non a Vado . . .