IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Manovra “Salva Italia” abolisce le Province, l’UPI: “Incostituzionale”

Più informazioni su

Anche se per adesso le province non verranno eliminate, la manovra del governo ridimensiona fortemente il loro ruolo, tanto che l’Upi parla subito di “provvedimento anticostituzionale” e chiede l’intervento del presidente della Repubblica.

Quello delle province è un tema importante, tanto che è proprio il presidente del Consiglio, Mario Monti, a parlare della novità nel suo discorso agli italiani per illustrare il “salva Italia”. “Non è nostro potere abolire le province nel decreto odierno”, ma nel provvedimento abbiamo “profondamente modificato le province: abbiamo eliminato le giunte provinciali e c’é una drastica riduzione del numero consiglieri”, ha spiegato il premier prima di entrare nel merito delle misure del decreto legge.

Anche il comunicato del Consiglio dei Ministri spiega che “le Province vengono riportate alla funzione di organi di indirizzo e coordinamento. Vengono abolite le giunte, ridotti a 10 i consiglieri provinciali, e ridotte drasticamente le spese in funzioni già svolte da altri enti territoriali. Monti ha aggiunto che pur non avendo il potere di cancellare le province saranno assecondate le “iniziative di legge costituzionale che vadano in questo senso”.

In pratica, ha aggiunto, i consigli provinciali avranno solo 10 componenti eletti dal territorio. Vengono quindi eliminate le giunte provinciali e viene attuata una drastica riduzione del numero dei consiglieri. Gli organi previsti vengono riportati al ruolo di governo intermedio, con funzioni di servizio e coordinamento nei settori che saranno disciplinati con leggi statali e regionali.

“Il provvedimento, nei termini in cui lo ha illustrato il Presidente Monti, è palesemente anticostituzionale”, è stata la pronta replica dell’Unione province italiane, Giuseppe Castiglione: “Altro che dialogo e confronto. Il Presidente Monti dimostra di non avere alcun rispetto per le istituzioni della Repubblica e smentisce quanto ci aveva dichiarato oggi nell’incontro farsa prima del Consiglio dei Ministri. E’ evidente che con questo atto si apre un duro conflitto istituzionale, di cui certo il Paese non ha bisogno”.

“E’ un provvedimento palesemente anticostituzionale. Facciamo appello al Presidente della Repubblica, perché vigili attentamente, prima di firmarlo, il rispetto della Costituzione vigente. Tra l’altro, ridurre il taglio dei costi della politica alla cancellazione delle giunte e alla riduzione dei consigli provinciali è ridicolo, e dimostra un pressapochismo e una impreparazione che da un Governo tecnico davvero non ci saremmo aspettati”, conclude Castiglione.

In termini di “tagli” economici, invece, secondo l’Upi la manovra prevede una riduzione nel 2012 pari a un miliardo e 300 milioni di risorse in meno, tra tagli diretti (550 mln) e la non erogazione de recupero dell’addizionale energia elettrica assegnato alle Province (800 mln). Altri interventi a cui punta il governo in materia di enti locali riguarda la fiscalità dei comuni con le imposte municipalizzate, che, ha spiegato il ministro per i rapporti con il parlamento Piero Giarda, porterà ad un “forte recupero dell’autonomia finanziaria dei comuni”. Infine, sempre Giarda, ha parlato dell’impegno dei razionalizzare e ridurre le spese del trasporto pubblico locale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    .
    “”””Manovra “Salva Italia” abolisce le Province,”””
    .
    Uno dei presupposti indispensabili al salvataggio dell’Italia passa dalla abolizione di tutti gli enti inutili e deleteri per la sola loro presenza.
    .
    “Se” come “cittadino qualsiasi” avessi ancora il potere di decidere in casa mia
    .
    pur mantenendo lo stipendio per un paio di anni a “tutti” quanti lavorano in enti parassitari
    .
    li chiuderei immediatamente lasciando a casa (con lo stipendio pagato per due anni) tutti quanti perdono tempo in strutture inutili …
    in due anni possono cercare un nuovo lavoro “utile” in grado di produrre qualcosa di buono.
    .
    Qualche ipercettibile problema potrebbe anche sorgere …. lo supereremo con gioia ed entusiasmo …. .
    .
    Di certo costerebbe meno pagare gli stipendi per due anni a chi opera in queste strutture che non il mantenerle operative.
    .
    Mi ricordo di aver letto di alcune navi che vengono tenute ferme perche’ se si muovono costano troppo (ed inquinano in modo eccessivo) …. ecco ci troviamo da tempo con enti che assomigliano molto a quelle navi.
    .

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    .
    Da quando sono state aggiunte le ulteriori gabelle sulla sanita’ …. non ne ho piu’ usufruito …
    (risulto fra i ricchi e ….. non posso permettermi di buttare quattrini per qualcosa che ho gia’ pagato) … ora non so’ se la mia salute e’ peggiorata … non mi curo piu’ (e tutto sommato mi pare di star meglio …… forse l’assistenza sanitaria non e’ poi tanto indispensabile)
    .
    Non sempre ci si possono permettere sprechi ….
    dobbiamo continuare a mangiare (ed a pagare i debiti che alcuni “incoscienti” hanno fatto)
    .
    e cosa’ e’ la provincia se non uno spreco ormai intollerabile?.
    .
    Ultimamente mi sto’ rendendo conto che …. anche la Regione …. le regioni non hanno piu’ alcun senso per il benessere della Nazione e nostro ….
    .
    sono solo fonte di sprechi, litigi, inconcludenza ……. (un sistema utilizzato dai politici per “pararsi il …….” ).
    .
    Probabilmente realizzare unioni di piu’ regioni con stili di vita e tipo di sviluppo simili
    (“forse” nord, centro, sud)
    amalgamando ogni regolamento regionale difforme da una linea comune ….. per mantenerne uno solo …. valido in tutta la maxiregione ….
    porterebbe ad una maggiore coesione …. ad una vita migliore
    .
    altrimenti ……
    .
    meglio quella secessione ….. che torna a primeggiare nelle proposte che ogni giorno vengono formulate …. non solo in Padania …..
    .
    E sopratutto ……”basta con il maggioritario” ….
    basta con le decisioni maturate e prese nelle ville principesche o nei conventi …..
    si discuta “solo” nella localita’ a cio’ predisposta … “il Parlamento”….
    dove “tutti” devono poter esprimere il proprio pensiero …
    dopo aver ascoltato l’altrui opinione …..
    e se un “eletto” (ammesso ve ne siano) risulta assente non giustificato ….
    “da malattia” ……
    dopo un modesto numero di assenze … deve venir “licenziato” …
    non servono politici doppilavoristi o scansafatiche

  3. Scritto da freeholly9

    evvai basta col magna magna! ora qualche taglianastri si metterà a dieta…

  4. corsaronero
    Scritto da corsaronero

    ma vi rendete conto, come se non bastassero le varie pastoie che avevamo anche l’Unione Province Italiane, per fare cosa castiglione???? a casa!!!

  5. corsaronero
    Scritto da corsaronero

    Monti siamo con te, continua a cancellare gli enti inutili.