IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’incendio di Vado “scatena” gli appelli alla prudenza: le dieci regole da seguire

Liguria. Emergenza incendi boschivi: le condizioni climatiche variabili potrebbero favorirne altri, dopo il maxi rogo di Vado Ligure e Quiliano della vigilia di Natale, e la Regione Liguria invita tutti alla massima allerta.

L’appello lanciato dall’assessore all’Agricoltura Giovanni Barabagallo in una pausa della riunione della giunta regionale è netto. “Massima cautela nell’approccio con ogni tipo di fuoco e fonti di calore in prossimità dei boschi per evitare nuovi focolai”, ha detto Barbagallo. In particolare, la Regione Liguria raccomanda di non accendere raudi, fontane, razzi e fuochi pirotecnici nelle aree boschive e rilancia per Capodanno il decalogo antincendio boschivi di ferragosto.

“E’ fondamentale che i cittadini e i turisti rispettino alcune fondamentali regole di comportamento e collaborino con le istituzioni, il mondo del volontariato, i vigili del fuoco, il Corpo Forestale dello Stato nella prevenzione e nella segnalazione di focolai”, ha aggiunto Barbagallo.

Il decalogo regionale invita a non gettare mozziconi di sigaretta ancora accesi, non accendere fuochi nei boschi e al di fuori delle aree attrezzate lontano dagli alberi e non abbandonare le braci accese. Si prosegue con la raccomandazione a non parcheggiare l’auto con il motore caldo sul ciglio della strada, a contatto con l’erba secca e a non bruciare residui vegetali e sterpaglie in presenza di vento. Se si devono bruciare residui di vegetazione (orti,campi ecc) bisogna rispettare le norme, adottare ogni precauzione e informarsi presso la stazione più vicina del Corpo Forestale dello Stato.

Altra cosa molto importante : non abbandonare rifiuti nei boschi e nelle discariche abusive, carte e plastica combustibili e facilmente infiammabili. Il decalogo antincendi boschivi della Regione Liguria invita i proprietari di immobili che si trovano in zone a rischio a tenere libero dalla vegetazione e dai rifiuti infiammabili il terreno circostante. Una legge regionale autorizza i proprietari a creare una fascia di protezione priva di vegetazione di 15 metri attorno alla casa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ulisse

    meglio tardi che mai…