IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incendio Vado, spenti gli ultimi focolai: il racconto degli abitanti di Segno e Sant’Ermete, tra paura e rabbia

Vado L. Ancora negli occhi la paura delle fiamme vicine alle loro case, ma anche la rabbia per un altro incendio che ha distrutto la loro vallata. Mentre gli abitanti di Segno e Sant’Ermete, le zone colpite dal rogo boschivo di Vado Ligure, aspettano la fine dell’emergenza (con le fiamme ancora sul versante spotornese) ricordano quei drammatici momenti. Intanto la situazione nel tardo pomeriggio vede spenti gli ultimi focolai, anche grazie all’azione dei mezzi aerei e delle squadre di soccorso, compreso il versante spotornese.

“Ho avuto parecchia paura, ho lottato contro le fiamme che hanno distrutto la mia segheria, ma non c’è stato nulla da fare…Sono dovuto venire via” ricorda Franco Peluffo. “Sono stati momenti terribili, un bruttissimo ricordo preferirei annullarlo ma so che rimarrà per sempre, difficile spiegare a parole” racconta Mirella Oliveri.

I vadesi ricordano non solo l’incendio del 2007 ma anche l’incendio del Natale del 2003, “ma non è stato così, non solo per il rischio per le persone ma per i nostri boschi, duramente colpiti dalle fiamme” dice Daniela Andreoini.

“Una situazione davvero drammatica, per fortuna siamo stati soccorsi e portati via, abbiamo passato il Natale fuori casa ma a noi è andata bene rispetto ad altri cittadini della vallata che hanno subito danni e avuto le fiamme a pochi passi dalle loro case. Un ringraziamento a tutte le squadre dei soccorritori che hanno svolto un lavoro straordinario” sottolinea Roberto Rineri. Sul fronte dei soccorsi rimarrà operativa l’unità di crisi per monitorare la situazione durante la notte.

Chi ha vissuto quelle drammatiche ore ringrazia i soccorritori, ma monta la rabbia per un rogo che ha nuovamente distrutto i boschi vadesi, oltre 400 ettari. La speranza che finita l’emergenza e ultimata la bonifica si possa determinare cause ed eventuali responsabilità di questo grave incendio, che certamente gli abitanti di Segno e Sant’Ermete difficilmente potranno dimenticare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.