IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incendio Vado Ligure: focolai sotto controllo, rientra gradualmente l’emergenza foto

Vado Ligure. I fronti del rogo sono sotto controllo a Vado Ligure: dopo quattordici ore di intervento massimo l’emergenza sta rientrando, anche grazie alla diminuzione delle raffiche ventose che per tutta la notte, invece, hanno aumentato i focolai ed il trasporto di particelle incandescenti che innescavano combustioni in sempre nuovi punti di vegetazione.

Dalle mattina sono operativi i Canadair, ai quali si sono aggiunti un elicottero della Regione Liguria e un altro elicottero Ericsson 64. In centinaia tra vigili del fuoco, volontari, militi della CRI, uomini della protezione civile, carabinieri e vigili urbani hanno agito per le opere di spegnignimento, bonifica e presidio del territorio.

Gli evacuati, in tutto un centinaio, stanno attendendo il ritorno alla normalità ed il rientro a casa. Mentre sono da tempo già in corso gli accertamenti per risalire all’origine del devastante incendio, per il quale non si esclude l’ipotesi dolosa. Un primo rogo si era registrato nel pomeriggio, sempre nella frazione di Segno. Nelle ore successive si è ravvivato trasformando in un incubo la vigilia di Natale.

Impossibile per ora stimare il danno al patrimonio boschivo, che si presume immane per la sua gravità: si tratta comunque di centinaia di ettari. Le lingue di fuoco, diffuse in una miriade di focolai difficilmente domabili nottetempo, hanno minacciato decine di abitazioni, gettando nel panico i residenti.

Una legnaia in località Batteria ospitata da un deposito agricolo è andata completamente distrutta, compresa l’attrezzatura, per un danno di almeno 50 mila euro. Due automobili (una delle quali di un volontario della protezione civile) sono finite carbonizzate. Un palo dell’elettricità è crollato, mentre sono ancora in corso di valutazione i danni ai tralicci della corrente.

Per fortuna non si sono registrati danni alle abitazioni e agli edifici, nonostante le fiamme le abbiano lambite pericolosamente. A notte inoltrata il fronte del fuoco è stato sospinto dalle raffiche ventose verso mare, in zona Ponte dell’Isola. Mentre a monte in parte ha scollinato verso Quiliano e Altare attraverso le Rocche Bianche.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.