IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incendio Vado: incubo finito, gli sfollati di Segno verso il rientro foto

Più informazioni su

Vado Ligure. Alle 13.30, dopo una lunga ispezione per tutte le stradine di Segno e Sant’Ermete, il sindaco Attilio Caviglia ha revocato l’ordinanza e consentico a circa 150 persone di tornare nelle loro case.

L’incendio, in questo momento, non è ancora completamente spento. Rimane attivo un focolaio sul fronte orientale della vallata di Segno, quella che confina con il comune di Quiliano. Sul posto proseguono incessantemente i lanci da parte dei due Canadair e dei due elicotteri che da questa mattina operano, nonostante il vento, pur non così forte come nella notte, su tutto l’incendio.

Complessivamente sono stati oltre 150 gli uomini al lavoro dalle dieci di ieri sera tra vigili del fuoco, volontari AIB e della protezione civile, agenti della polizia municipale di Vado Ligure, oltre a numerose pattuglie delle forze dell’ordine.

Molti degli sfollati hanno atteso in automobile tutta la mattina di poter rientrare nelle abitazioni e al momento del via libera si è formata una lunga coda di auto fino alla sommità della collina, la zona più colpita dal rogo. Altri sono stati ospitati da parenti, altri ancora sistemati nelle società di Sant’Ermete e della Valle.

Mentre in molte zone è ancora in corso la bonifica, le forze dell’ordine sono alla ricerca delle cause del rogo. Al momento non viene esclusa nessuna ipotesi. In molti questa mattina parlavano di “strani individui visti girare per le colline” nella giornata di ieri, proprio nelle zone dove sono apparsi i primi focolai. Ancora difficile realizzare una stima dei danni; quello che è certo è che oltre 130 ettari di macchia mediterranea sono andati in fumo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giuliano Bernat

    Siamo ben lieti che gli amici di Segno tornino a casa,ma a S.Ermete e nella Valle di Vado la situazione è drammatica.Dopo avere sorvegliato con altre persone la zona del cippo dei caduti(era l’una e mezza di stanotte 26 Dicembre),alle quattro meno un quarto ci siamo nuovamente ritrovati per fronteggiare le fiamme che da quelle zone sono state sospinte dal vento verso,appunto,la Valle dal lato delle colline.Ma nel frattempo anche nell’area di Carpineta altissime fiamme hanno mano mano divorato una larghissima fetta di bosco arrivando a lambire la zona di Ne-vaè.Attualmente tutta la boscaglia alle spalle della chiesa è preda del fuoco che sembra non demordere.Tutto questo in attesa della luce del giorno che sembra non arrivare mai ma anche aspettando il ritorno dei canadair e nella speranza che le fiamme non si spingano verso l’abitato di S.Genesio.