IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Collegio dei primari: “Ospedale su due plessi, Albenga e Pietra, con nome e centralino unico” foto

Ponente. Un unico ospedale del ponente su due plessi, uno ad Albenga ed uno a Pietra Ligure, con un’integrazione completa dei primari e delle loro attività. E’ la proposta di organizzazione degli Ospedali riuniti di Pietra Ligure ed Albenga approvata all’unanimità dai Collegi dei Primari congiunti che sottolineano come “in Italia esistano già innumerevoli e virtuosi esempi come a Cuneo o in altre Regioni come Emilia Romagna, Veneto e Toscana”.

“Bisognerà definire quali specialità dovranno seguire i due nosocomi, noi primari avanzeremo delle proposte nell’interesse del paziente. Sul Santa Maria Misericordia sull’attività privata non entro nel merito poiché sono funzioni di competenza della Regione; l’ospedale di Albenga ha funzionato bene in questi anni e mi auguro che continui così nel tempo integrandosi con le funzioni del Santa Corona” riferisce il dottor Filippo Falchero, presidente del Collegio dei Primari dell’Ospedale S.M. di Misericordia di Albenga.

“Una proposta operativa minimale che però potrebbe dare il tangibile segno dell’unificazione dei due ospedali sarebbe quella di attivare un unico numero di telefono per il presidio come accade nell’Imperiese. Sarebbe un segnale per far capire ai cittadini il concetto, finora esclusivamente da atteso da molti addetti ai lavori. A tal proposito si è anche inoltre concordato che le prossime riunioni del collegio dei primari avverranno congiuntamente” dice Falchero. Il collegio propone inoltre di istituire una guardia attiva unica di presidio per Radiologia e di presidio/reperibilità per Trasfusionale e Laboratorio.

“E’ importante che gli albenganesi ma anche i finalesi e loanesi vivano l’idea di unico ospedale con i plessi ospedalieri che mantengono le loro funzioni fondamentali, una funzione per il Santa Corona più orientata verso l’emergenza mentre Albenga verso la direzione, garantendo la salute dei cittadini e dei pazienti. L’integrazione è indispensabile sia per una nuova economia sia per ciò che faremo” afferma il dottor Alberto Artom, presidente del Collegio dei Primari dell’Ospedale Santa Corona di Pietra Ligure.

“Ribadiamo con forza che il Pronto Soccorso così come è la Medicina e la Chirurgia devono continuare ad essere presenti in entrambi gli stabilimenti. Al momento della quiescenza dei direttori di struttura complessa dei reparti si ritiene debbano essere accorpati dei due presidi (Levante e Ponente) e ancor più dei due stabilimenti (Pietra e d Albenga) ad es. Radiologia e chirurgia per Pietra e Albenga, ORL per Albenga e Savona, Gastroenterologia per Pietra e Savona etc), il Direttore che rimane in servizio rimane nella sede storica da cui proviene (Serafini a Pietra, Falchero e Peirano ad Albenga, Testa a Pietra, ecc.) e si reca nelle altre sedi secondo le necessità ma non viene nuovamente ‘nominato'” sostiene il doppio collegio dei primari.

“Sul nuovo progetto del Santa Corona – commenta il dottor Artom, primario medicina interna – va fatta una valutazione economica su quanto costa il nuovo monoblocco e risorse servono per mantenere i padiglioni e ristrutturare ciò che serve. In questo ambito il nuovo monoblocco verrà costruito in attesa di realizzare un unico grande ospedale che ci permetta di lavorare assieme. Per ora lo facciamo attraverso l’integrazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Cato censor
    Scritto da Cato censor

    Mi sembra davvero una idea originale…………soprattutto se si pensa alla logica della deaziendalizzazione del Santa Corona e all’accorpamento con Savona. Siamo ai titoli finali di un film comico di Natale……peccato sia vero purtroppo per noi contribuenti!!!!!!!!

  2. corsaronero
    Scritto da corsaronero

    Ma è pazzesco, fino ad una settimana fa sembrava che il santa corona dovesse chiudere, troppo vecchio, padiglioni fatiscenti, mancanza di funzionalità e collegamento, meglio trasferire tutto nell’ospedale di albenga (anche pretty dog che è di alassio era contentissimo).
    Poi ecco “AVVENIMENTO EPOCALE” (scusate se a pietra questi avvenimenti sono all’ordine del giorno) il sindaco de vincenzi tira fuori l’asso dalla manica, o meglio il “marasso” (per i foresti è la stessa cosa che macete) e taglia in due il santa corona per darne metà ai noti costruttori che, come avvoltoi stanno appollaiati sui rami intorno pronti a costruire centinaia di minialloggi per milanesi e torinesi, nella parte restante fantascientifica sopraelevazione della piastra, tunnel di collegamento sotterranei fra i padiglioni, l’eliporto…. a no quello c’è già. Ah quasi mi dimenticavo, dei parcheggi chi se ne fotte, tanto c’è la fermata del bus davanti alla ex portineria oppure i taxi che faranno spola dalla nuova stazione ferroviaria di finale (ricordate che a pietra i nostri amministratori la stazione non la vogliono perchè “ci” porterebbe via troppo terreno dove la volevano costruire ……..eeh!).
    E adesso il dott. Artom ha una idea epoc…., scusate sensazionale (quelle epocali le ha solo de vincenzi), invece di fare tutto questo casino di lavori, spreco di soldi, ecc. facciamo gli ospedali riuniti (unico nome, unica insegna), unico numero di telefono, ne leviamo uno (quindi minori spese anche di bolletta telefonica) e il santa corona va benissimo così, tutto è a posto. ARTOM SINDACO SUBITO.

  3. Scritto da Resist

    Individuare funzioni diverse senza campanilismi!!!
    Quella dei Primari mi sembra una proposta sensata.

  4. lylogi
    Scritto da lylogi

    sant’Iddio, che colpo di genio… lasciamo le cose come stanno, cambiamo il nome ai due ospedali, li dotiamo di un (nuovo) unico numero di telefono, e il gioco è fatto.
    che geni della lampada!!! ma quanto li paghiamo questi al mese???
    ma per piacere…