IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Carcare lancia la risposta a “Miss Padania”: sono aperte le iscrizioni a “MissTerrona”

Più informazioni su

Carcare. E’ iniziato il conto alla rovescia per “MissTerrona”, concorso nazionale che avrà luogo nel luglio 2012 in provincia di Savona. Una vera e propria risposta a “Miss Padania”.

Da oggi è infatti attivo, all’indirizzo www.missterrona.it, il sito internet dove le aspiranti Miss potranno trovare tutte le informazioni per partecipare al concorso e contendersi il titolo della prima edizione.

Il concorso è aperto a tutte le ragazze di età compresa tra i 18 e i 26 anni, residenti in qualsiasi città italiana, ma che abbiano entrambi i genitori nati in una delle sette regioni del Sud (Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) e nasce da un’idea di Rodolfo Mirri, presidente dell’associazione culturale Il Ponte di Carcare. Mirri è un calabrese “emigrato” al Nord 32 anni fa, come tanti altri, per motivi di lavoro, attivo nel sociale nella politica e nell’amministrazione locale carcarese, con trascorsi sportivi a livello nazionale nel settore arbitrale calcistico (assistente arbitro nel campionato di serie A e B).

“Già il nome del concorso, ‘MissTerrona’ – dice Mirri – ha un significato importante. Vuole essere provocatorio nei confronti di chi ha ancora pregiudizi verso le persone meridionali, chi additava con disprezzo persone emigrate dalla loro terra, per venire al Nord e costruirsi un futuro, come succede ancora oggi per i migranti provenienti dai Paesi più poveri. Ma nasce soprattutto dalla volontà di fare un passo avanti, con ironia, e volgere in positivo un termine che ha sempre avuto una connotazione negativa per indicare dei cittadini italiani il cui ruolo è stato comunque fondamentale nella vita economica, sociale e culturale delle regioni del Nord”.

Definire “MissTerrona” un semplice concorso di bellezza è un grosso errore. La manifestazione che metterà in primo piano la bellezza, mira soprattutto rivalutare e fare conoscere anche al Nord parte delle tradizioni e della storia del Meridione. Le concorrenti, infatti, oltre a sfilare in costume come in tutti i concorsi di bellezza che si rispettino, dovranno anche dimostrare di avere una conoscenza delle tradizioni, della cucina, della cultura e del folklore della terra d’origine dei genitori.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. becco
    Scritto da becco

    anche la miss ritratta nella bozza del manifesto promozionale, pubblicato sul sito ufficiale, pare non sia d.o.c. come vorrebbe il concorso, ma indigena della vallata

  2. peppeskywalker
    Scritto da peppeskywalker

    Mi sembra ovvio fare sta pagliacciata a Carcare, noto paese in provincia di Palermo o forse Lecce non ricordo…….

  3. Fiammetta
    Scritto da Fiammetta

    Sarà sicuramente un NAUFRAGIO

  4. oterronedorione
    Scritto da oterronedorione

    ATTENZIONE NOTIZIA Dell’ultim’ora:
    E’ stato nominato Presidente della Giuria per l’elezione di Miss Terronia il Comandante Francesco SCHETTINO, pare che l’audace lupo di mare campano abbia accettato con la condizione che al concorso possa partecipare anche una ragazza moldava di sua conoscenza!!!!
    La richiesta è al vaglio dell’organizzatore

  5. becco
    Scritto da becco

    TRA MARZO E APRILE!!!
    motivazioni e finalità pretestuose
    …VANA GLORIA… che vuole camminare con le cosce delle belle ragazze di ogni latitudine e longitudine!!!
    Ennesimo caso di PARASSITISMO POLITICO
    Controindicazioni e avvertenze :
    leggere con attenzione il bando del concorso e scoprire le anomalie.