IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Burrasca e mareggiate: surfista in difficoltà ad Albisola, rocciatori soccorsi a Finale foto

Provincia. Un surfista in difficoltà nel pomeriggio nelle acque di Albisola Superiore alla foce del Sansobbia, si tratta di un 50enne di Asti. L’uomo è stato sballottato dalla violenta mareggiata che sta aggredendo le coste savonesi mentre si trovava con altri due amici. La vela della tavola da windsurf si è strappata e lo sportivo è finito in mare. Gli amici hanno avvertito i soccorsi e l’uomo infine è riuscito a guadagnare la riva a nuoto.

Sul posto Capitaneria di Porto, vigili del fuoco e carabinieri che hanno dovuto operare nelle acque tra le due Albisole, con scarsa visibilità e onde alte 7-8 metri. Dopo aver constatato il salvataggio dei tre, le ricerche sono proseguite per accertarsi che non ci fossero in mare altri surfisti. La Guardia Costiera, considerate le condizioni del mare, non escludono di segnalare all’Autorità Giudiziaria i tre surfisti con l’ipotesi di reato di comportamenti colposi in materia di sicurezza della navigazione.

Rami, alberi, ma soprattutto cartelli e insegne o lamiere pericolanti si segnalano in varie località della Provincia. Nelle foto anche un perimetro di sicurezza sull’Aurelia a Pietra Ligure per il tetto pericolante di un distributore e una persiana caduta in corso Italia, a Savona, che ha rischiato di colpire in testa un questuante e altri passanti.

A Finale Ligure si sono formate lunghe code sull’Aurelia nel tratto centrale dell’abitato: la strada è stata interrotta all’altezza dei capannoni Piaggio per tettoie pericolanti, cooptando i veicoli in via Brunenghi per bypassare il punto industriale. Subito si sono formate lunghe code. Nel tratto della Caprazoppa, esposto alle raffiche di vento, è stato vietato l’uso del ciclomotore (in molti hanno affrontato la strada conducendo a piedi scooter e moto).

La burrasca ha raggiunto i cento chilometri orari, placandosi nelle seconde ore del pomeriggio. Le mareggiate hanno eroso le spiagge. La navigazione da diporto risulta estremamente pericolosa.

Due rocciatori sono stati soccorsi dai vigili del fuoco sulle pareti del Fnalese. Sono intervenuti gli specialisti del nucleo Saf, insieme al Soccorso Alpino e 118. I due climer sono rimasti appesi ad un costone penzolando, in difficoltà, a 50 metri di altezza a causa del vento forte. Non risultano comunque feriti.

Disagi notevoli per chi viaggia in aereo a Genova: questa mattina il volo Air France per Parigi AF 5846 delle 7,45 è stato cancellato a causa del maltempo nella capitale francese. Di conseguenza è stato cancellato anche il volo AF 5847 da Parigi, il cui arrivo era previsto a Genova alle 11,50. I passeggeri sono stati riprotetti su altri voli.

A causa del forte vento su Genova è stato invece dirottato su Pisa il volo Lufhtansa da Monaco LH 1942, previsto alle 11,20. I passeggeri sono stati trasportati a Genova in pullman, mentre quelli che avrebbero dovuto imbarcarsi sull’aeromobile per il volo LH 1943 sono stati trasportati in pullman a Torino per essere imbarcati su un altro aeromobile diretto a Monaco. Sono decollati regolarmente i voli per Roma Ciampino, Roma Fiucimino, Madrid, Napoli, Trieste, quello per Parigi delle 13.30 (AF 5842) e Londra Gatwick.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pinuccia

    @surfista: Benissimo, lasciamoti annegare con gli altri tanto nessuno sa nuotare e non vedo perchè vigili del fuoco e volontari devono rischiare la vita per chi non la merita.
    Detto ciò c’era un allarme della protezione civile… ma intanto chi se ne frega eh?

  2. gian joao
    Scritto da gian joao

    7-8 metri?
    hanno spostato albisola alle hawaii o è arrivato uno tsunami e non ce ne siamo accorti?

  3. Scritto da mario58

    Condivido in pieno quello detto dal surfista,io sono in vacanza e vi sto scrivendo dall’isola di Mauritius,oggi c’è mare grosso,onde di 3/4 metri bellissime da cavalcare,ma credete solo con queste onde la ns guardia costiera sarebbe in grossa difficoltà visto che come dice il surfista fanno più km in macchina che miglia in mare e poi onde di 7 metri ad Albisola???????????Ma sapete cos’è un onda di 7 dico 7 metri?Ma non scherziamo!!!

  4. Scritto da federicobellavista

    un elogio al lavoro svolto dai vigili del fuoco

  5. Scritto da surfista

    c’è ancora chi chiama la capitaneria di porto in caso di situazioni di pericolo! Guardate come sono vestiti!!!!!!di certo non si sarebbero nemmeno bagnati le SCARPE perchè incapaci di intervenire in situazioni del genere. E allora cosa si fa ? Si sanziona il surfer che non chiesto nulla. E’ normale che durante una surfata, in caso di errore l’attrezzatura venga strappata dalle mani del windsurfer e recuperata a riva. Normalissimo. Come nnormalissimop che un catamarano scuffi in caso di errore sotto raffica oppure un kite cada in acqua. in questo caso vengono segnalati situazioni di ‘naufragio’ che per i praticanti sono normalissime.
    Bisogna finirla!!!Ognuno deve assumersi le proprie responsabilità. Se voglio entrare in mare con onde grosse( ed il surf ad esempio si pratica solo DURANTE LE MAREGGIATE)
    SONO LIBERO DI FARLO. IN CASO DI DIFFICOLTA’ ACCETTO IL MIO DESTINO. NON MI ASPETTO NESSUN INTERVENTO, ANCHE PERCHè SOLTANTO UN ALTRO SURFISTA O WINDUSRFISTA SAREBBE IN GRADO DI DARMI UNA MANO, NON DI CERTO LE FORZE DELL’ORDINE CHE ANNEGHEREBBERO ALL’ISTANTE!!!!!

    PERO’ SI SPENDONO UN SACCO DI SOLDI PER SCORTARE I TIFOSI ALLO STADIO. A ME IL CALCIO NON PIACE. PERCHè NON CHIUDIAMO GLI STADI?

    LIBERTA’. Condizioni difficli per alcuni sono divertenti per i più esperti, quindi mi chiedo chi è che dovrebbe decidere il divieto?

    Ad esempio, se andate su you tube a vedere la guardia costiera di morrobay, vedrete che in condizioni di gran lunga più pericolose di oggi i militari entrano in acqua ad allenarsi!!!!!

    Siamo l’unico paese al modo in cui la gc ‘gira’ in automobile e non in barca!!!!
    Quindi queste persone dovrebbero sanzionarmi????

    Oggi ci siamo divertiti! Se domani qualcuni di noi finirà sugli scogli si arrangerà e basta.
    Certo BEN DIVERSO IL DISCORSO SE IL SURFISTA , PERSONALMENTE E DIRETTAMENTE CHIEDE AIUTO ALLE FORZE DELL’ORDINE E VIENE TRATTO IN SALVO METTENDO A RISCHIO LA LORO VITA.!!!!!!!!!LA SANZIONE IN QUESTO CASO SAREBBE LEGITTIMA.

    MA POI, MI CHIEDO , PER COSA SONO PAGATI? NON FORSE PER EFFETTUARE DEI SALVATAGGI?

    poI 7 METRI DI ONDA DOVE LI AVETE VISTI? IN QUALE FILM? FORSE2,5 METRI AL MASSIMO A FINALE LIGURE. aD albisola, a giudicare dalle foto, 1,5.