IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, concorso pubblico “tragicomico”. Un candidato: “Il selezionatore era impreparato”

Alassio. Un concorso di lingue alla “Noio volevan savuar” dove però, a pronunciare fantasiose frasi poliglotte, non era un comico alla Totò bensì l’esaminatore che avrebbe dovuto valutare il grado di preparazione dei candidati.

A raccontare l’esperienza tragicomica è uno degli aspiranti insegnanti di spagnolo che hanno partecipato alla selezione del Comune di Alassio che si è svolta lo scorso 6 dicembre. “Il concorso riguardava l’insegnamento ai corsi serali di lingua spagnola e inglese organizzati dal Comune. La prova, per entrambe le lingue, consisteva in un colloquio atto a valutare le conoscenze linguistiche del candidato, l’impostazione che si sarebbe data al corso e la presentazione del curriculum vitae. Ad ognuna di queste tre parti veniva attribuito un punteggio, la cui somma determinava il vincitore”.

“Mentre per inglese la selezione è stata puntuale, rigorosa ed obiettiva, per spagnolo si è trattato di un’esperienza tragicomica – contnua il candidato – L’esaminatrice, pur essendo di origine sudamericana, parlava uno spagnolo incerto e a tratti sgrammaticato, alternando parole inesistenti e italianismi. Mi chiedo quindi come abbia potuto valutare correttamente le conoscenze linguistiche dei candidati. Inoltre, il tenore delle domande del colloquio è stato ‘Qual è la sua stagione preferita?’, ‘Perchè ha divorziato da suo marito’?, ‘Cosa si mangia in Argentina?’. Nessun accenno a come si sarebbe voluto impostare il corso. Come è stato dunque possibile attribuire un punteggio a questa voce?”.

“Non contesto l’esito della selezione, chi ha vinto è persona degna e preparata – precisa l’aspirante insegnate di spagnolo – In verità, il Comune di Alassio, che non ha fatto una bella figura, è stato fortunato in questa circostanza, perchè tutti i candidati erano professionisti di ottimo livello. E, proprio per questo, avrebbero meritato di essere valuati in maniera più seria”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.