IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Accordo Sca: pace fatta tra i Comuni di Alassio Laigueglia e Villanova

Alassio. Torna il sereno tra i Comuni di Alassio, Laigueglia e Villanova sul tema dell’acqua. C’è stata infatti piena convergenza tra i sindaci dei tre Comuni che, riuniti ieri mattina nell’assemblea dei soci della SCA, hanno superato i dissidi e le vertenze degli anni passati, giungendo adun accordo transattivo che sancisce il ritorno alla reciproca collaborazione.

“Il grande merito di questo risultato – spiega il primocitadino alassino Roberto Avogadro – va ascritto innanzi tutto al nuovo consiglio di amministrazione, il presidente Massimo Schiavon e i consiglieri Marco Danini e Michele Manera, e al nuovo direttore Gianni Manfredi, che in questi pochi mesi con la loro opera hanno riportato trasparenza e credibilità all’interno della società, ricreando quel clima di collaborazione che anni fa, durante la mia precedente amministrazione era stato posto alla base di questa operazione”.

“L’assemblea della S.C.A. ha inoltre deliberato la realizzazione dei lavori di adeguamento della vecchia centrale di sollevamento di Albenga, nonché la costruzione di un impianto di trattamento primario dei reflui fognari in località S.Anna, che consentirà in tempi brevi di ridurre il carico inquinante nel golfo di Alassio” conclude Avogadro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Biagio MURGIA

    Avogadro o fa finta di non conoscere le Leggi, oppure (cosa assai più grave) le ignora. Mi risulta che se non esiste un depuratore, non si può costruire e mettere in funzione un “grigliatore” cioè un impianto di pre-trattamento dei liquami; inoltre sa benissimo che non si può far pagare a un cittadino i costi di un grigliatore e/o di un depuratore in quanto esiste una sentenza della suprema Corte Costituzionale (la nr.335 del 2008) con la quale veniva dichiarato illeggittimo far pagare in bolletta costi per depuratori o simili in quanto la depurazione è un servizio che viene offerto al cittadino e, se non c’è il depuratore, tale servizio non viene dato per cui non deve essere pagato. Vedremmo cosa ne pensa la Magistratura non appena invierò in mio esposto denuncia su tutta la questione (compreso l’aumento differente della bolleta dell’acqua deliberato dai comuni di Laigueglia e Alassio, visto che, a parità di consumi un utente di Alassio paga circa il 10 per cento in più di uno di Laigueglia)…Altro che pace fatta…

  2. Ciccio Formaggio
    Scritto da Ciccio Formaggio

    Esaù si vendette per un piatto di lenticchie.
    Avogadrù ha venduto Alassio a Laigueglia per una tessera UDC, nella speranza che il partito di Casini e di Maglione lo candidi alle prossime politiche, con il desiderio
    di poter tornare a scaldare quella cadrega tanto amata.

  3. alassino stupefatto
    Scritto da alassino stupefatto

    Beh, Alassio ha abbonato 700.000 euro che Laigueglia doveva alla SCA per lavori eseguiti negli ultimi anni a favore di quel Comune. In cambio Laigueglia provvederà all’aumento di capitale a suo carico per non piu’ di 15.000 euro.
    Se la matematica continua a non essere un opinione non si vede cosa ci sia da gioire.
    Aggiungiamoci poi che l’acqua agli alassini ora costerà quattro volte di più, mentre per i laiguegliesi l’aumento sarà del 5 per cento… complimenti agli amministratori!
    Paga somaro alassino, anche per Laigueglia e Villanova, paga e taci.