IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanità, nuova ghigliottina colpisce i servizi: colpo di spugna per le Day Surgery foto

Savona. Al giro di boa sulla sanità regionale, con il ritiro del piano dell’assessore Montaldo e la salvezza per i pronto soccorso di Albenga e Cairo, si apre subito il nuovo fronte di tagli per la rete assistenziale savonese. Perché la mannaia comunque deve colpire, visto che l’Asl 2 da qualche parte deve recuperare 18 milioni di euro di spesa. Verranno soppressi i servizi di Day Surgery in tutte le strutture ospedaliere della provincia. Questa la linea di risparmio, con ricaduta sull’offerta sanitaria in senso stretto e soprattutto sull’utente, già tracciata dal direttore generale Flavio Neirotti.

Salvo correttivi dell’ultima ora, il reparto di Day Surgery dell’ospedale San Paolo chiuderà o comunque sarà sospesa nella sua abituale attività già dal primo ottobre e delle sue capacità multidisciplinari di prestazione non rimarrà nulla, fatta eccezione per i servizi-sentinella oncologici. Ai medici che operano al padiglione 18 la novità inaspettata è già stata comunicata. Sin da ora la lista d’attesa è del tutto aleatoria e chi, per esempio, vorrà operarsi di ernia inguinale dovrà rivolgersi al regime di intramoenia o effettuare una trasferta in altra regione. Non a caso l’immediata conseguenza della sparizione delle chirurgia ambulatoriale “in giornata” è la fuga dei pazienti in Piemonte o in Lombardia, con costi raddoppiati per la Regione Liguria.

L’assetto manageriale dell’Asl 2 Savonese ha quindi individuato il piano di risparmio nella chiusura delle Day Surgery, ora che la rete di primo intervento non verrà ridimensionata dalla mano regionale. Per l’assessore regionale alla salute Claudio Montaldo il discorso è ancora più lato; la spina nel fianco rimangono i doppioni: “Non possiamo avere una provincia con presidi doppi. E’ comprensibile che lo sia per ragioni storiche, ma occorre andare ancora avanti nella semplificazione. Si deve usare il raziocinio e disporre servizi dislocati: non è la fine del mondo spostarsi un po’” dice Montaldo, che aggiunge: “L’emergenza invece deve essere adeguata e gestita in condizioni di sicurezza, perché non basta la definizione di ‘pronto soccorso’, ci vuole anche la sostanza e il rispetto dei parametri di legge”.

“Sarebbe bene – prosegue Montaldo – che tutti assumessero la consapevolezza della medicina come scienza e non come opinione politica”. Poi una stoccata diretta, senza fronzoli: “L’ospedale di Albenga è stato concluso in quanto non si poteva tornare indietro. Ma è stato un errore come ospedale di per sé, per le sue dimensioni, perché è un doppione evidente che oggi ripropone problematiche di eccessivi costi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da citha

    bè non avremo capito niente abbiate pazienza; certo è difficile raggiungere certi livelli d’intelligenza e onestà intellettuale….. però fino a prova contraria abbiamo il diritto di esprimere delle opinioni e visto le reazioni che suscitano ci abbiamo azzeccato; quanto a quello di cui dovrà occuparsi il neo reparto di artroprotesi lo hanno capito in molti anche a giudicare dai vari commenti pervenuti; certo si rimane sorpresi dallo smaccato “aiutino” che riceve il nostro fisioterapista proprio da amministratori “non sensibili ai filo privatizzatori-protetti alla sanità privata”; ma fatemi il piacere…nemmeno ai tempi di Biasotti si era arivati a tanto. La verità è una sola: alcuni personaggi hanno l’indubbia capacità di essere “convincenti” in modo trasversale senza che stiamo a scomodare i liberali-post socialisti ecc.
    Quanto alla disinformazione bisogna sapere che non è vero che i DRG delle prestazioni sanitarie eseguite in Lombardia sono pagate il triplo dalla Regione liguria (come scritto in altro commento) ma bensì secondo il Tariffario Unico Convenzionato che mi pare preveda delle tariffe maggiori del10% rispetto ai DRG liguri. Comunque resto tranquillo: con questi amministratori così impermeabili a certe sirene la virata di rotta è garantita!

  2. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    DISINFORMAZIONE:
    Citha@ non hai capito niente del D.S. e di cosa dovrà occuiparsi il neo reparto di artoprotesi…ma si sa la smania di fare la battuta dall’apparenza intelligente è incontenibile..:-)
    Sul liberal-post-socialismo, prima di dfinire nelle condizioni dei lombardi abbiamo ancora possibilità di assistere ad una virata di rotta.
    Il Presidente Burlando non è certo sensibile quanto la banda dei filo-privatizzatori-protetti alla sanità privata. Stai Tranquillo … Così come non lo sono Montaldo e meno di tutti Quaini.

  3. Scritto da citha

    @IronMan e Folgore… il giochetto mi pare ben congeniato: con le lacrime agli occhi hanno annunciato il taglio del 50% del numero d’interventi chirurgici della Protesi del Santa Corona ovviamente solo al fine di un doloroso risparmiarmio sul bilancio sanitario…..
    Dove andranno allora i pazienti? guarda caso c’ è il neonato reparto protesi dell’Ospedale di Albenga pronto ad accoglierli naturalmente solo per evitare le fughe dei pazienti liguri fuori Regione…….
    In questo caso “la commistione pubblico-privato” (in passato così tanto vituperata dai nostri moralisti difensori della “COSA PUBBLICA”) va bene sopratutto se l’azionista di maggioranza è amico del Direttore Generale e dell’Assessore Regionale ecc. Altro che regime liberal post socialista!

  4. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Ironman@ la prosisma volta che veniamo a bere all’Iguana con Quaini, ti chiamo al nostro tavolo così potresti ripetere le stesse cose che dici qui anche di persona, direttamente all’interessato. :-)

  5. IronMan
    Scritto da IronMan

    @Folgore . . penso che Quaini sarà impegnato ad evitare le “sculacciate” della Giunta Regionale, dopo le sue ultime uscite (per altro amplificate quasi solo qui su IVG) sulla gestione della sanità, e le sue ultime (presunte) prese di posizione in seno alla maggioranza regionale. Più che altro mi aspetterei che Montaldo venga candidato alle comunali Genova, un modo soft per Burlando di togliere di mezzo l’assessore alla sanità senza troppi traumi. Sulle eventuali successive vellità di Quaini sarei più cauto . . come sembra sia stranamente cauto @hitech nelle repliche . . . avrà avuto ordine dall’alto di frenare (visti anche i risultati . . ).