IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Asl, batosta alle Day Surgery per recuperare 16 milioni in 3 mesi: il commento di Neirotti e Montaldo foto

Savona. Ormai è una corsa contro il tempo e non è un caso che la patata bollente della sanità abbia provocato lacerazioni nella maggoranza dell’amministrazione regionale. I problemi di disavanzo costringono le Asl a farsi carico dei risparmi e questo, per il Savonese, significa reperire 18 milioni dai tagli, che andranno a colpire particolarmente i servizi di Day Surgery. Occorre traghettare il carrozzone sino alla fine dell’anno, poi l’assessorato di Claudio Montaldo conta di “razionalizzare”, “semplificare” e “accorpare” quanto basta per evitare ulteriori sacrifici finanziari. Salvo rinnovate resistenze da parte dei consiglieri regionali del ponente, come accaduto con il previsto e sventato ridimensionamento dei pronto soccorso di Cairo e Albenga.

I provvedimenti per le Day Surgery sono risuonati come una campana funebre del servizio, molto apprezzato dall’utenza: verranno differiti nel tempo 200 interventi di chirurgia generale, 100 di protesica, 100 di chirurgia della mano, 170 cataratte, tutti già programmati da qui alla fine dell’anno, che passeranno a data da destinarsi. Spiega meglio Flavio Neirotti, direttore generale dell’Asl 2 Savonese: “Dal primo ottobre al 31 dicembre abbiamo un piano straordinario con un recupero di 16 milioni di euro; poi ci saranno alre azioni da concordare con la Regione. Abbiamo cercato di seguire una strada, ossia mantenere l’offerta specialistica, cioè le chirurgie vascolari, vertebrali e neuro-chirurgiche, andando a ridurre tutte quelle azioni che posono essere programmate e rinviate al primo gennaio e tra queste c’è la sospensione del Day Surgery dall’1 ottobre al 31 dicembre a Savona, Pietra e Albenga. Inoltre vengono ridotte una serie di sedute operatorie che sono rinviabili al primo gennaio, quando pensiamo di reprenderle per non far fuggire i nostri cittadini savonesi”.

“Sono misure straordinarie, a gennaio andremo a fare interventi strutturali che non riguardano né la Day Surgery né altre specialità chirurgiche” specifica Neirotti. Di fatto le prestazioni in itinere, per i pazienti che hanno già fatto analisi, saranno portate a termine. Tutte le altre saranno differite nel tempo. Una riduzione al lumicino delle attività di Day Surgery che ha allarmato non poco utenti e medici. Ma proprio in serata Neirotti ha garantito: “A gennaio torna tutto, perché verranno portati avanti accorpamenti come centro trasfusionale, dermatologia, farmacia ospedaliera. Il taglio del 50% riguarderà particolarmente chirurgia della mano a Savona e protesica a Pietra Ligure, quindi con un dimezzamento degli interventi”. Dalle vendite immobiliari di Alassio e Varazze, poi, la Asl conta di recuperare il resto dei denari mancanti all’appello per rientrare del disavanzo.

“Sono un po’ di più le misure che la Asl 2 deve adottare per garantire di restare al di sotto del 5% di disavanzo rispetto al fondo” commenta l’assessore regionale Montaldo. “Se non avvenisse il comportamento virtuoso dal punto di vista economico – aggiunge – scatterebbero le misure di accompagnamento e le tasse per tutti i liguri, contribuenti e imprese. Abbiamo voluto evitare nel modo più assoluto questa situazione e per questo abbiamo chiesto alle nostre aziende in questi tre mesi di realizzare un impegno di tipo straordinario. In modo particolare nella Asl Savonese dove c’è una condzione più complessa che ha affrontato con misure straordinarie. A cominciare dal 2012 insieme alle altre aziende abbiamo adottato misure strutturali per migliorare il nostro equilibrio”.

“La compensazione migliore per i cittadini credo sia quella di non avere le tasse, altrimenti contribuenti e imprese subirebbero un salasso. Ci sono margini per recuperare le attività nel complesso della Regione, cercheremo di lavorare per evitare le fughe di pazienti in altre regioni” conclude l’assessore regionale alla salute.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da citha

    Bisogna dargli atto: il giochetto è stato ben condotto; per “risparmiare” hanno, loro malgrado, appena annunciato il taglio del 50% dell’attività del Reparto Protesi del Santa Corona; quindi la logica conseguenza sarà un allungamento delle liste di attesa: dove potranno andare i pazienti liguri a farsi operare? fuori regione? ma assolutamente no…..per evitare le fughe fuori regione c’è il neonato reparto Protesi dell’Ospedale di Albenga pronto ad accoglierli! Quindi tagliamo le prestazioni di un Reparto di Eccellenza per dirottare i pazienti a pochi Km ovviamente al solo fine di risparmiare……..
    Personalmente non ho nulla in contrario alla collaborazione pubblico-privato se condotta alla luce del sole e sopratutto se i risultati tecnici sono sovrapponibili; ma non andrebbe fatta a discapito delle eccellenze ma se mai nelle situazioni critiche (e nella Sanità Pubblica qualcosa da migliorare mi pare che ci sia…) trovo strano però che certi censori delle”commistioni pubblico-privato”non si siano fatti sentire; evidentemente la collaborazione tra pubblico e privato se fatta con le “giuste persone” è valida meglio ancora se qualche amico ci può guadagnare………

  2. nervoso
    Scritto da crot4lo rosso

    Sputtttttt…….ormai non c’e’ piu limite al peggio!!!!!!e la vergogna manco li sfiora sta banda di incapaci…che la salute Vi preservi.

  3. F.F.
    Scritto da F.F.

    …spero solo che tutti questi dirigenti debbano ben presto aver bisogno di uno dei nostri ospedali che stanno sistematicamente mutilando!!!

  4. Scritto da protesta

    Tappiamoci il naso.Stiamo affondando…

  5. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    …Non preoccuparti, non mi offendo. Forse sono un vecchio trombone. Hai ragione tu.
    In fondo questa disputa non ha utilità e dovremmo far eun armistizio. Quantomeno temporaneo…:-) Ripeto: quando ti trovo all’Iguana ti vengo a cercare e ti offro una birra. Sia a te che a quell’altro ex Telecom. Ciao:-)