IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pallavolo, Coppa Italia: l’Albisola fa meglio rispetto all’andata e vince un set al Saronno

Albisola Superiore. Nel secondo incontro del girone 1, l’Albisola del presidente Lo Bartolo combatte per 4 set, vincendo il primo con pieno merito, ma alla fine è costretto a lasciare agli avversari l’intera posta in palio.

Seconda sconfitta in Coppa Italia, quindi, per i ragazzi di Luca Mantoan. Contro un arcigno Saronno, l’andamento altalenante dell’intera partita ha rispecchiato quello del match di sette giorni prima, accompagnato però da piccoli passi in avanti che fanno ben sperare per il futuro.

Mantoan parte con una giovanissima diagonale palleggio-opposto formata da Luca Spirito e Emanuele Bianco (35 anni in due), Matteo Spirito e Zappavigna centrali, Graziani e Gaino schiacciatori, Lorenzoni libero.

Il set inizia subito bene con un break di 4 punti dell’Albisola che porta il punteggio dapprima 6 – 2 e, alla prima sospensione obbligatoria, 8 a 4. Gli schemi girano a dovere, il muro fa male, la squadra gialloblu tiene bene il cambio palla e la partita scivola sul velluto addirittura con un 16 – 10 alla seconda interruzione obbligatoria e, subito dopo, con un perentorio 19 – 12. La reazione di Saronno si fa sentire, ma qualche esitazione ed alcuni errori evitabili riportano in partita i lombardi che si avvicinano 19 – 16, con Mantoan che tenta di arginare la rimonta con un doppio cambio palleggiatore-opposto, Oddi per Spirito ed Anfosso per Bianco. La musica cambia poco, si arriva prima al 23 a 21, poi al 24 pari. Alla fine, con fatica ma meritatamente, l’Albisola si aggiudica il set per 26 – 24.

La seconda frazione è sin dall’inizio combattutissima. Le due squadre capiscono l’importanza fondamentale di vincerlo e sprecano meno. Punto a punto si arriva al primo stop obbligatorio sull’8 a 6 per l’Albisola ed al secondo sul 16 – 15. Anfosso e Graziani allungano sino al 22 – 19, poi riemergono le difficoltà che caratterizzano le fasi finali dei set in questo avvio di stagione. Saronno, grazie anche ai troppi errori in battuta e qualche ingenuità di troppo dei blues, si porta sul 23 pari, poi sul 24 e sul 25 pari, per poi chiudere vincendo 27 a 25.

Nel terzo set Mantoan cambia palleggio (Oddi per Luca Spirito) e centrale (Battistelli per Spirito Matteo Spirito). La squadra di casa sembra scarica, demoralizzata e deconcentrata, parte malissimo e si ritrova in un attimo sotto 2 a 8. La reazione tuttavia non si fa attendere e con una maggior precisione di gioco ed il solito muro i gialloblu recuperano sino al 13 – 16 alla seconda pausa. Però anche questa volta l’abbrivio finale non cambia ed il set scivola via male con un brutto 16 a 25.

Nel quarto set Mantoan ripropone Luca Spirito in regia con Anfosso opposto, inserendo Bettucchi di banda. Punto a punto si arriva al 6 pari, poi 9 pari ma, almeno dagli spalti del PalaMassa, non si vede nella squadra grinta e convinzione. Sempre con troppi errori punto soprattutto in battuta e subendo molti mani-fuori, il set inesorabilmente prende una brutta piega per l’Albisola, dapprima con uno scialbo 15 – 19, per poi concludersi 25 – 21 per Saronno.

Il risultato finale di 1 – 3 penalizza forse troppo i ragazzi allenati da Luca Mantoan. Questa gara ha ancora una volta mostrato le grandi potenzialità della squadra. La sensazione è quella che sia necessario soprattutto migliorare la tenuta mentale nei momenti decisivi della partita.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.