IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dimissioni Cda Palazzo Oddo, Idv: “Ennesimo fallimento dell’amministrazione Guarnieri”

Albenga. “L’avvicendamento ‘forzato’ alla guida della Palazzo Oddo e le polemiche che ne sono susseguite, non rappresentano altro che l’ennesimo fallimento dell’amministrazione Guarneri”: a dirlo è Vincenzo Munì dell’Idv ingauno commentando le dimissioni dell’ormai ex presidente della partecipata Alessandro Chirivì.

“Il continuo rimbalzarsi di accuse fra il Cda silurato e l’amministrazione dimostra o da un lato una incapacità di compiere scelte corrette per indicare persone capaci di gestire i principali enti cittadini, con tanti saluti per le ‘mirabolanti’ capacità decisionali del sindaco, o dall’altro come le continue lotte e faide interne stiano letteralmente facendo implodere gli equilibri all’interno della maggioranza con l’ex Cda prima vittima. A nostro giudizio ormai, chiunque osservi la realtà politica ingauna, potrebbe tranquillamente constatare come in meno di due anni dalla propria elezione la giunta Guarneri si sia impantanata nelle sue contraddizioni interne e sembri incapace di gestire una realtà così complessa come quella della nostra città”.

“Due consiglieri fuoriusciti dalla maggioranza, un Cda ripudiato dopo meno di due anni, polemiche e malumori interni a non finire, ci appaiono in tutta franchezza ben lungi dal rappresentare quello scenario di perfezione e coesione descritto dal sindaco – continua Munì – La verità e’ che la maggior parte delle promesse elettorali sono state ‘dimenticate’ o si sono sono dimostrate del tutte fasulle e demagogiche. Basti pensare alla questione sicurezza, cavallo di battaglia del sindaco. Tutti ricorderanno le promesse di risolvere tutti i problemi di una città distrutta e martoriata dall’invasione criminale ed extracomunitaria. La cronaca quotidiana ci racconta tutt’altro scenario, ci parla di continue risse fra extracomunitari, furti nel centro storico e continui episodi di spaccio. Ed il sindaco attuale a raccontarci invece che tutto e’ perfetto”.

“A scanso di equivoci vogliamo subito chiarire che questa realtà ci preoccupa moltissimo e che non ci consente certo di ridere in un’ottica del ‘tanto peggio tanto meglio’. Per quanto ci riguarda infatti, nonostante le differenze di appartenenza politica, siamo ben consapevoli del fatto che alla fine dei conti viviamo tutti nella stessa città. Per questa ragione, per il bene della città e della sua immagine, noi dell’opposizione non gridiamo costantemente all’invasione barbarica o alla guerra Santa ogni qual volta si verifichi un episodio di criminalità. E’ questa l’unica fortuna dell’attuale maggioranza, avere un’opposizione seria che a differenza di quanto fatto precedentemente non ha intenzione di distruggere l’immagine di Albenga per puro tornaconto personale. In conclusione ci auguriamo che questa situazione di ‘guerra di bande’ all’interno del centrodestra termini al più presto perché l’attuale difficile situazione nazionale ed internazionale non permette alla nostra città di essere gestita da una maggioranza dilaniata, confusa, incapace di portare avanti qualsiasi tipo di progetto importante (porto, depuratore, teatro ecc…). Ci hanno regalato molte sagre estive, questo e’ vero, ma purtroppo ormai l’estate e’ finita e le sagre sono fuori stagione”, conclude l’esponente Idv.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. IronMan
    Scritto da IronMan

    @Marty74 . . . Alla mostra di apertura sulle “Trasparenze del passato” (esposizione del piatto blu e qualche altro reperto) c’erano veramente quattro gatti . . .se poi, in altre occasione, c’è stato il pienone . . . è possibile, ma non ci credo. Ma se in Comune od all’ infopoint vicino al battistero non hanno mai avuto un depliant sulle mostre . . eddai ! ! !

  2. marty74
    Scritto da marty74

    Sì @Fabio, ci metto spesso il piede a Palazzo Oddo.
    Un esempio: la Violinista Kim di fama internazionale. Il San Carlo era strapieno. Hanno dovuto aggiungere delle sedie. 140 posti. Tutti paganti.

  3. il cavaliere
    Scritto da il cavaliere

    @Fabioxxx.
    Hai ragione rileggendo avevo inteso male quello che avevi scritto.
    Resta il fatto che nessuno dai banchi dell’ opposizione ha pensato bene di rimarcare l’ andamento della gestione.
    Non ne faccio assolutamente un fatto di bandiera, ma di fronte a qualsiasi cattivo modo di amministarre e di gestire certe situazioni prendo atto che forse chi ha avuto la maggioranza non sta facendo l’ interesse della citta’.

  4. Scritto da deleterio

    @Fabioxxx: innanzitutto, per quanto possa servire, la mia personale solidarietà e completa adesione alle tue realistiche osservazioni.
    Sulla minoranza provo a dare due risposte: a) forse la loro tattica è “tanto peggio tanto meglio”: peggio va per la città, meglio va per loro. Se è così non sono molto d’accordo. b) visto che anche la passata gestione ha avuto – come è umano che sia – meriti e demeriti, meglio stare zitti e non aprire troppi cassetti, sennò… “tu hai speso…”, “ma anche tu…”, “tu non hai fatto…”, “e tu invece…”; “tu hai nominato…”, “e invece tu hai nominato”…
    La gente tanto dimentica presto, a parte quelli che patiscono sulla propria pelle, no? Domani sui forum ci sarà una bella polemica nuova, presto la società avrà un CDA nuovo, e tanti saluti, chi ha avuto… etc. Altro giro, altro buffet…
    Se c’è ancora qualcuno che crede che le società pubbliche, miste o al 100%, servano a qualcosa, questa storia mi sembra istruttiva.
    Io non so tu cosa ne pensi, ma per uscirne non vedrei altra strada che “commissariare” la società con un tecnico esperto non mescolato con la politica di Albenga, istituire il museo come servizio comunale (non ci sono altre strade giuridiche possibili…) e infine sciogliere la società stabilizzando i posti di lavoro (quelli necessari) all’interno del comune. Non so se è giuridicamente possibile, però…
    Qualcuno ha altre idee?

  5. Scritto da mikexx1

    La Guarnieri deve farla finita , con tutte le sue battaglie del piffero per l’Ospedale di Albenga…ma vi rendete conto che abbiamo fatto vergogna persino sull’Espresso!! hanno rotto i c…per fare l’ Ospedale ad Albenga ( in cui non si fa un benemerito C,,,,!)e adesso non ci sono nemmeno piu’ i soldi per operare!!!
    TUTTI AL MURO!!!