IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vertice su Ferrania, Vaccarezza: “Nessun risultato concreto ma sviluppi interessanti”

Provincia. Al vertice presso il Ministero dello Sviluppo Economico su Ferrania era presente anche una delegazione della Provincia di Savona, con a capo il presidente Angelo Vaccarezza.

“La riunione di oggi al Ministero – ha dichiarato Vaccarezza – può essere definita interlocutoria, in quanto non ha sortito risultati definitivi che, forse, un po’ tutti ci aspettavamo. Ci sono stati comunque alcuni sviluppi interessanti. Il primo riguarda l’integrazione al tavolo tecnico di una commissione politica rappresentante il territorio, quindi Comune, Provincia e Regione, che affiancherà l’azienda per valutare i progetti di sviluppo che sono stati presentati. Progetti che rappresentano alcune buone se non ottime opportunità e che dovrebbero sortire effetti positivi sul territorio”.

“Il secondo punto affrontato, a mio parere molto importante – ha proseguito -, riguarda il fatto che la Regione ha aderito alla proposta del Ministero e della Provincia relativo all’ampliamento del sito di Cengio all’interno di un accordo di programma; il sito di Cengio già era presente nell’accordo della Val Bormida, ma oggi che come area che ha ottenuto la certificazione della fine del procedimento di bonifica, entra a tutti gli effetti nell’accordo che prevede l’obbligo di riassunzione di personale proveniente da Ferrania”.

“Questi aspetti sono importanti – ha evidenziato Vaccarezza -, anche se il primo argomento trattato alla riunione è stato quello della cassa integrazione. Ad oggi abbiamo una cassa integrazione concessa per due anni ma attivata per uno che terminerà nel novembre di quest’anno; la settimana prossima ci sarà un incontro presso il Ministero del Lavoro per definire le modalità di ampliamento e di inserimento del secondo anno, quindi fino al novembre del 2012. Questo era l’obiettivo minimo di oggi, perché è impensabile per noi non avere la certezza del secondo anno di cassa integrazione. Parallelamente, nel mese di luglio, il tavolo tecnico e quello, a questo punto, politico, si riuniranno nuovamente per lo sviluppo di progetti che riguardano sostanzialmente il settore dell’energia, del fotovoltaico, dell’eolico e della componentistica per la telefonia mobile e che prevedono ognuno, se attivati, il riassorbimento di circa 100 unità operative.

“Quindi opportunità sul tavolo e ottimismo per quello che riguarda il medio futuro – ha concluso il presidente della Provincia -, anche perché i tempi sono brevi. Sono però consapevole che oggi non abbiamo ottenuto alcun risultato concreto ma, posso dire, che la situazione è migliorata rispetto a quella di dieci giorni fa quando siamo venuti a Roma per la precedente riunione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Resist

    Si continua a rinviare….mentre altre aziende e altri paesi vanno avanti sulle “rinnovabili” conquistando fette di mercato che potrebbero essere nostre….è scandaloso!!!

  2. Scritto da cairesedoc

    Forse non ho capito, ma lo sviluppo industriale è a Cengio?