IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Varazze: quattro istituti hanno aderito con successo all’Eco-Schools

Varazze. Quest’anno a Varazze quattro scuole, la scuola dell’infanzia San Nazario, le scuole primarie di Pero e Casanova e l’Istituto Miretti, hanno aderito, con il supporto del Comune, al programma “Eco-Schools” promosso dalla FEE (Foundation for Environmental Education – Fondazione per l’Educazione Ambientale).

La FEE è un’organizzazione internazionale non governativa e non-profit, che agisce a livello mondiale ed è attualmente presente con le proprie organizzazioni in più di 60 paesi, europei e non; il suo obiettivo è la diffusione delle buone pratiche per la sostenibilità ambientale, attraverso attività di educazione ed informazione. Da alcuni anni anche in Liguria è presente una diramazione regionale delle FEE, che agisce portando avanti la ben nota campagna europea “Bandiera Blu” per le spiagge e gli approdi, oltre a divulgare e sviluppare diversi programmi rivolti alle scuole. Tra questi, particolare incremento è stato data dalla FEE Liguria e quindi dalle operatrici locali Albina Savastano e Marina Dri al percorso “Eco-Schools”, che è stato adottato da parecchi istituti scolastici a livello regionale.

Le scuole di Varazze sono state supportate nel progetto dal Centro Educazione Ambientale Riviera del Beigua. Eco-schools prevede la realizzazione di un percorso articolato, finalizzato a indagare sull’impatto ambientale della scuola e a migliorare la sostenibilità dell’edificio scolastico (intervenendo ad esempio sulla riduzione degli sprechi, sui consumi, sulla mobilità sostenibile, sulla riqualificazione degli spazi…). Eco-Schools è sia un programma che un riconoscimento di livello europeo: le scuole che porteranno a termine tutte le tappe essenziali del programma riceveranno dalla FEE la “bandiera verde”, quale riconoscimento di eccellenza ambientale. La Bandiera Verde non è però un riconoscimento di natura permanente: trattandosi di una vera e propria certificazione, deve essere rinnovata, documentando l’impegno continuo della scuola verso la sostenibilità.

Le quattro scuole hanno ben appreso questa lezione, conquistando la Bandiera Verde anche quest’anno: per la scuola “S. Nazario” si tratta della quarta bandiera verde, per la primaria di Pero è il terzo rinnovo e la primaria di Casanova e l’Istituto Miretti raggiungono quota due bandiere verdi. I risultati ottenuti dai quattro progetti sono davvero significativi. Ciascuna scuola ha affrontato tematiche differenti integrandole nel programma scolastico e aiutandosi a vicenda. La scuola dell’infanzia paritaria S. Nazario ha lavorato sul tema del rispetto e della tutela del mare, sul riciclo dei rifiuti e sulla mobilità sostenibile. I bambini hanno scoperto i segreti dell’ambiente marino imparando a rispettarlo. Ha soddisfatto le curiosità dei bimbi anche uno dei più noti pescatori di Varazze: Franco Vallerga “U Persegà”. Le famiglie sono state coinvolte attraverso questionari sul tema della raccolta differenziata, a scuola si è attivato il compostaggio e tutti gli elaborati dei bambini nel corso dell’anno sono stati creati con materiali di recupero, compresi i costumi e la scenografia della recite finale interamente dedicata al rispetto dell’ambiente e del mare. Un importante momento di divulgazione si è avuto il 6 maggio quando la scuola, con la collaborazione della Fiab – Amici della Bicicletta di Genova, del CEA, della Polizia Municipale, della Croce Rossa e naturalmente del Comune di Varazze, ha realizzato nel quartiere S. Nazario una pedalata verde per bimbi dai 3 ai 6 anni per sensibilizzare la cittadinanza sulla mobilità sostenibile.

La scuola primaria di Pero ha portato avanti l’impegnativo compito di mantenere l’orto scolastico inaugurato lo scorso anno seminando fave, bulbi, primule, fagioli, insalata. Si sono approfondite le tecniche di coltivazione confrontando quelle italiane con quelle giapponesi e in particolare le piante di fave sono state coltivate in parte nel modo classico del nostro territorio e in parte con strati di fieno e terra per seguire le indicazioni della coltura dell’agronomo Fukuoka. Si continua a lavorare sulla raccolta differenziata coinvolgendo le famiglie e ha ripreso quest’anno la raccolta solidale dei tappi di plastica. La scuola ha eliminato l’usa e getta, azione già intrapresa lo scorso anno e completata in questo. I bambini continuano il loro lavoro con la compostiera raccogliendo gli avanzi vegetali per il compost e il resto per gli animali delle fattorie vicine.

La scuola primaria di Casanova ha dato continuità, come le altre, alle azioni avviate lo scorso anno curando e mantenendo il giardino e l’orto scolastico. Tutto il percorso di quest’anno si è incentrato su un albero estremamente prezioso e caratteristico del nostro territorio: l’ulivo. I bambini sono andati a visitare un uliveto per scoprire l’importanza di questi alberi e i mestieri ad esso collegati. Hanno scoperto storie, fiabe e ricette tradizionali. Con il basilico dell’orto, aiutati dai ragazzi dell’Istituto Miretti i bambini hanno imparato a fare il pesto genovese. Il progetto ha visto la piantumazione, con il supporto del Comune, di due giovani piante di ulivo. A scuola è stata creata nei corridoi una vera e propria isola ecologica e in 36 settimane sono stati recuperati 36 kg di carta; si è poi proseguito con il compostaggio avviato l’anno scorso.

L’Istituto Miretti ha proseguito il percorso sul tema dei rifiuti e della raccolta differenziata incentivando l’informazione a scuola e partendo con la raccolta dell’organico in cucina e il compostaggio con il supporto del Comune. Ma è sicuramente sul tema dell’alimentazione che i ragazzi hanno dato il meglio di sé attraverso azioni concrete : introduzione di prodotti equo e solidali nei buffet, il bio drink, ricerche sugli alimenti italiani che sono state la base per lo sviluppo di progetti con COOP Liguria (laboratori e giochi per bambini sull’educazione alimentare), scoperta del preboggion e del “pesce dimenticato”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.