IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vado, la baciò contro la sua volontà: 51enne a giudizio per violenza sessuale

Vado L. Nel luglio del 2010, a Vado Ligure, aveva importunato pesantemente una ragazza pronunciando frasi offensive e baciandola sulla bocca contro la sua volontà. Per quell’episodio adesso un cinquantunenne savonese, F.P., deve rispondere dell’accusa di violenza sessuale. La vittima aveva denunciato di essere stata bloccata per un braccio e di essere stata baciata dall’uomo. Il processo a suo carico si è aperto questa mattina con l’udienza filtro. L’inizio del dibattimento è stato fissato al 4 aprile 2012.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pinuccia

    Concordo pienamente e non solo. Da quando una donna è così fragile da non dare un morso se non vuole essere baciata? E’ certo un gesto di violenza ma per favore torniamo con i piedi per terra! E’ che adesso con sta’ scusa lei chiederà i danni morali e minimo si è guadagnata 3000 euro che passerà all’avvocato. Mah….

  2. Scritto da freeholly9

    aurelio mi stupisci sinceramente credo che tu non abbia colto la gravità della situazione…questo pervertito,noto e conosciuto a vado ligure per esser un maniaco,ha tentato di trascinare una ragazzina nella sua macchina. i giornali si sà,storpiano le cose…dovrebbe esserci l’articolo di giornale correlato che spiega tutto. comunque c’era scritto che tutto è finito senza stupro perchè il fidanzato di lei ha visto la scena ed è corso ad aiutarla, il FP (di cui c’è pure il nome e cognome intero) si è rintanato nel suo locale e ha chiamato i cc di persona per paura di essere ammazzato di botte.

  3. Scritto da Aurelio Bianchi

    Intasiamo i tribunali con queste sciocchezze.
    Così facciamo lavorare gli avvocati e togliamo risorse alle indagini sulle cose più serie.

    Bastava una ramanzina del maresciallo dei carabinieri.