IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vacanze “no kids”: sì a ferie lontane da “lagne” e da pianti “scaccia-relax”

Cresce il popolo dei “no kids”, ovvero quei turisti che preferiscono scegliere vacanze solo per adulti, optando per strutture alberghiere e ristoranti “vietati ai bambini”. Come l’Hotel Morfeo, sulla Riviera adriatica, ‘un hotel solo per giovani’, si legge sulla sua pagina web. Fa parte infatti della catena alberghiera Young People Hotels, la prima nata per soddisfare le esigenze dei giovani in vacanza a Rimini.

Le prenotazioni sono riservate ai ragazzi dai 16 ai 35 anni, dunque niente bambini e niente adulti in età avanzata, questa la filosofia del gruppo. Ryanair ha annunciato che da ottobre potrebbero partire i primi voli vietati ai bambini. Decisione presa dopo avere effettuato un sondaggio tra 1.000 passeggeri in tutta Europa dal quale e’ emerso la meta’ degli interpellati pagherebbe volentieri tariffe piu’ alte pur di evitare le ‘lagne’ dei bambini, in quanto molte sarebbero state le lamentele dei passeggeri il cui volo sarebbe stato rovinato a causa dei rumorosi bimbi a bordo. In Austria all’hotel Cortisen e’ rigorosamente vietato l’ingresso ai bambini per assicurare agli ospiti una romantica ‘child-free vacation’, come spiegano sul sito web. In Spagna la catena di alberghi Iberostar ha lanciato un brand ‘aduts only’ che vieta il pernottamento nei suoi alberghi di Maiorca e Gran Canaria agli under 14. In Italia, pur senza un rigoroso divieto sono numerosi gli alberghi che preferiscono una clientela adulta, come il famoso hotel la Scalinatella di Capri, 5 stelle e vista mozzafiato, che accetta preferibilmente over 15.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. wolf
    Scritto da Nox

    @pepes……. Troppo vero ciò che dici

  2. peppeskywalker
    Scritto da peppeskywalker

    concordo al 100% con free e nox. Con genitori capaci di educare non ci sarebbero bambini urlanti al pascolo nei luoghi pubblici.
    Certo un minimo di rumore in più i bambini lo fanno quindi essere un po elastici in questi casi non guasta.
    Non mi spiego però i bambini portati a fare l’aperitivo nei bar con la musica forte o a bere nei pub fino a mezzanotte..

  3. wolf
    Scritto da Nox

    L’ideA di creare alberghi aperti solo a una categoria di giovani non malaccio…. E un
    Idea innovativa! Certo che vietare alberghi a innocenti creature mi sembra eccessivo!!! Probabilmente la verità sta nel mezzo come sempre ….

  4. Scritto da freeholly9

    il problema sono i genitori non i figli !
    ne avremmo da parlare per giorni,a partire dalle elementari quando la maestra sgrida il bambino e i genitori vanno a far la voce grossa ai ricevimenti….oppure quando sei al ristorante e ti vedi bambini che strillano gridano e corrono in mezzo ai tavoli e i genitori che non dicono nulla…il problema son sempre loro! i genitori…più che vacanze senza figli a questi qui consiglio una visita dal neurologo

  5. Scritto da il liquidatore

    a volte son ben peggiori i genitori!!!io proporrei un divieto alla maleducazione e a chi è privo di buonsenso!