IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Trasferimento Piaggio, Vesco e Guccinelli: “Patrimonio storico dell’industria avrà continuità in Liguria”

Villanova d’Albenga. La soddisfazione dell’assessore regionale Enrico Vesco anticipa la posa della prima pietra del nuovo stabilimento Piaggio Aero a Villanova d’Albenga. “E’ il coronamento di un lavoro complesso e articolato che ha visto molti soggetti attivi, fra i quali in primis la Regione Liguria – sottolinea l’assessore – Piaggio è un patrimonio dell’industria d’eccellenza nella nostra Regione e bisogna fare in modo che continui a produrre qui. Credo che il trasferimento a Villanova permetta proprio questa continuità”.

“Sono molto soddisfatto che si avvii questo percorso – aggiunge – Si profila il venire meno, così, delle incertezze che si sono manifestate. Sono ben felice per la posa della prima pietra del cantiere, occasione cui presenzierò, anche perché lo considero un evento importantissimo per il futuro economico ed occupazionale della nostra regione”.

Domani, oltre a Vesco, a Villanova saranno anche la vicepresidente Marylin Fusco e l’assessore Renzo Guccinelli, insieme al governatore regionale Claudio Burlando. La cerimonia è prevista per le 11,30. Una realtà economica significativa in Liguria quella di Piaggio Aero Industries, con circa 800 dipendenti a Finale e 600 a Sestri Ponente.

Per l’assessore Guccinelli “la posa della prima pietra è l’atto simbolico per l’avvio del nuovo stabilimento”. “Tutti ci abbiamo messo tanto impegno, con perseveranza, per raggiungere a tutti i costi l’obiettivo – prosegue – Bisogna dare atto all’azienda di aver fatto una scelta importanteBisogna dare atto all’azienda di aver fatto una scelta importanteBisogna dare atto all’azienda di aver fatto una scelta importanteBisogna dare atto all’azienda di aver fatto una scelta importante, nonostante sia ancora un momento difficile per il settore, colpito dalla crisi. Ma qui c’è anche la qualità del prodotto, che può prevalere sul mercato”. “Domani parte il cantiere: c’è quindi certezza che l’impianto Piaggio Aero rimanga nella nostra regione” conclude Guccinelli.

Il nuovo stabilimento per la costruzione di aerei e componenti aeronautiche in area ingauna si svilupperà su 49 mila metri quadri, 10 mila in più rispetto a Finale Ligure, con la differenza cruciale che si tratterà non soltanto di capannoni più moderni e tecnologici, ma anche di spazi più razionali e uniformi contro i reparti finalesi che via via nel tempo si sono aggiunti in modo difforme. Si prospetta un anno e mezzo di lavori per l’edificazione del complesso produttivo ed il trasferimento delle lavorazioni potrebbe anche richiedere un anno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da piopio

    Speriamo che non sia la prima e anche l’ultima….

  2. Scritto da Resist

    Aggiornarsi!!!!
    La Piaggio, prima costruiva treni, poi è passata agli aerei. Oggi ha la tecnologia per entrare nel mercato delle centrali eoliche che comperiamo a caro prezzo all’estero.