IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tomaso, genitori in partenza per Varanasi: “Ora mettiamo la parola ‘fine’ su questa assurda vicenda”

Albenga. “Stavolta non torno indietro se non finisce tutto”. E’ deciso a riportarsi il figlio a casa il prima possibile e a lasciarsi dietro le spalle un incubo chiamato Varanasi: le parole, ferme e decise, sono del papà di Tomaso Bruno, il ragazzo ingauno che, insieme all’amica Elisabetta Boncompagni, è rinchiuso da sedici mesi in un carcere indiano con la pesante accusa di aver ucciso il proprio compagno di viaggio, Francesco Montis, trovato agonizzante nella camera d’albergo che i tre condividevano a Varanasi.

Luigi Euro Bruno e la moglie partiranno domani sera alla volta di Nuova Delhi prima, e di Varanasi poi, con tanto di plichi di lettere destinate ai due ragazzi e scritte dagli amici di sempre. Le prossime settimane saranno cruciali per decidere la sorte di Tomaso e Elisabetta che hanno visto volare via più di un anno dietro un processo a singhiozzo e caratterizzato da continui intoppi e rinvii.

Il prossimo appuntamento nelle aule giudiziarie indiane sarà il 13 giugno con l’arringa della difesa (che, a seconda della durata del dibattimento, potrebbe protrarsi per più giorni), poi il giudice si prenderà una decina di giorni per riesaminare le carte ed emettere sentenza. “Intanto, l’8 giugno andremo in ambasciata a Nuova Delhi dove incontreremo anche i nostri avvocati che si sono già mostrati molto ottimisti – dice Euro Bruno – D’altronde le continue contraddizioni di più testimoni hanno chiarito quanto questa storia sia assurda. Venerdì o sabato saremo a Varanasi in attesa dell’udienza che, ovviamente, seguiremo da vicino. Poi speriamo di mettere la parola fine su questo anno terribile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il liquidatore

    in italia non è che le cose procedano molto più velocemente, certo è che in italia fino a sentenza definitiva anche i criminali colti sul fatto sono a spasso!!

  2. marcello2008
    Scritto da marcello2008

    Si.. perchè in italia esiste, ma quando mai…..

  3. Scritto da freeholly9

    sti ragazzi erano da andare a prendere con le forze speciali.
    in questi paesi del terzo mondo non esiste giustizia e il fatto che sia da 16 mesi in carcere senza prove ne è la dimostrazione…bella l’india và…manco se mi pagassero