IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, via libera dalla giunta a raddoppio capitale di TpL Linea

Savona. Via libera ufficiale questa mattina da parte della giunta comunale di Savona all’aumento di capitale per Tpl Linea, l’azienda di trasporti del savonese. La delibera è stata presentata dall’assessore Luca Martino, che ha formalizzato ai colleghi una operazione finanziaria già decisa, e che ora vede in uno dei suoi soci principali l’ok definitivo.

Tpl utilizzerà due mln di euro a disposizione per i inserirle nel capitale sociale dell’azienda, che viene così raddoppiato, passando dai 2 ai 4 mln di euro. “Si tratta di una operazione significativa per Tpl perchè delinea la conclusione delle coperture finanziarie in perdita. I debiti sono stati tutti assorbiti e quindi era giusto consolidare a livello finanziario per l’azienda i versamenti da parte dei soci per il piano industriale” ha commentato il presidente di Tpl Linea Maurizio Maricone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. joeblack
    Scritto da joeblack

    Come sarebbe bello che, invece del capitale, si aumentassero le corse e la qualità del
    servizio.
    Pura utopia, l’utenza viaggia su mezzi poco puliti, su alcune linee sovraccariche di per=
    sone, bisogna fare lo slalon tra carozzelle e passegini non smontati e non paganti.
    Le linee che portano alle spiagge sono state “intelligentemente” diminuite, andrà a finire
    che i soliti commercianti, privi di partita iva si sposteranno in taxi.
    Gli orari e le paline che li riportano sembrano riguardare solo i passeggeri paganti e non
    i mazzi pubblici.
    Non è fantasia purtroppo, è realtà e una piccola indagine onesta sulle fermate, proverebbe
    che quanto affermato con lo scontento dei viaggiatori è solo una parte di verità.