IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, i grillini sul piede di guerra: “Consiglio comunale illegittimo” foto

Savona. C’è già vento di guerra nel parlamentino di Palazzo Sisto. A sollevare le polveri sono i grillini, che contestano la legittimità stessa del consiglio comunale così come proclamato. Per il Movimento 5 Stelle di Savona il secondo verbale redatto dall’ufficio elettorale, quello che ha estromesso Erminio Peroni per far entrare in sua vece Fausto Benvenuto del Pdl, non avrebbe validità.

Secondo i legali del movimento, infatti, l’atto compilato il giorno successivo (“con un’autoconvocazione non prevista dalla legge” sottolinea Eric Festa), manca della data e per questo non avrebbe effetti. Di qui la contestazione della legittimità stessa del consiglio comunale convocato oggi proprio per la convalida degli eletti.

Altro punto sul quale battono i grillini, che si affidano ai consiglieri Milena Debenedetti e Andreino Delfino, è l’autorizzazione delle riprese video nell’aula consiliare durante le sedute. Hanno presentato infatti una mozione d’ordine in deroga all’articolo 52 del regolamento comunale che vieta le registrazioni dell’assemblea; hanno fatto presente in particolare che il comma 5 dell’articolo viola il testo unico sugli enti locali, mentre il comma 8 è contro la libertà di espressione. Quindi, hanno chiesto la possibilità di riprendere tutte le sedute del parlamentino in quanto reputano si tratti di un fatto pubblico e dimostrazione di trasparenza da parte dell’amministrazione.

La mozione è stata votata con 27 sì e 5 no, 1 astenuto, su 33 presenti. A sostegno di Milena Debenedetti è intervenuta anche Daniela Pongiglione per Verdi e Noi per Savona. I capigruppo di Pdl e Pd, rispettivamente Romagnoli e Carlevarino, hanno comunicato che il tema dovrà essere affrontato anche nella commissione consiliare competente.

Ma il primo consiglio del Berruti bis non era neppure iniziato che gli esponenti del Movimento 5 Stelle osservavano l’inutilità di un ritardo di 15 minuti nell’apertura della seduta, a causa della preventiva riunione di sindaco e maggioranza: “Avevano tempo di farla prima” hanno commentato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. IronMan
    Scritto da IronMan

    . . . e invece mi sa che i “grillini” presto si adegueranno al docet della sinistra: NO al fuoco amico !!

  2. Scritto da Valby

    Il virus è inculcato, così le cose cambiano davvero.
    Forza “grillini”, non fategliene passare liscia nessuna!

  3. Scritto da gigi77

    se non è pubblica un’assemblea dove si decide per tutti i cittadini,vorrei sapere cosa viene considerato pubblico…avranno forse qualcosa da nascondere ai contribuenti?

  4. red1966
    Scritto da red1966

    mi sa che questo giro ne vedremo delle belle!!!!!… :-))))))