IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Referendum, il Pcl Savona esulta: “Grande vittoria, ora la spallata definitiva”

Savona. “La grande vittoria referendaria conferma la domanda di svolta della maggioranza della società italiana, ben al di là dell’importante merito dei quesiti. A pochi giorni dalle elezioni amministrative, il governo Berlusconi-Bossi subisce un secondo pesante rovescio. Ora è il momento della spallata definitiva”. E’ questo il commento a caldo degli esponenti del Pcl di Savona Simone Anselmo e Marco Ferrando sul risultato delle votazioni referendarie.

“La pretesa di Berlusconi di restare in sella come se nulla fosse accaduto è una provocazione inaccettabile. Il pubblico ‘impegno’ di Bersani e Di Pietro a “non usare” contro il governo l’esito del voto, per rassicurare le classi dirigenti e la loro ansia di “governabilità”, è francamente penoso. Le decine di milioni di lavoratori, di giovani, di donne, che hanno votato contro le politiche del governo, contro i suoi tentativi truffaldini antireferendari, contro il suo invito all’astensione, chiedono e meritano una svolta . Ed hanno la forza per imporla” proseguono Simone e Ferrando.

“Travasare nelle piazze la domanda delle urne, è il compito del momento. Non si tratta di chiedere a Berlusconi le dimissioni che si ostina a non dare. Si tratta di imporgliele con una mobilitazione popolare straordinaria che unifichi il mondo del lavoro, i giovani, e tutto l’associazionismo democratico, in una lotta di massa continuativa e radicale: che assedi i palazzi del potere sino alla caduta del governo. Questo è l’appello unitario che rinnoviamo, tanto più oggi, a tutte le sinistre politiche , sindacali, associative” aggiungono gli esponenti del Pcl.

“E’ questa la via necessaria per una prospettiva di vera alternativa alle classi dominanti del Paese. Le decine di milioni che hanno abrogato 4 leggi reazionarie su acqua, nucleare, giustizia, hanno perciò stesso rivendicato di fatto una vita liberata dalla dittatura del profitto e un principio elementare di uguaglianza. Al di là del loro livello di coscienza, e dei loro stessi orientamenti elettorali, hanno espresso la domanda di un’alternativa di società. Dare a questa domanda una coscienza politica e un programma anticapitalista, contro ogni sua subordinazione al centrosinistra confindustriale e bancario, è il compito di una sinistra di classe. E’ il duro lavoro controcorrente del PCL, e della sua battaglia per un governo dei lavoratori” concludono Simone e Ferrando.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. pasquino62
    Scritto da pasquino62

    Determinante il contributo del 23 voti portati dal PLC……….nella foto della riunione plenaria in testa all’articolo sono in 3 ……… …fotografo compreso.