IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Primo spargimento ceneri nel cimitero di Alassio

Più informazioni su

Alassio. La città di Alassio è uno dei primi Comuni della Liguria dove la funzione dello spargimento ceneri può essere praticata, in forma legale, all’aria aperta ed in un’area appositamente creata e dedicata a tale funzione. Il responsabile del Servizio di Polizia Mortuaria del Comune di Alassio è Franco Branco, l’Assessore al servizio è direttamente il Sindaco Roberto Avogadro ed il Consigliere Delegato è Fabio Lucchini, mentre la Dirigente è Silvia Lavagno.

I paesi europei, specialmente la Francia, si sono organizzati dando molto valore alla pratica della cremazione anche per ragioni di spazio. Anche l’Italia ha iniziato il lungo iter amministrativo e burocratico nel settore della cremazione. Alassio, dopo essere stato tra i primi Comuni liguri ad assegnare la custodia ceneri a casa o l’autorizzazione allo spargimento in mare ora è pronta ad espletare il primo spargimento ceneri all’interno del cimitero.

L’ufficio comunale preposto ha sottolineato il lavoro svolto per arrivare ad oggi nel rispetto delle attuali normative riguardanti la complicata materia delle cremazioni. Attualmente sono custodite diverse urne cinerarie all’interno del cimitero di Alassio in attesa di trovare una definitiva dimora e tra queste vi sono alcune preposte alla dispersione. Questa prima operazione di spargimento verrà effettuata il giorno 8 giugno nell’apposita area cimiteriale posta tra i campi comuni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Ho ricostruito la vicenda dei miei avi partendo da un cimiterino … piano piano son risalito di generazione in generazione.
    In modo piu’ o meno preciso sono arrivato a coprire un periodo di 700 anni
    .
    Una forma di “Turismo cimiteriale” porta a visitare citta’ e luoghi che si e’ scoperto fanno parte del “passato” ecco in questa chiesa alla fine del 1400 erano sepolti … poi in seguito ai dissidi tra chiesa e Venezia … divenne un magazzino … torno’ ad essere una chiesa dopo qualche decina di anni … ma intanto il quadro che ornava la cappella di famiglia e’ sparito …..
    ora pero’ e’ riapparso ….. eccolo e’ in un museo a Berlino …
    mentre una lapide e’ finita in una chiesa in Svizzera …..
    .
    insomma … il culto dei morti … la conservazione di “qualcosa” una sepoltura, una tomba di famiglia, una vecchia lapide appesa al muro perimetrale di un cimiterino da’ la possibilita’ di impostare una ricerca ….
    poi la “rete” …..
    mettendo in contatto altri ricercatori permette di ricollegare i rami ….
    e di arricchire con qualche curioso rametto il proprio “albero” ….
    .
    Bruciare i resti e disperderli …… boh …
    si bruciano,
    si buttano le proprie radici
    mia nonna riporto’ nel 1948 in Svizzera (in treno … e poi con la corriera) la cassettina con i resti del suo papa’ morto a Milano dieci anni prima …..
    lei mori’ nel 1963 esaudendo una Sua richiesta quaranta anni dopo feci la stessa cosa riportando i Suoi resti la’ dal Suo papa’ ….
    .
    bruciare e disperdere al vento ….
    spero almeno che sia un desiderio espresso …..
    dal diretto interessato … mentre era in vita..
    .
    Appena posso faccio una scappata in Belgio a trovare la mia bisnonna …..
    e’ un po’ una scusa …. cosi gia’ che sono li’ …. visito …..
    .
    Di certo prima di andare in pensione …. nessun interesse ……
    poi … arriva la notizia che si sta’ rompendo …
    bisognerebbe intervenire ….
    si comincia a sentire la necessita’ ….. di provvedere …
    pagando qualcosa ma … gia’ che ci siamo … andiamo dare una occhiata ……..
    cosi’ viene voglia di conoscere …. qualcosa ….
    oltre la parte nota del proprio albero genealogico …..
    .

  2. Redazione
    Scritto da Redazione

    @Gabbiano ovviamente è una svista (corretta)

    @GigiG quelli sono i profughi che usano i pedalò dell’imbarcadero di Osiglia

  3. GigiG
    Scritto da GigiG

    vabbè, se pensi che nel servizio su profughi a Osiglia, hanno messo le foto di due persone che vanno con il pedalò sul lago….:-)

  4. gabbiano
    Scritto da gabbiano

    Bene. Mi pare una iniziativa di civiltà e Alassio arriva tra le prime città in Italia. Una volta tanto riusciamo a fare qualcosa prima degli altri.
    E’, però, buffo che il 6 di giugno si scriva che “Questa prima operazione di spargimento verrà effettuata il giorno 8 maggio nell’apposita area cimiteriale posta tra i campi comuni.”
    E’ forse tutto rimandato al 2012?