IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Prefettura, infiltrazioni mafiose: accordi per legalità nelle grandi opere (Maersk e Aurelia bis)

Savona. Il Prefetto di Savona, Claudio Sammartino, ha avviato da giorni una serie di incontri con le Autorità Istituzionali della provincia al fine di esaminare la problematica della legalità e trasparenza dell’azione amministrativa soprattutto nel settore degli Enti Locali.

Il Prefetto ha svolto colloqui separati con il Presidente della Provincia, il Sindaco del Capoluogo, il Presidente della Camera di Commercio, anche nella sua veste di Direttore dell’Unione Industriali ed ha approfondito, in modo particolare, la tematica degli eventuali Organismi (centrali di committenza, stazioni uniche appaltanti) presso i quali potrebbe essere concentrata la gestione unitaria delle procedure delle gare di appalto delle amministrazioni locali, dei Comuni e di altri Enti. Con questi Organismi collaborerebbe la Prefettura per più incisivi controlli antimafia e per rafforzare le misure di prevenzione delle infiltrazioni della criminalità organizzata.

E ciò nel quadro delle iniziative, già da tempo avviate e sviluppate dalla Prefettura, volte a prevenire e contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata nell’attività degli Enti locali e l’inquinamento pervasivo dell’economia legale della provincia. Infatti, alla luce della nota direttiva del Ministro dell’Interno su “controlli antimafia preventivi nelle attività a rischio di infiltrazioni da parte delle organizzazioni criminali”, il Prefetto, in data 9 agosto 2010, aveva richiamato l’attenzione delle stazioni appaltanti della provincia sulla necessità di sottoporre a stringenti forme di verifica l’indotto che va dal ciclo del calcestruzzo e degli inerti, ivi compreso il controllo delle cave e dei siti estrattivi, fino alle fasi realizzative delle opere pubbliche.

In quell’occasione, era stata sottolineata l’opportunità dell’utilizzazione di strumenti convenzionali (tra l’altro Protocolli d’intesa da stipulare ad hoc) volti a far sì che gli effetti ostativi su attività d’impresa soggette a rischio di infiltrazione vengano a prodursi in ogni caso anche per le opere pubbliche che si attestino al di sotto della soglia comunitaria e quindi al di sotto del limite prescritto per la richiesta delle cosiddette certificazioni antimafia.

Peraltro, in tale ottica di prevenzione delle infiltrazioni e delle illegalità, sono stati eseguiti dalle Forze dell’Ordine, dalla DIA, dall’Ufficio Provinciale del Lavoro, dal Provveditorato alle Opere Pubbliche e anche dall’A.R.P.A.L., sotto le direttive disposte da questa Prefettura, accessi e verifiche ispettive in cave e siti estrattivi e presso opere pubbliche, nell’ambito del rapporto di collaborazione con gli Enti Locali e dell’ausilio agli stessi in ordine alla vigilanza contro le attività illegali e le eventuali infiltrazioni criminali.

In tale contesto è stato definito, d’intesa con l’Autorità Portuale di Savona-Vado, uno schema di Protocollo di legalità (al quale andrebbero affiancate tecnologie informatiche avanzate) al fine di tutelare la futura realizzazione, non appena avviata, della nota Piastra Logistica Multifunzione in un’ottica di salvaguardia dell’economia legale di questo territorio e di puntuale e attento controllo di quelle zone. Analogo Protocollo di legalità è in fase di avanzata definizione con l’A.N.A.S. per l’intervento riguardante la cosiddetta Aurelia bis.

Sono, in corso di perfezionamento intese con l’Unione Industriali di questa provincia per definire un Protocollo attuativo rispetto a quello stipulato a Imperia il 9 febbraio 2011, alla presenza del Ministro dell’Interno, con Confindustria regionale contro i rischi di infiltrazioni mafiose nell’economia.

Il Prefetto, in data 17 giugno 2011, ha formalmente invitato i Comuni della provincia a far conoscere la propria disponibilità alla gestione associata fra gli stessi Enti locali, con la collaborazione della Prefettura, di Organismi per l’espletamento delle procedure di appalto secondo quanto previsto dall’art. 33 del D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 e ultimamente dalla legge 13 agosto 2010 n. 136 (centrali di committenza, stazioni uniche appaltanti e così via).

Le predette strutture comportano un protagonismo propositivo da parte degli Enti Locali e richiedono intese e forme di collaborazione fra gli stessi, assai rilevanti per assicurare la legalità, la correttezza e la trasparenza dell’attività amministrativa, la difesa delle Comunità locali e dell’economia legale dalle infiltrazioni della criminalità organizzata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da juan

    ….vedere post su ampliamento discarica boccaccio !!!! e mutismo perche’ mi fate scompisciare!!! FATEMI IL PIACERE RIDICOLI!!!

  2. Scritto da juan

    ve le ricordo io le percentuali…al referendum voto’ la meta’ dei cittadini e il 60 % voto’ contro la piattaforma ….ma l altra meta’ non si e’ espressa quindi piu’ o meno il 27% dei vadesi e’ contro l opera…matamatica …non filosofia…
    che caviglia sia “mitico” mi fa ridere visto che sta incassando i soldi del P.O.R. legati alla piattaforma pur “dicendo” di essere contro…MA FATEMI IL PèIACERE!!!!!

  3. Scritto da mamma critica

    refuso
    lui
    scusate
    errore di battitura, Caviglia e’ un grande, gradissimo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. Scritto da mamma critica

    buona sera a tutte le Eccellenze che leggeranno
    iniziamo da principio
    parlando di legalita’ secondo voi e’ legale mandare avanti un’opera che la maggioranza dei cittadini vadesi ha bocciato con un referendum in grande maggioranza al tempo dl sindaco carlo giacobbe??
    no? e allora perche vi ostinate ad andare avanti con questo ECOMOSTRO?
    parlate col sindaco caviglia e chiedetegli i dati esatti del referendum, non ricordo
    le percentuali
    lei sara’ stra felice di fornirveli, ne sono sicura
    poi fate una capatina in libreria a comprare “il partito del cemento” e “la colata” e leggeteveli un pochino
    anche solo certi capitoli
    dopo ditemi a che conclusioni siete giunti – se siete intellettualmente onesti
    in caso in internet ci sono comitati contro le grandi opere iNutili, anche loro potranno fornire prezione informazioni
    senza contare le analisi ARPAL dei fondali, che la assessore allo ambiente Briano non conosceva (bonta’ sua col posto che occupa essere disinformata mi pare abominevole), ma che ora mi pare siano abbastanza ben note a tutti…………
    buona riflessione