IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Positiva all’etilometro si difende: “Non ho bevuto, l’alcol era contenuto in un farmaco”

Albisola S. Positiva all’alcoltest, ma, almeno stavolta, non sarebbe colpa di qualche bicchiere di troppo. A “tradire” una ragazza genovese di 24 anni sarebbe stato infatti un farmaco omeopatico, l'”Homeovit – V46″ che contiene alcol in alta concentrazione. Questa almeno è la tesi sostenuta, questa mattina, in tribunale a Savona, dall’avvocato della ragazza che è finita a giudizio con l’accusa di guida in stato d’ebbrezza.

La ventenne era stata fermata nell’agosto scorso, nei pressi del casello di Albisola, per un normale controllo. Dopo essere stata sottoposta al test dell’etilometro nel suo sangue era stato rilevato un tasso alcolemico di 1,05 g/l. Lei ha però sempre negato di aver bevuto, ma ha spiegato di aver assunto una dose del farmaco che conteneva anche alcol che, secondo la tesi difensiva, è stato il motivo della positività. Stamattina in aula è stato ascoltato il medico curante della giovane che ha spiegato che il medicinale, che serve per combattere mal di gola e raffreddore, non produce nessuno stato di alterazione nella persona che lo assume. Il giudice ha rinviato il processo al prossimo 16 settembre per la sentenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    …scusate ma il Negroni fà alzare il tasso alcolico? :-)

  2. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    …si come quell’altro assessore di Albenga che aveva preso i Propoli…AH AH AH aH!!!!!!
    Comunque, ricordo che è diritto dell’automobilista non fidarsi della rivelazione dell’accrocchio in dotazione e pretendere analisi ematiche in ospedale per verificare l’esatto tasso di alcool.
    Tra discussione e verbalizzazione passano dieci minuti, poi si va all’ospedale piu’ vicino e ne passano altri 10 Nessuno puo’ negarlo. Poi, al P.S. , ovviamente ci sarà un po’ di coda e così il tempo passa… altri 10 minuti… 15… e poi si fà il prelievo…il cui esito ( ovviamente piu’ favorevole rispetto a quello del “fischietto”) si potrà utilizzare in contraddittorio a quello dell’accrocchio… :-).
    …Meglio di niente o di doversi inventare queste panzane dei farmaci in base alcolica….
    Sarebbe meglio, comunque NON BERE PRIMA DI METTERSI ALLA GUIDA!!!!!!!!!!!

  3. Scritto da Danieledelmastro

    Anche l’amaro Averna rientra nelle cure omeopatiche, si sa.

  4. Belan
    Scritto da Belan

    Fonti:
    “Società italiana di Medicina Naurale” ed “Erboristeriadulcamara”

  5. Scritto da freeholly9

    belan puoi citare mica le fonti please?