IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pietra, caccia all’uomo che ha sparato con un fucile ad aria compressa ad un gabbiano

Pietra L. E’ caccia a Pietra Ligure alla persona che, ieri, si è “divertita” a sparare ad un gabbiano con un fucile ad aria compressa. I volontari della Protezione Animali hanno raccolto l’animale gravemente ferito in viale della Repubblica, dove agonizzava tra l’indifferenza dei passanti da alcuni giorni. Il veterinario, il dottor Catarella, gli ha estratto due pallettoni di quasi cinque millimetri di diametro dal palato e da un’ala ma non si sa ancora se l’uccello si salverà.

Altri due gabbiani colpiti da fucili ad aria compressa erano stati soccorsi dall’Enpa nei giorni scorsi, rispettivamente a Spotorno e Varazze; a Laigueglia invece la scorsa settimana un volatile era morto appeso ad una grondaia con una corda attorcigliata attorno al collo (forse per caso o forse no). Le Guardie Zoofile dell’Enpa, Polizia Municipale e Carabinieri sono stati allertati per avviare indagini e controlli, mentre l’Enpa rivolge un appello a tutti i cittadini affinché chiamino le forze
dell’ordine nel caso vedessero spuntare da qualche finestra la canna di un fucile, ricordando che anche loro corrono grossi pericoli.

“I gabbiani invadono le città e nidificano sui palazzi, sia per la cementificazione delle coste, sia perché non trovano cibo sufficiente nel loro ambiente naturale (spiagge e scogliere); ciò a causa della rarefazione della fauna marina dovuta alla pesca professionale eccessiva, nonché alla pesca sportiva ed alla raccolta sui litorali di ogni tipo di animali marini – di cui si cibano questi volatili – da parte di gran numero di persone, proprio e soprattutto durante la stagione critica della nidificazione (maggio-luglio); se si proibissero tali attività almeno in questi mesi, forse i gabbiani rimarrebbero nel loro ambiente” spiegano dall’Enpa che nel solo mese di giugno ha soccorso 90 gabbiani (e circa 100 altri volatili e mammiferi in difficoltà) feriti, nidiacei caduti o buttati giù dai nidi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. gian joao
    Scritto da gian joao

    sorvolando sulle spericolate acrobazie grammaticali che leggo sempre più spesso tra i commenti, vorrei solo far notare che la crudeltà verso gli animali è grave perchè porta facilmente alla crudeltà verso le persone: un cretino che spara per divertimento a un gabbiano quanto tempo potrebbe metterci a cominciare a sparare pallini a un barbone?

  2. Scritto da LUCIANO PESCETTO

    Io non ce l’ho con voi, perché se non riuscite a capire certe cose, compreao il pericolo che lo sparatore fa correre a persone e bambini, non è colpa vostra.
    Ce l’ho con chi pubblica le vostre cattiverie e probabilmente non visiterò più IVG.

  3. dark dog
    Scritto da dark dog

    Caro fierovalbormidese, delle famiglie che non arrivano a fine mese se ne parla eccome, il problema è che non si fa niente perchè le cose cambino! Fino ad oggi, ma adesso Voi con il vostro paladino Quaini ( proprietario di un bellissimo beeagle) adotterete misure tali da sconfiggerete la crisi e tu non ti dovrai più alzarti alla mattina alla cinque per andare a lavorare cosicchè potrai frequentare un corso di italiano che ti permetta di scrivere un commento in un italiano non” ignobile”.

  4. sissio
    Scritto da sissio

    ..complimenti all’enorme stupidità dei primi 2 commenti.. poveracci… 2 elementi veramente sensibili…

  5. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    In un ascala di priorità, ovviamente debbono esservi prima gli umani. Però, questo non significa che si possa cinicamente far finta di niente davanti a episodi di crudeltà gratuita verso i nostri amici animali.
    Quindi, non sono daccordo con i post.
    Invece, ringrazio la Redazione di IVG per essere sempre solerte nel segnalare questi episodi con cui, si spera, gli amini dei civilissimi umani possano essere sensibilizzati.