IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Onzo, il sindaco Marina Casa: “Timori per i tagli, contiamo sul fondo di riequilibrio”

Più informazioni su

Onzo. “Non abbiamo risorse Ici, non incassiamo oneri di urbanizzazione perché non si costruisce, non sappiamo quali trasferimenti ci saranno destinati: la nostra situazione finanziaria è davvero difficile. Contiamo molto sul fondo di riequilibrio”. Marina Casa, sindaco di Onzo, paesino dell’entroterra ingauno, commenta la situazione dei piccoli Comuni alle prese con le manovre economiche e normative del governo.

“Tiriamo la cinghia e cerchiamo tutte le soluzioni per risparmiare, ma è complicato se non si vogliono penalizzare i servizi, già di per sé aggravati – osserva il primo cittadino – La nostra popolazione è prevalentemente anziana, ma per ora siamo fortunati: non si registrano particolari problemi. Certo che se avvessimo un’emergenza non sapremmo dove reperire le risorse per farne fronte. Così anche nel caso di eventi calamitosi, ed è anche per questo che teniamo al massimo monitorato e pulito il territorio con la Protezione Civile”.

Le modalità con cui verrà ripartito il fondo di riequilibrio condizionerà le risorse destinate ai piccoli Comuni. “Ci contiamo molto, considerati i tagli che verranno inferti ai trasferimenti e che temiamo, e poniamo fiducia nel ruolo dell’Anci Liguria in questa fase di definizione dell’esercizio finanziario” afferma il sindaco del paese della Valle Arroscia. “Abbiamo già subito difficoltà legate alla soppressione delle Comunità Montane, una cancellazione che ci ha fatto mancare diverse sicurezze – sottolinea Marina Casa – Stiamo fra l’altro ricostruendo con Laigueglia capofila l’ambito che si occupava dei servizi sociali per l’ente montano”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Benvenuta …..
    i cittadini, da una ventina di anni sono alle prese con problemi molto simili.
    .
    La folle scelta di inserire nella gestione amministrativa i “manager” strappati
    (o meglio ricliclati da un sicuro fallimento nella gestione privata delle imprese)
    ha creato gli stessi problemi nella gestione di una economia molto piu’ importante ….
    .
    quella di casa nostra.
    .
    Tutti noi tiriamo avanti nella speranza che non accada nulla di nuovo…..
    .
    e se succede …. non si sa’ come andare avanti ….
    Ho appena predisposto i moduli f24 per il pagamento dell’ici ….
    .
    ((((cosa penso io “elettore” di questa assurda gabella che non colpisce il reddito
    ma un bene che non fa’ reddito ….
    un bene che e’ gia’ soggetto alle tasse statali ….
    dove la tassa da pagare e’ al lordo di questa tassa odiosa …
    .
    che ci fa’ odiare i destinatari della stessa …..
    .
    cosa penso “io elettore” di questa tassa …..
    lo puo’ spiegare chi dopo averla fatta nascere …. se ne e’ vantato …..
    ed e’ sparito dal panorama politico..
    .
    una tassa destinata alle amministrazioni locali …. che paga …..
    chi non ha nulla a che vedere con queste amministrazioni ….
    i proprietari che risiedono altrove))))
    .
    dopo aver compilato i modelli f24 …… li ho strappati …
    .
    non ce la faccio a pagarli in una unica soluzione
    ne pago la meta’ il 16.6 e l’altra meta’ fra sei mesi ……
    .
    .
    Ma non e’ finita …… nel fare la denunzia dei redditi (?) trovo che l’anno scorso ho speso piu’ di 1800 euro tra ticket e medicinali …..
    e quelli legati a mia moglie “ricca” ……
    con la sua pensione di cento euro mensili che sommata al reddito figurativo delle abitazioni cointestate non e’ piu’ a mio carico …..
    .
    (grazie al fatto che alcuni “lavoratori” poco efficienti dal 1995 non aggiornano piu’ il limite fra persone autosufficienti e persone “a carico” ….
    fermo a 5.500.000 lirette
    che all’epoca potevano anche rappresentare un limite significativo …..
    ora tradotti in euro ….
    Euro 2.840,51 Euro al lordo degli oneri deducibili. …
    non rappresentano piu’ nulla ….
    .
    questi “pseudo lavoratori” si limitano ad aggiornare il loro stipendio ….
    con un occhio alla loro pensione per la quale non pagano contributi …..
    li paghiamo noi)

    pertanto potro’ scaricare qualcosa “solo” sui 1.180 euro a me’ attribuiti.
    .
    Ecco …… tutto questo giro di parole per un problema …..
    con un centinaio di euro i miei figli si sono assicurati privatamente ….
    e …..
    non pagano questa ulteriore tassa …. a loro i ticket vengono rimborsati.
    .
    Ecco …… probabilmente “questa” e’ la strada ….. “meno Stato” ……
    .
    PS ….. e’ caduto in parte il tetto di una mia casetta …. quasi due anni fa’ ….
    ora per mettervi una “pezza” mi hanno chiesto 2000 euro …..
    che diventano 3940 aggiunte le spese dovute alla burocrazia …..
    aspettiamo ancora …
    sperando che non crolli tutto ….
    ora devo pagare tante tasse assurde per amministrazioni inutili.