IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nomine direttori Asl, Rixi (Lega): “La Regione assume i compagni sconfitti in Piemonte”

Più informazioni su

Liguria. Duro intervento di Edoardo Rixi, Capogruppo della Lega Nord Liguria, a proposito delle nomine Asl della Regione Liguria. Secondo l’esponente del Carroccio “tra pochissimo il Presidente della Regione e la sua giunta di sinistra dovranno nominare quattro nuovi dirigenti delle aziende sanitarie liguri su cinque. E’ scandaloso che i nomi maggiormente quotati per dirigere la Sanità ligure siano gli ex direttori delle aziende sanitarie piemontesi, e guarda caso tutte persone di fiducia dell’ex governatrice di sinistra Bresso, la stessa che ha perso le elezioni contro il leghista Cota”.

“Se come sembra saranno queste persone, sicuramente degne del massimo rispetto, i futuri direttori delle nostre Asl si verificherà uno squallido precedente, cioè che le forze politiche devono riciclare i propri uomini per mantenere il clientelismo elettorale e per assicurare sempre e comunque la poltrona agli amici degli amici – aggiunge ancora Rixi -. La giunta che siede in Piazza De Ferrari ci deve spiegare a questo punto perché si vogliono sostituire i nostri direttori generali che con tutti i loro difetti hanno portato la sanità ligure fuori dall’accompagnamento con i loro colleghi piemontesi che invece hanno contribuito all’enorme buco sanitario della giunta Bresso. Un settore di primaria importanza come la Sanità” conclude il Capogruppo Rixi “dovrebbe essere scevro dalle nomine politiche, e se proprio la sinistra non è in grado di abbandonare questa brutta abitudine almeno nomini dei rappresentanti liguri che conoscano a fondo la nostra realtà, magari concordando i nomi con gli enti locali su base territoriale. Mi chiedo se questo atteggiamento non sia dovuto al fatto che secondo l’assessore Montaldo negli oltre cento iscritti all’albo dei direttori generali della nostra Regione non c’è nessuna persona capace o degna di fiducia…”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da protesta

    Se così fosse qual’è il problema?C’è (ANCORA)da stupirsi?Molti settori a dipendenza statale(forze armate e dell’ oridine,magistratura,scuola e quant’altro) sono caratterizzate da tale malcostume.Altrimenti non ci sarebbero opinioni comuni tra la persone dipendenti del privato.Non bisogna ovviamente generalizzare,ma faccio una provocazione:la sanità piemontese è,per cosa mi dice la mia esperienza,tendenzialmente migliore qualitativamente e quantitativamente di quella ligure.Magari andremo(?)meglio,tessere di partito a parte.

  2. Scritto da roberto 2

    Faccio notare al “distratto” Rixi che Cota ( lega ), eletto governatore del Piemonte, ha assunto, come assessore alla sanità, la signora Caterina Ferrero ( pdl ), che nei giorni scorsi e’ stata arrestata con gravi accuse a suo carico!
    Almeno gli “sconfitti” in Piemonte non hanno contatti con gli “onesti” da poco eletti!!!
    Come al solito Rixi parla a sproposito, in questo almeno e’ coerente!!!

  3. enrico fuoridalcoro
    Scritto da enrico fuoridalcoro

    cosa volete che facciano dei dirigenti pubblici trombati se non i dirigenti pubblici da qualche altra parte, sono persone incapaci a ricollocarsi in una azienda privata perchè dovrebbero inserirsi in un ambiente meritocratico che non gli appartiene culturalmente. Il privilegio maturato per merito politico è autoreferenziale e non sempre coincide con l’interesse pubblico. Ma se facciamo la conta di quanti dirigenti quadri e clientes la politica deve mantenere non mi stupisce che i commenti qui letti siano sintetizzabili con:” voi siete peggio di noi”

  4. aratro e spada
    Scritto da aratro e spada

    I compagni sono sempre stati bravi a fare clientelismo.
    Ottima mossa politica di Rixi. Bravo.

  5. Scritto da Resist

    se un tecnico di valore, con grande esperienza, viene dal Piemonte, non vedo il problema.
    Se viene privilegiato solo per l’appartenenza politica, è il solito atto vergognoso.
    Un malcostume che la Lega ha comunque assimilato presto dove esercita il potere.