IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Procura indaga ad Andora, Floris: “La nostra amministrazione non ha nulla da temere”

Andora. A margine del raduno degli Alpini, che vive oggi la sua giornata clou, il sindaco di Andora Franco Floris interviene in merito alla questione delle indagini della Procura savonese sugli affari della Scavo-ter nella cittadina al confine con la provincia di Imperia.

Un’inchiesta sulla regolarità di alcuni appalti pubblici, ma non solo. Ci sarebbero anche dubbi riguardo la legalità di alcuni concorsi ed alcune assunzioni. Le voci corrono e c’è chi sostiene come le ombre delle infiltrazioni mafiose si stiano allungando anche su Andora, così come accaduto nell’estremo ponente ligure.

Il primo cittadino smentisce senza esitazioni. “E’ un fatto assolutamente non dimostrato – dichiara Floris -. A noi non risulta e non credo sia così. Credo che andare dietro al gossip su aspetti così importanti e delicati sia un errore. Il nostro è un paese sano, la mia amministrazione è andata contro i gruppi di potere. Le indagini della magistratura è bene che ci siano, ci sono in tutta la provincia di Savona per tutti i lavori svolti da alcune ditte. E’ bene che si faccia chiarezza. E’ importante che la magistratura indaghi perché è una sicurezza sia per noi che per i nostri cittadini”.

“L’inchiesta riguarda alcuni lavori che sono stati svolti nel nostro paese da una società di Vado. Ci hanno chiesto tutti gli incartamenti – precisa Floris -, li abbiamo già mandati e li stanno già vagliando. Noi siamo a disposizione degli inquirenti e non abbiamo nessun problema, né l’amministrazione né i nostri dipendenti”.

Riguardo alle voci sulle irregolarità di concorsi ed assunzioni, Floris taglia corto: “E’ una grande schiocchezza, una fesseria. Ricorsi non ce ne sono mai stati da parte di nessuno. Dopo due anni qualcuno si sveglia e va a denunciare queste cose. Credo che qualcuno voglia schizzare del fango inutilmente, perché un’amministrazione sana come questa è difficile trovarla. Siamo ben organizzati con una struttura forte, potente e attenta e siamo sempre pronti a collaborare con la magistratura. Voglio ricordare che non abbiamo alienato il verde ma lo abbiamo implementato, così come il patrimonio e i servizi sociali. Il nostro è un grande Comune con un grande bilancio. Non abbiamo nulla da temere e siamo a disposizione di tutti”.

Floris si dice attento sulla questione delle infiltrazioni mafiose, alla luce di quanto emerso recentemente in provincia di Imperia e a tale scopo lancia una proposta: “Ho scritto al Prefetto per chiedergli di incontrarci per creare una stazione sugli appalti gestita in modo unitario con tutti gli altri comuni, per aiutarci a gestire bene un elemento così pericoloso e nascosto. E comunque noi, come Comune – conclude -, non possiamo escludere una ditta soltanto per le chiacchiere di qualcuno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. donnamascarata
    Scritto da donnamascarata

    @ AlbenganeseDOC, è vero, mafia e malaffari ” fora di ball ” da tutte le parti, non solo dal Nord
    perchè cosi’ tanto per fare un esempio, se spedisci una cartolina da Albenga, da Palermo o da Arcore il francobollo costa sempre lo stesso prezzo.
    Anni or sono bossi chiamava qualche persona il mafioso di Arcore ma, non ricordo a chi volesse rivolgersi.

  2. Scritto da vecchia guardia

    Eg. Sig. Sindaco, aggiungo, non l’abbia male con il Consigliere di opposizione Barberis, la Dott-ssa ha fatto semplicemente il suo dovere senza accusare nessuno, ma chiedendo spiegazioni.( non viene in Consiglio a scaldare la sedia, non fa risatine e ne si addormenta) Meno male che qualcuno rappresenta le persone che non la pensano come Lei e magari non sono troppo soddisfatte del Suo operato, e che si pongono delle domande.( SI CHIEDERÀ: “COME È POSSIBILE CHE QUALCUNO PENSI DIVERSAMENTE DA ME , COME FANNO A PORGERSI DOMANDE,COME OSANO CHISSA’ COME SONO : BRUTTI-CATTIVI DI UN ALTRO PIANETA, AVRANNO MICA UN CERVELLO CHE PENSA, MI TOCCHERA’ FARMI CROCIFFIGGERE,MA NON IN SALA MENSA, MAGARI IN QUELLA CONSIGLIARE, PER SALVARE IL MONDO DA QUESTI ALIENI”). Nel gregge ci sono sempre le pecore nere , abbia tanta pazienza e dorma sonni tranquilli, non sia nervoso Le può far male alla salute, e poi noi umili mortali come facciamo se Lei non è nel pieno delle forze? Noi siamo tutti fiduciosi e contenti che tutto venga chiarito e risolto nel migliore dei modi. LE SUGGERISCO , SIG. SINDACO , NEL PROSSIMO CONSIGLIO DI SPEGNERE IL TELEFONINO, VEDE IL CELLULARE È UTILISSIMO, COME LA LAVATRICE, MA SE LA LASCIAMO A CASA È MEGLIO. GRAZIE

  3. Scritto da vecchia guardia

    Eg. Sig Sindaco, ma non è Ella che nell’ultimo Consiglio Comunale ha dichiarato che non legge e non utilizza internet…?

    Le ricordo che Andora è in Italia, Paese democratico, dove l’opposizione, Suo malgrado, esiste e tra i vari compiti ha anche quello di vigilare sull’operato della maggioranza, ed ha il DIRITTO E DOVERE di chiedere spiegazioni a Lei Sindaco o agli Assessori ( negli altri comuni alle volte parlano) su tutto quello che riguarda l’amministrazione.Sempre negli altri comuni il Sindaco risponde senza vittimismi o paure di persecuzioni. Il prossimo Consiglio Comunale non convochi l’opposizione, faccia un bel monologo ( applausi compresi) e poi concluda : quanto son bello quanto son bravo, sarà un successone. … SIFFREDI ,MOMIGLIANO, BRUNO, PESENTI CHE NOSTALGIA DI SINDACI SIGNORI…

  4. Scritto da AlbenganeseDOC

    Ho letto,un attimo fa sull’agenzia Savonanews , un articolo che riguarda questa vicenda che ha qualcosa di ABERRANTE!!!
    Giornalisti che hanno fotografato i lavori del raddoppio ferroviario palesemente minacciati da personaggi ,italiani e NON,dichiaratamente con fare minacciosso e mafioso.
    Questa non è più una terra libera,questo non è più vivere.
    Ha ragione Bossi,quest’oggi,a Pontida quando ha detto MAFIA E MALAFFARI FORA DI BALL DAL NORD!!!!