IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Infiltrazioni mafiose ad Andora, lo sfogo di Floris: “Il mio Comune è un esempio di trasparenza” foto

Andora. E’ un vero e proprio sfogo quello del sindaco andorese Franco Floris per allontanare il sospetto di infiltrazioni mafiose negli appalti pubblici del suo Comune e per chiarire la sua posizione nei confronti delle indagini della Procura savonese sugli affari della Scavo-ter nella cittadina al confine con la provincia di Imperia.

“Abbiamo portato avanti i nostri progetti con il massimo della trasparenza” esordisce Floris che, a proposito del progetto del raddoppio feroviario dice: “Se la Scavoter ha rapporti con le Ferrovie, o Italfer, il Comune non può saperlo. Si tratta di un accostamento vergognoso. La mia amministrazione ha prodotto atti concreti per contrastare la presenza di organizzazioni mafiose nei lavori pubblici con la creazione di un ufficio apposito per appalti e contratti con la verifica di tutte le pratiche. Abbiamo sempre applicato le regole. Non vi è nessun legame con la Italfer perché il Comune non è competente per i lavori: anzi, al contrario è stata proprio l’amministrazione comunale a denunciare, già nel 2008, la lentezza dei lavori e il danno per la città provocato dal cantiere”.

“Riguardo agli attacchi, anche personali, rispondo con fatti concreti – continua il sindaco andorese – L’8 giugno ho chiesto al Prefetto di verificare la possibilità di istituire una ‘stazione appaltante’ per la provincia di Savona per implementare i controlli sulla gestione degli appalti. Mi auguro che le indagini avviate dalla Procura possano concludersi a breve. Non abbiamo nulla da temere ed è anche nel nostro interesse andare fino in fondo in questa vicenda”.

Infine, una dura risposta di Floris anche sul fronte del Puc visto che il Comune di Andora è stato definito come “l’amministrazione del cemento”: “E’ un’accusa ridicola e sono i dati a dimostrarlo: dico solo che nel 2010 il nostro Comune ha incassato 400mila euro di oneri di urbanizzazione, una cifra ben più bassa rispetto a quella di altri Comuni costieri”. “Abbiamo inserito criteri precisi anche nella metratura dei nuovi alloggi in costruzione, per evitare lo spezzettamento…Abbiamo bloccato ogni progetto edilizio sulle colline, ritenendo molte zone sature”.

Il primo cittadino di Andora ha anche difeso l’azione del Comune nelle azioni di riqualificazione della città: da Palazzo Tagliaferro, rimesso a nuovo, a largo Milano con la nuova biblioteca comunale fino alla zona a mare del molo Tortuga, senza contare l’operazione hotel Lido (1,5 mln di euro in opere pubbliche). “Abbiamo vinto la causa per la Colonia d’Asti, che rimarrà spiaggia libera attrezzata con spazi pubblici “altro che alienazioni” dice Floris, oltre alla zona dell’Ariston in stato di abbandono, dove verranno realizzate due palazzine con una porzione d’albergo “anche in questo abbiamo limitato i metri cubi…”. Secondo Floris, gli atti portati avanti dalla sua amministrazione e, in particolare, dall’Ufficio tecnico, avrebbero toccato grandi interessi di privati, il che avrebbe portato a vendette e ritorsioni. “Il Comune sta per riappropiarsi di aree e porzioni di città che sono il patrimonio spettante non solo all’amministrazione comunale ma a tutti gli andoresi” ha aggiunto Floris, che ha citato a più riprese le esternazioni e le prese di posizioni manifestate dalla consigliere comunale Alessandra Barberis, che aveva presentato in Consiglio comunale una interpellanza sulle attività della Scavo-ter nel territorio andorese.

Infine, il sindaco di Andora ha difeso l’operato del Comune anche sul fronte dei concorsi pubblici e delle assunzioni del geometra Pariniello e dell’ingegnere Oreggia, le due persone che risultano indagate dalla Procura. “Oreggia ha semplicemente applicato il Puc con il rilascio dei permessi per le costruzioni in essere sul nostro territorio, così come Pariniello verso cui ho la massima fiducia. E’ giusto aspettare l’esito di questi accertamenti ma è solo il tribunale a poter emettere sentenza”.

“Noi andremo avanti con il nostro lavoro ed il nostro programma, che vede un bilancio invidiabile nonostante la più bassa pressione fiscale. Abbiamo investito 600 mila euro in più per l’assistenza socio-sanitaria e contributi alle famiglie, senza contare un campo solare da 100 posti. Questi sono fatti, il resto sono chiacchere…”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giasone

    il sindaìco floris fa bene a difendere il suo operato e la sua città però deve rendersi conto che quello che ha scoperto la magistratura in questi mesi non è altro che la punta di un iceberg che da da decenni interessa tutta la riviera
    ripeto ancora una volta il pericolo sta nelle seconde generazioni distinti rampolli laureati per bene che prosperano grazie all appoggio delle famiglie
    possibile che nessuno si ricordi quello che succedeva negli anni 60/70

  2. Scritto da vecchia guardia

    Eg. Sig. Sindaco, per delle semplici e doverose richieste d’informazioni di un esponente di opposizione Ella convoca una conferenza stampa? Non era più elegante rispondere in ambito di Consiglio invece che sui giornali e siti internet ? Certo la popolarità e il protagonismo sono il Suo forte. ( ricordi il privilegio del silenzio). Lei non accetta l’opposizione e chi non Le dà ragione, e per un Sig. Sindaco non è certo una cosa di cui vantarsi.Lei ha sempre paura di essere vittima di chissà chi e chissà cosa, come qundo Le furono tolte le deleghe dal Sig. Sindaco Pesenti( quello si che era un Signore).Ma dove sta la Democrazia in questo Comune ?
    Non le resta che creare una tv di Andora , cioe la Sua, “TELECOMANDO IO”, una tv stile Unione Sovietica, anni 70, in bianco e nero con due ore di programmazione al giorno. Questa potrebbe essere una giornata tipo : ore 18,00 previsioni del tempo, conducce F.F,, ore 18,20 situazione papere e topi nel torrente Merula, conduce F.F., ore 18,30attualita, come risolvere il problema delle concessioni balneari: MENO SPIAGGIE PIU CASE SULLA SABBIA., conduce F.F.. ore 19,00 il canta giro, conduce e canta F.F.. ore 19,20 intervista con l’autore , dal libro ” da Floris” domande e risposte, conduce F.F. ore ore 19,57 spazio salute, conduce dott-ssa Barberis: criptato, ore 19.58: spazio all’opposizione ,la parola al Consigliere Barberis : criptato, ore 19.59 spazio agli assessori. ore 20,00 fine programmazione……..Silvio è un dilettante

    viva la democrazia. a presto

  3. marcello2008
    Scritto da marcello2008

    Da Ceriale ad Andora….. un unico filo conduttore…..

  4. Scritto da marco marchiano

    quì sembra di essere ad un esame orale dove la commissione appreso delle numerose lacune e disconoscenze nella materia da parte dell’esaminando, vedendolo annaspare gli pongono la più banale delle domande:” Parli di un argomento a piacere”.

  5. Scritto da marco marchiano

    Con il massimo della trasparenza…. infatti vedo dalle foto che è pieno di consiglieri di minoranza.
    Soprattutto trasparente per il contraddittorio che lascia sempre fare. perchè non fa un consiglio comunale Aperto??? dove anche i cittadini possano dire e fare osservazioni?
    poi le chiedo chi Le scrive le memorie…. perchè da quello letto sui giornali e da internet non ho letto degli appalti dati dalla ferrovial , ma semmai quelli che dal 2004 il comune ha dato alla scavoter e come da Lei riferito sui giornali anche di somma urgenza alcuni.
    per quanto riguarda il PUC, mi scusi, ma chi ha fatto e firmato il PUC insieme ai commissari esaminandi del concorso pubblico?